TuttoCampania — 23 maggio 2010

Prima edizione della StraLiterno, la Liternum Domitia ci prova… Con meno di un anno di vita, la società guidata dal giovane presidente Carmine Ucciero si è cimentata con l’organizzazione di una gara, raccogliendo elogi, forse non sempre sinceri, e critiche, forse non sempre del tutto giustificate. Indubbiamente qualcosa è riuscito e qualcosa no. Sicuramente felice è stata la scelta del tracciato: si cercava di mettere su una gara veloce, con servizio di rilevazione tempi efficace e con una misurazione accurata che portasse ai 10 km esatti. I risultati cronometrici di assoluto rilievo hanno dato ragione in tal senso alla società organizzatrice. Si è scelta una gara serale in modo da coinvolgere maggiormente la popolazione convinti che una manifestazione del genere possa riuscire solo se un intero paese la sente come propria. Per avere riscontri a tale riguardo dovremo attendere la prossima edizione. Si è cercata efficienza e disponibilità nella gestione iscrizioni, su questo non ci pronunciamo ma ci si rimette al giudizio dei partecipanti. Si è cercato di premiare il maggior numero di persone possibile, senza creare gerarchie dal sesto in poi; questo non è stato gradito da molti atleti giunti a ridosso dei primi; tuttavia nessuno di noi è mai arrivato nei primi venti o trenta e credevamo che di solito ci si comportasse così; l’anno prossimo ci regoleremo diversamente. I nostri atleti non hanno gareggiato ma si sono svenati da un incrocio all’altro cercando di sopperire a negligenze di altri, pagati per garantire il controllo del traffico; a tal proposito non possiamo fare a meno di ringraziare e sottolineare l’assoluta disponibilità e collaborazione da parte del Comando dei Carabinieri di Villa Literno, che hanno svolto un compito che esula dal loro ruolo istituzionale. Ci scusiamo con i master che non hanno ricevuto il loro premio, che comunque era stato preparato, e li preghiamo di contattarci direttamente o tramite i presidenti di società per metterci in condizione di riparare ad eventuali dimenticanze od inefficienze. Detto questo ringraziamo i 500 partecipanti, che in un week end fitto di gare e con la presenza della finale di Champions, testimoniano che la Liternum Domita nei suoi 8 mesi di vita è riuscita ad intessere relazioni importanti. Per quanto riguarda l’aspetto agonistico, come anticipato, la gara è stata velocissima, con Abdelkebir Lamachi  dell’Atletica Capua che ferma i cronometri a 29’27” sul piede dei 2’56” a km, precedendo di poco più un secondo Gianluca Ricci del Montemiletto Team Runners, che fa l’andatura per buona parte della gara ed alla fine forse non se la sente di tirare una volata che avrebbe reso ancora più entusiasmante il finale. Terzo e quarto gli atleti delle Fiamme Argento, El Mouadine ed Adim Ismail, rispettivamente con 32’07” e 32’15”, quinto in 32’37” Romualdo Barbato della Marathon Club Frattese. In campo femminile vince Meriyem Lamachi in 35’43” davanti alla compagna di squadra nel Montemiletto Team Runners Maria Pericotti, poi nell’ordine Carmela Febbraio del G.S. Stufe di Nerone, Filippa Oliva della Napoli Nord Marathon e Rossana Cardamone della Libertas Atletica Lamezia Terme.  


Arrivederci al prossimo anno

Autore: Comitato Organizzatore Straliterno

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>