Cronaca HOME PAGE — 23 gennaio 2012

Si è svolta a Collelongo una delle gare invernali più partecipate del circuito Winter Trail.
Il percorso di14km. partendo dalla piazza principale scende lungo il corso per poi svoltare a sinistra dopo 300 mt.ed inoltrarsi nel bosco fino a trovarsi immersi nella natura.
L’avventura dei podisti campani comincia il giorno prima, oltre 50 iscritti di varie società Napoletane. Viaggio il pullman turistico ed alloggio presso l’ostello di Collelongo dove l’allegria ha regnato sovrana fin dalle prime ore dal nostro arrivo. Ottima l’accoglienza di Anna Maria Manna, instancabile organizzatrice e tuttofare per questo meraviglioso evento che per due giorni non l’ho vista fermarsi un attimo. L’assegnazione degli alloggi ha dato seguito ad una serie di situazioni divertenti che hanno immediatamente stemperato il peso del viaggio e della anche se leggera, della tensione della gara del giorno successivo non certo semplice per caviglie e gambe. La cena servita è stata gustosa ed apprezzata da tutti, e sentire gli altri miei compagni di avventura (io sono astemio), anche il vino era molto buono. La passeggiata per le strade di Collelongo con il clima freddo e secco ha contribuito a smaltire le ottime salsicce con patate. La serata all’ostello è continuata con una serie di gag divertenti e goliardiche….per molti è stata una fantastica esperienza vivere in condizioni giovanili, quasi adolescenziali, che avevano fino ad allora ascoltate solo dai racconti delle esperienze dei loro figli in vacanza. La domenica mattina la sveglia per tutti è suonata presto, il tempo di una doccia, una ricca colazione con carboidrati, caffelatte, miele, e quant’altro sarebbe servito per affrontare la fatica che ci avrebbe aspettato da li a poco e subito in strada ad affrontare la temperatura che ci avrebbe accompagnato durante la gara. Il sole è stato presente sin dalle prime ore del mattino a riscaldare le strade brinate a tratti ghiacciate dalla bassa temperatura scesa durante la notte, anche noi abbiamo gioito alla vista del sole splendente considerando che l’edizione 2011 della winthertrail di Collelongo era stata segnata dalla presenza di neve e nevicava anche durante la gara.
Tutti pronti allo Start, numerosi partecipanti da ogni regione, oltre 250 al via con 223 arrivati, si parte in discesa e dopo circa 2 km. l’asfalto finisce per dare posto allo sterrato, prima pianeggiante e subito dopo la salita, la quale man mano che si procede diventa sempre più insistente…ci si inoltra sempre di più nel bosco, la strada diventa un sentiero sconnesso ed i tratti in ombra presentano ancora presenza di ghiaccio, quelli avanti avvertivano coloro che li seguivano della presenza di ghiaccio…il respiro corto e profondo diventa la colonna sonora di quel percorso misterioso immerso nella natura incontaminata. Da subito in testa Lamiri Mahmned e Gennaro Varrella seguiti da Kourachi Abdelhadi e Maurizio D’Andrea. La salita si inerpica sempre di più, tra sassi, rami secchi presenti tra il fogliame, tratti innevati e fondi scivolosi: Si fatica non poco per arrivare in cima, le guardie forestali presenti sul percorso aiutano noi atleti a non sbagliare strada e seguire le strisce di nastro segnaletico appese ai rami degli alberi. Il sapore è quello dell’avventura mentre incontri i fotoreporter che immortalano l’impresa che stai appena compiendo cogliendo sul viso i segni della fatica e dello stupore di essere a contatto con la natura amica. Mancano 600 mt. Prima di giungere sul picco della montagna che ci fa guardare l’altro versante. Sono i più duri, vedo atleti che si aiutano con le mani arrampicandosi ai rami presenti a terra semiaffondati nella terra e tra la poca neve ancora presente. A meno di cento metri dal cocuzzolo il profumo di salsiccia arrostita pervade prepotentemente le narici….un ristoro anomalo ma tanto gradito da molti….qualcuno si ferma ad assaggiare e beve un bicchier d’acqua per poi continuare l’avventura. La gara prosegue, mancano più di 4 Km. All’arrivo, e l’ultimo tratto si presenta con una lunga discesa ripida su viottoli innevati, ghiacciati e sconnessi…a quel punto, lungo la discesa, Maurizio D’Andrea supera Kourachi Abdelhadi e Gennaro Varrella inserendosi in seconda posizione continuando a scendere velocemente fino agli ultimi 800 mt. Dove inizia l’ultimo tratto asfaltato che porta in paese, sul quale Gennaro Varrella ritrova il suo passo e si avvicina di molto cercando di recuperare la seconda posizione, ma non gli bastano 800 mt. Per raggiungerlo e superarlo, il distacco all’arrivo è di 12’’. L’ordine di arrivo alla fine è: 1° Lamiri Mahmned, con il tempo di 57’57’’ – 2° Maurizio D’Andrea dei Runners Sulmona con 58’42’’ e 3° Gennaro Varrella della International Security Service con il tempo di 59’00’’. Per la classifica femminile al 1° posto si afferma Elisa Gabrielli della Atl. Brugnera, 1h09’47’’al 2° posto Monia Coletti della Fit. Program Pescara 1h16’39’’ed al 3° posto Maria teresa Cannuccia della Running Evolution Colonna con il tempo di 1h18’14’’…Poi a seguire tutti gli altri… stanchi, felici e sorridenti. Dopo questa positiva esperienza, credo che per molti l’appuntamento per la prossima edizione è rinnovato d’ufficio.

Tony Biagio Carannante

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>