slide TuttoCampania — 08 marzo 2015

san giuseppe 2015 umbertoLo so, potrei essere tacciato di partigianeria, visto che quella dell’Associazione Solidarietà, la gara di Umberto e dei suoi ragazzi, mi vede quale quale speaker da sempre, ma soprattutto negli ultimi anni quale coordinatore dell’evento e parte integrante della macchina organizzativa. Potrei essere tacciato di partigianeria, ma poco importa: dico lo stesso che la gara di Umberto, la gara in ricordo di Biagio Bifulco e di Giovanna Annunziata, è stata una bella gara. I ragazzi hanno confermato di saperci fare, ogni collaboratore ha risposto appieno alle attese, e si può dire quindi che la “Maratonina della Solidarietà” ha meritato la presenza di tutti gli atleti che hanno inteso esserci, hanno gareggiato, hanno onorato la memoria e veicolato il messaggio della lotta contro la droga.

Gara

Il vento c’era (anche se attenuato, per fortuna, rispetto ai giorni scorsi), il percorso da saper interpretare e affrontare (10.400 metri precisissimi, con 2,5 km di non dura, ma condizionante salita, quando si è proprio verso fine gara), ma comunque niente male i tempi finali, niente male l’agonismo messo in campo, niente male la lunga classifica finale, con 1072 atleti all’arrivo.

Abdelkebir Lamachi sul palco ha fatto i complimenti ad Antonello Barretta. Complimenti meritatissimi. Barretta ha tirato buona parte di gara, ha fatto da subito selezione, Lamachi lo ha seguito per poi staccarlo, ma solo nei km finali. Atleti di spessore entrambi e, soprattutto, atleti che fanno della signorilità in gara una loro caratteristica. Il valore? Beh, quello lo sappiamo tutti, e basta per conferma dare un’occhiata alla classifica finale. Lamachi (International Security Service)  vince in 33’50”, con Antonello (Vis Nova) a 42”. Terza posizione per il portacolori dell’Isaura Valle dell’Irno, Prisco D’Arco. Michele Stingone ha fatto suo un quarto posto di rilievo, con un 3’23” a km davvero niente male. Quinto al traguardo Mohamed Matar (Opes Amatori Marathon Frattese).

Gara femminile senza storie per la vittoria. Da subito sui 4’00” a km, le sorelle Palomba vanno via assieme e assieme giungono al traguardo, confermando un ottimo stato di forma e una sapiente gestione dei km. 41’37” per le sorelle del Centro Ester, con Anna Senatore (Pod. Cava) che dopo metà gara rientra su Rosaria Marangio (poi quarta) e fa suo il terzo posto. Quinta, e ottima gara la sua, Grazia Razzano (Pod. Valle).

La classifica a squadre è andata al team Amatori Marathon Club Frattese.

Tante forza in campo, tante emozioni unite assieme per giungere ad un unico scopo: offrire una gran bella mattinata dedicata alla corsa, a tutti coloro, a tutti voi che avete onorato la gara di Umberto, la gara dei ragazzi dell’Associazione Solidarietà. Un grazie speciale alle forze dell’ordine (Polizia Municipale in primis), ad Expert Parente; Marco Mauriello e il suo Elite Sport di Castellammare e Legea Pompei.

Maratonina della Solidarietà: l’emozione è stata tanta, persino più di sempre. Alla fine poi il giusto abbraccio tra i ragazzi, il bellissimo sorriso di Umberto: il regalo più bello!

Marco Cascone.Marco Cascone

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>