TuttoCampania — 02 maggio 2012

Successo di partecipazione alla presenza di don Luigi Merola, già parroco anticamorra di Forcella

 Folla di studenti in canotta e pantaloncino lontano dai banchi di scuola. Almeno quattrocento sono stati gli alunni delle scuole flegree presenti alla gara podistica Straputeoli, disputata sulla distanza di 5 chilometri. Al traguardo li attendeva don Luigi Merola, già parroco anticamorra di Forcella, ospite all’evento organizzato dall’istituto Tassinari, diretto dal preside Dario Sessa, con la collaborazione tecnica dell’equipe dei giovani volontari del CSI Pozzuoli, coordinati da Giovanni Moio e Girolamo Catalano e dal giudice arbitro Giovanbattista Pelosi: “Lo sport è scuola di vita e la partecipazione dei ragazzi delle scuole e delle associazioni a questa manifestazione deve essere vista come una voglia di riscatto per la città”, ha detto il sacerdote, complimentandosi con i primi arrivati. “In genere le strade sono sempre viste come un pericolo – ha poi aggiunto – invece iniziative come queste possono farle diventare luoghi di recupero, aggregazione, riscatto. Dobbiamo pertanto agevolare ed incrementare la promozione dello sport in qualunque forma”.
Alla folta partecipazione degli studenti hanno contribuito tra gli istituti superiori anche il Virgilio ed il Pareto, mentre tra le scuole medie le delegazioni più rappresentative erano quelle del Diano, del Diaz e dell’Artiaco-Quasimodo. Ma un po’ tutte le scuole puteolane si sono mobilitate per una iniziativa che, nata in sordina lo scorso anno, ha visto una notevole crescita di adesioni, con una proposta di percorso più ricco sotto il profilo ambientale. Da citare anche l’impegno degli allievi  degli istituti Labriola, Nautico, Pitagora e Pergolesi. Ai giovani partecipanti sono andati i complimenti dei professori e dei dirigenti scolastici presenti, oltre che dei tanti genitori. Al termine della manifestazione sportiva agli ospiti sono stati mostrati alcuni lavoretti realizzati dai giovani della comunità Nuova Emmaus di Cuma.
Sul suggestivo percorso della litoranea tra Pozzuoli e Bagnoli ed il centro cittadino anche una gara agonistica sulla distanza dei 10 chilometri; i partecipanti si sono sfidati con impegno, entusiasmo e sana rivalità. Il primo a tagliare il traguardo è stato il forte marocchino Adim Ismail, tesserato per la Napoli Nord Marathon, in poco meno di 31 minuti: “Una bellissima giornata ed una grande gara – ha commentato al traguardo – ho scelto questa manifestazione per vivere una mattinata di sport puro, insieme a tanti ragazzi; l’ho fatto per tutti loro.”
L’atleta africano ha preceduto nell’ordine Gennaro Lamberti e Domenico Chiocca,  attardati di 4  minuti. Tra le donne ha prevalso l’atleta di casa Rossella Lubrano Lavadera (Alba Bacoli) in 44’23”, seguita da Maria Lucignano (Borgo Flegreo) e Giuseppina Intermoia. Nei 5 chilometri invece primi al traguardo Mauro Panucci del Pitagora tra i maschi e Roberta Volpe tra le donne.
Un riconoscimento è andato agli atleti più giovani, Federica Di Falco e Nicola Guzu, mentre nelle categorie hanno prevalso Antonio De Rosa (under 40), Antonio Nogarotto (50), Gennaro Intermoia (60) e Giuseppe Maestrini (veterani). Tutte le scuole partecipanti hanno ricevuto in dono un’artistica lavorazione artigianale di legno e cuoio del maestro Raffaele Mele.

Comunicato Stampa CSI

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>