Cronaca — 07 luglio 2006

La Traslaval ha chiuso in bellezza col ‘tappone’ sull’Alpe di Lusia, che tra il resto è stato  ‘risparmiato’ dal maltempo.
Quest’anno più che in altre edizioni il Giro Podistico della Val di Fassa è stato indeciso fino all’ultimo chilometro ed infatti oggi se ne sono viste delle belle.
La tappa di oggi, praticamente tutta in salita, è stata vinta da Antonio Molinari con una grinta e determinazione unica, ma al secondo posto si è piazzato il keniano Rugut che ha gestito con intelligenza il suo vantaggio nella classifica generale, andando a vincere così per la seconda volta la Traslaval.
Nella gara femminile ha preso parte, e solo oggi, Lorenza Beatrici la quale ha vinto la tappa di giornata, ma una effervescente Mirella Bergamo, seconda alle spalle della Beatrici, è balzata al comando della generale scavalcando Maria Laura Fornelli, oggi poco reattiva.
La gara ha preso il via da Malga Passerella, alla partenza degli impianti del Lusia, ed è salita fino in cima all’Alpe a 2.240 metri. Oggi non c’era spazio per la tattica, e chi aveva interesse nella classifica è partito subito a tutta.
Molinari aveva promesso battaglia e l’ha data fin dal via, partendo al galoppo senza nessun risparmio. Rugut ha spedito subito alle calcagna del fuggitivo la sua ‘lepre’ Kutung, ma quest’ultimo, ancora acciaccato dopo la caduta di martedì, non ha retto che un chilometro e così Rugut si è lanciato a caccia di Molinari, ma il confronto è andato man mano scemando. Molinari ha incrementato il vantaggio su Rugut chilometro dopo chilometro, ma sarebbe stato pressochè impossibile per lui recuperare i 4′ nella classifica assoluta.
Nel frattempo è rinvenuto molto bene Gil Pintarelli che a metà gara ha sorpassato Kutung ed ha dimostrato di saper aggredire le strade in salita con forte determinazione. La gara però impennava particolarmente negli ultimi tre chilometri, ed è lì che si sono viste le differenze.
Molinari non ha mai smesso di attaccare ed è andato a vincere alla grande, tagliando il traguardo avvolto in una bandiera tricolore mentre gli altoparlanti intonavano ‘We are the champions’. Rugut, col suo solito e smagliante sorriso, si è piazzato secondo con un distacco di 1’46’ e così si è aggiudicato la vittoria finale della 8.a Traslaval, proprio davanti a Molinari. Terzo sul Lusia un più che convincente Pintarelli che si conferma quarto nella generale alle spalle di Kutung, a sua volta quarto sul Lusia.
Bazzanella, molto veloce nella prima parte della tappa, ha poi ceduto all’incalzare di Torresani e di Poli, ma si è preso la soddisfazione di arrivare sul traguardo prima di Pinamonti.
La gara femminile l’ha vinta, quindi, la solare Lorenza Beatrici, ma aveva il fisico fresco rispetto a Mirella Bergamo che ha disputato tutte le tappe e che dopo quella di ieri si era avvicinata paurosamente alla Fornelli in classifica.
La Bergamo è partita con convinzione senza riferimenti sulla Beatrici, infliggendo alla fine un distacco incredibile di ben 7′ alla Fornelli, che le è valso la vittoria finale della Traslaval. Terzo posto di giornata e di gara per Elena Casaro la quale, pur con un piede in pessime condizioni, ha gestito con padronanza la sua gara.
Affascinante il panorama all’arrivo: a molti ha fatto dimenticare la grande fatica spesa per arrivare fino al traguardo, con le cime del Catinaccio, del Sassolungo e delle Pale di San Martino a fare da palcoscenico.
Bilancio decisamente positivo per questa ottava edizione della Traslaval, mentre si stanno già gettando le basi per la prossima.


Info: www.traslaval.com


CLASSIFICA 5.a TAPPA MOENA – ALPE LUSIA


Maschile:


1) Molinari Antonio (ATL Trento CMB) 0.53.49; 2) Rugut Kiptolo Nikson (CUS Palermo) 0.55.35; 3) Pintarelli Gil (Pol. Oltrefersina) 0.57.26; 4) Kutung Chepsergon Noah (ACSI Campidoglio) 0.57.49; 5) Torresani Franco (ATL Trento CMB) 1.00.14; 6) Poli Graziano (GP Parco Alpi Apuane) 1.00.33; 7) Bazzanella Francesco (ATL Trento CMB) 1.00.44; 8) Pinamonti Adriano (ATL Valli di Non e Sole) 1.01.33; 9) Merlino Paolo (Balestrin Team) 1.01.37; 10) Gritti Daniele (GAV Vertova) 1.01.55


Femminile:


1) Beatrici Lorenza (ATL Trento CMB) 1.10.04; 2) Bergamo Mirella (GS Valsugana) 1.12.16; 3) Casaro Elena (Athletic Club 2000) 1.16.15; 4) Lazzini Paola (GS Lammari) 1.16.47; 5) Fornelli Maria Laura (ATP Torino) 1.17.55; 6) Vignani Paola (Tranese) 1.21.15;


7) Pattis Rosi (LG Schlern Raiffeisen) 1.21.37; 8) Badano Francesca (ATL Trento CMB) 1.22.07; 9) Cian Raffaella (GS Gabbi) 1.22.51; 10) Giovannini Jessica (Team Suma) 1.24.12


TRASLAVAL 2006 – CLASSIFICA FINALE

Maschile:
1) Rugut Kiptolo Nikson (CUS Palermo) 3.35.16; 2) Molinari Antonio (ATL Trento CMB) 3.37.28; 3) Kutung Chepsergon Noah (ACSI Campidoglio) 3.39.53; 4) Pintarelli Gil (Pol. Oltrefersina) 3.48.36; 5) Pinamonti Adriano (ATL Valli di Non e Sole) 3.54.12; 6) Gritti Daniele (GAV Vertova) 3.56.30; 7) Smrcka Milos (BK Ricany) 4.03.57; 8) Pinamonti Guido 4.05.04; 9) Turetta Simone (Atletica 3V) 4.07.12; 10) Merlino Paolo (Balestrini Team) 4.07.52


Femminile:
1) Bergamo Mirella (GS Valsugana) 4.45.40; 2) Fornelli Maria Laura (ATP Torino) 4.51.18; 3) Casaro Elena (Athletic Club 2000) 5.04.40; 4) Lazzini Paola (GS Lammari) 5.08.41; 5) Cian Raffaella (GS Gabbi) 5.14.16; 6) Badano Francesca (ATL Trento CMB) 5.17.20; 7) Giovannini Jessica (Team Suma) 5.22.28; 8) Quartesan Chiara (Runners Valbossa) 5.30.39; 9) Gnech Evelina (ATL Fiori Barp) 5.35.22; 10) Bolognesi Anita (Cittanova Modena) 5.36.45


 

Autore: Mario Facchini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>