Cronaca HOME PAGE — 11 giugno 2012

Autore: Marco Cascone –

La 12ima edizione del “Trofeo San Nicandro” a Venafro (Is)  ha confermato la bella tradizione della gara organizzata dall’Atletica Venafro, da Massimiliano Terracciano ed il suo team. Una bella tradizione, fatta di esaltante agonismo, visto anche il valore degli atleti in gara, e soprattutto di spettacolo, visto il pubblico e il calore che lo stesso riesce a trasferire all’evento. Quest’anno la partecipazione è stata un po’ condizionata dalla concomitante partita della nazionale di calcio, ma comunque le emozioni, che da sempre caratterizzano questo evento, non sono state scalfite.

Gara

Arrivare allo sprint con Erastus Chirchir è un suicidio per chiunque. Il fatto però che staccare Chirchir non è facile per nessuno e neanche per un ottimo Eric Sebahir, che le ha tentate tutte per riuscire a primeggiare. Tentativi risultati vani. Alla fine, dopo passaggi sul piede dei 2’58” a km, solo 1” ha separato i due contendenti per la vittoria. Si sono presentati spalla a spalla sul Corso Campano (cuore della gara, con tre giri spettacolari che esaltano l’agonismo) e la velocità micidiale di Chirchir non ha lasciato spazio al compagno di fuga. 26’30” per il keniano, con una media di 2’56”4 a km. Zaid Issam, vincitore della scorsa edizione, si è dovuto accontentare della terza posizione: troppo forti gli avversari di quest’anno. Quarta e quinta piazza per Paul Tiongik e Abdelkebir Lamachi.

Primo degli italiani uno splendido Pasquale Rutigliano (Stato Maggiore Esercito Dar). Atleti come Pasquale esaltano il nostro Sport, rappresentando lo stesso alla massima espressione: per qualità e soprattutto per modo di essere e di proporsi.

Gara donne con la presenza di Janat hanane. La Marocchina sarà a rappresentare la sua nazione in occasione della Maratona Olimpica di Londra, e al momento non è ancora nella piena forma. In forma invece la Keniana Priscilla Kimitei, vincente sul piede dei 3’32” a km, sul percorso non facile dei 9 km del Trofeo. La Hanane a 37”, con la bravissima Eleonora Bazzoni (Running Club Futura) 3° in 33’23”, prima italiana al traguardo

Premi speciali per i primi tesserati di Isernia e per i primi Venafrani al traguardo.

Arianna Di Pardo e Enzo Letizia nel primo caso, Massimiliano Grande e Anna Bornaschella nel secondo.

La classfica a squadre, così come oramai da tradizione, è stata dominata dalla Nuova Atletica Isernia. Agostino Caputo (giustamente orgoglioso) emozionato al ritiro del premio assegnato in ragione dei suoi 50 atleti al traguardo (molti dei quali vincenti delle varie categorie).

L’edizione numero 12 del Trofeo San Nicandro ha risentito un po’ nella partecipazione, neanche un po’ nello spettacolo. E’ stata, come sempre, una gara splendidamente organizzata, con tanto pubblico ed emozioni che hanno saputo accompagnarci per tutta la serata.

Una serata speciale a Venafro. Come sempre!

Share

About Author

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>