Cronaca slide — 14 aprile 2015

agropoliChe spettacolo ad Agropoli!

In una splendida giornata di primavera, dove un sole cocente e un incredibile cielo azzurro arricchivano le già immense bellezze naturali di Agropoli, oltre 2200 podisti con accompagnatori al seguito, cittadini e appassionati affollavano il lungomare. Migliaia di divise colorate sparpagliate in ogni dove, migliaia di accenti di ogni angolo d’Italia si alternavano tra loro in un gioco di folclore e allegria, rendendo magico un evento capace di accomunare tante diversità.

Ma la festa ha avuto inizio fin da sabato 11 nel primo pomeriggio, quando si è tenuta la presentazione ufficiale della manifestazione e la consegna dei pettorali agli atleti più in vista che avrebbero preso parte alla kermesse.

Anch’io ho vissuto un’esperienza nuova ed entusiasmante  in compagnia della mia troupe, Marco Cascone, Aldo Cavuoto, De Martino Salvatore e Gio Langella, impegnata con loro per Podistidoc e nelle registrazioni  di “Runners … e non solo” che verranno trasmesse a breve su Telecaprisport.

Giunti il sabato sul luogo della manifestazione, abbiamo potuto godere dell’atmosfera magica che precede la giornata della grande festa.

La cifra stratosferica di partecipanti, le società e le regioni coinvolte e i grossi nomi che si registrano tra gli iscritti, la dice lunga sulla qualità di una kermesse che è cresciuta negli anni migliorandosi sempre di più fino a raggiungere cifre da capogiro.

Tra i nomi importanti ricordiamo Simukeka Jean Baptiste, Chebitok Ruth, fratello e sorella Lamachi, Siham, Tarik, Zitouni, Soprano, D’Orsi, Malika Ben Lafkir, Fransese, Bornaschella, Roqti, Ismail e … tanti tanti altri.

Ma la cosa che mi ha colpito di più, durante la consegna dei pettorali, è stato l’episodio di straordinaria sportività raccontato dallo speaker, che vede protagonista una delle candidate al podio, Ruth Chebitok. Infatti, in una gara svoltasi di recente a Pistoia, a pochi metri dal traguardo, lei ha raggiunto e aiutato la sua diretta avversaria colpita da crampi, accompagnandola a tagliare il traguardo e accontentandosi così della seconda piazza. Gesto di grande lealtà e sportività infinita.

La città di Agropoli ha risposto in massa come ogni anno all’evento, con entusiasmo e allegria, mescolandosi con gioia a quello splendido popolo di scalmanati che sono i podisti, del quale sono fiera far parte.

Tracciato di straordinaria bellezza che vede la partenza e l’arrivo sul meraviglioso lungomare di Agropoli e il giro di boa posizionato tra storia e natura, dove il tutto si fonde con la cultura greca e ci permette di ammirare i tre antichissimi templi greci/dorici risalenti al 550/450 a.C..

Immediatamente risolto anche il piccolo equivoco all’arrivo, provocato dalla mancanza di poche medaglie destinate agli ultimi arrivati, grazie al tempestivo intervento di staff e organizzatori che si sono subito attivati per garantire a tutti i partecipanti la meritata medaglia.

La gestione di grossi numeri e di tali e tanti iscritti, non è cosa da poco, ma soprattutto non è da tutti riuscire ad offrire un’impeccabile accoglienza ad atleti ed accompagnatori.  Richiede un enorme sforzo, lavoro ed impegno, del quale dobbiamo ringraziare Funiciello Roberto, gli amici dell’Atletica Libertas Agropoli e tutti coloro che hanno collaborato all’ottima riuscita dell’evento.

Grazie a tutti e arrivederci al prossimo anno.

marilisa carrano

Marilisa Carrano

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>