Cronaca — 25 marzo 2010



Clicca per l'immagine full sizePartecipare ad una maratona è il sogno di tutti gli amanti della corsa.
Prima o poi una voce interiore ti suggerisce di partecipare a questo “esame” di vita che è un banco di prova di sacrificio, forza di volontà e tempra morale.
Io sono sempre stata una podista “sui generis”, corro da molti anni e in qualsiasi gara amatoriale in cui mi sia mai cimentata ho sempre assaporato l’atmosfera gioiosa e sentito il calore umano che permeano la manifestazione sportiva, senza lo stress dei tempi di arrivo. La mia è una corsa senza tempo che mi spinge a vivere intensamente il genius loci e a sentire solo le vibrazioni più profonde del mio cuore. E con questo spirito che mi caratterizza ho affrontato quest’anno la mia prima maratona. La scelta del luogo non è stata casuale. Roma, Caput mundi è il luogo ideale per vivere intense emozioni e percepire nelle vestigia del passato la storia di uomini eroici che con la loro forza, con il coraggio e l’intelligenza si sono imposti protagonisti indiscussi per quattro secoli di storia prima della nascita di Cristo dell’Impero Romano.
E’ stata un’esperienza emozionante e affascinante che mi ha fagocitato  in un caleidoscopio di magiche sensazioni che mi hanno fatto varcare quel “muro” con agilità e dignità fino al traguardo.
All’arrivo le lacrime mi hanno appannato gli occhi, la gioia di essere arrivata al tragurdo è stata grande ed è stata la prova lampante che la propria psiche si impone sulla dimensione corporea che pur se allenata è comunque una componente labile.
La maratona è la vittoria di una dura battaglia che la mente compie sul corpo limitato e soggetto comunque al decadimento della  performance. Posso ben dirlo dal momento che l’idea di partecipare alla maratona mi era venuta a metà febbraio quindi con un allenamento inadeguato e insuficiente. Sono riuscita a vincere la battaglia in un tempo di 4 ore e mezzo, vivendo tante emozioni passo dopo passo e senza farmi soggiogare dal tiranno “Cronos”. 


Autore: Anna Raffone

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>