slide TuttoCampania — 22 maggio 2019

frattamaggiore 2017Magnifica “Fratta…na corsa” edizione 2019!

E’ davvero il caso di dire che gli amici della Podistica Frattese con in testa Geppy D’Orso, quest’anno si sono superati!

Gestire 2100 atleti, e chi domenicalmente calca i campi di gara lo sa bene, è un impegno davvero enorme, se non quasi proibitivo, ma non per Fratta.

Ebbene sì, quest’oggi ho assistito a cose che in 20 anni di corsa non avevo mai visto; mi son ritrovata a partire, anche per esigenze lavorative, nella griglia dei top.

Ho così potuto a breve constatare in prima persona,chele mie iniziali preoccupazioni legate alla partenza affollatissima, non avevano motivo di essere.

Preoccupazioni che toccavano un po’ tutti, atleti ed organizzatori compresi, il coordinare, convogliare e gestire un vero e proprio fiume di atleti.

Posso affermare senza ombra di dubbio, di non aver mai visto nulla di simile in tanti anni: tanto ordine, disciplina e organizzazione alla partenza, nessuno che spingeva o si accalcava per guadagnare qualche metro sulla start line. Cosa ancor più incredibile se si pensa ad un numero così elevato di atleti e di uno spazio relativamente ristretto per contenere agevolmente un tale enorme numero di partenti.

Complimenti davvero! Complimenti agli oltre 150 preposti, posizionati in ogni dove lungo il percorso per monitorare, sorvegliare, garantire la sicurezza di tutti e distribuire acqua al passaggio.

Una gestione fluida e ordinata, nessuna lamentela né alla partenza, né all’arrivo, né lungo il ristoro dove si sarebbero potuti creare facilmente degli ingorghi.

Bravi, bravi, bravi davvero gli amici della Podistica Frattese. Il tutto acquista ancora più valore se si considera che la zona partenza era una stradina cittadina e non in uno slargo capace di contenere l’enorme mole di podisti.

Era doveroso iniziare così per dare quanto meno un’idea della gara.

Frattamaggiore, ore 8.00 del mattino

ed è già il caos delle autovetture che affannosamente si affrettano a trovare un parcheggio. Ma il problema non sussiste in quanto l’organizzazione ha pensato anche a questo, destinando diversi parcheggi gratuiti agli atleti.

Il colpo d’occhio che si ha dall’alto è quello di un infinito, coloratissimo fiume di formichine frenetiche che si affaccendano veloci, impegnate negli ultimi momenti del riscaldamento. Sbucano da ogni anfratto per raggiungere la partenza.

Ad attenderli ed accoglierli con cortesia e gentilezza gli amici della Pod. Frattese che da giorni lavorano alacremente per non farsi trovare impreparati ed offrire il meglio a chi oggi ha deciso di esserci ed onorare la gara.

Superlativo il lavoro di chi, da alcune indiscrezioni, ho saputo non ha neanche dormito per essere operativo fin dalle 3 del mattino.

Ai microfoni tre speaker d’eccezione: Carlo Cantales, Zagara Arancio (Annamaria Nargiso) nella zona partenza/arrivo e Gennaro Varrella, posizionato al giro di boa del 5 km.

In un battibaleno, tra un sorriso, un saluto e uno sfottò, ed aver sapientemente e meticolosamente verificato la chiusura dei varchi, prende vita di questa strepitosa gara scandito dal count down della squillante voce di Carlo e Zagara

Anche la cavalcata iniziale, per quanto vigorosa e frenetica è corretta e rispettosa e porta anche i più temerari ad assestarsi sul proprio personale ritmo senza strafare. Un primo passaggio a poche centinaia di metri dalla zona partenza /arrivo che si trova all’incirca al 3 km, diverte ed entusiasma pubblico e cittadini che con gioia incitano, applaudono e fotografano gli atleti.

Sono da poco passati 31’ che inizia ad intravedersi la gialla canotta del Vincitore, Adim Ismail portacolori della Caivano Runners) che, col crono di 31,38 si impone sul magrebino HichamAkhal (Il Laghetto), Terzo gradino del podio e primo italiano, Marco Vetrano(Baiano Runners).

Lo stesso dicesi in campo femminile dove domina GhizlaneAsmae, anch’essa portacolori della Caivano Runners. Seconda JanatHanane, anch’essa (Pod. Il Laghetto). Terza Jessica De Fazio. Prima italiana al traguardo Francesca Maniaci.

Un ricco e lungo ristoro accoglie gli atleti che, ordinatamente ed in modo fluido e veloce, grazie alla bravura dei volontari, si rifocillano con frutta, latticini, gelati, dolci e quant’altro.

Ricche le premiazioni ed estese ad un grosso numero di atleti. 100 le donne premiate insieme alle categorie ed alle società. Non c’è che dire, davvero quest’anno la Pod. Frattese si è superata gestendo con semplicità 2100 atleti, mettendo in campo 150 addetti sul percorso e gestendo un ristoro talmente fluido da superare tutti. Addirittura, dopo un’ora dall’ultimo arrivato ancora giravano dolci offerti dagli organizzatori ai presenti.

Bravo Geppy, brava la Pod. Frattese e tutti coloro hanno contribuito a rendere unica questa bella giornata di sport.

Marilisa Carrano per Podistidoc.

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>