Cronaca — 26 giugno 2006

Fred Kosgei, keniano, terzo sui 3000 piani al recente Meeting Città di Lugano (7’52’) ad inizio giugno e buon protagonista (secondo alle spalle di Raya Tadesse) con il tempo di 27’56’ ai campionati di Francia sui 10.000 il 16 giugno scorso, è il vincitore della quinta edizione della ‘Notturna Città di Riva’. Rimane imbattuto per soli due secondi il record della corsa stabilito nel 2005 dal connazionale Hillary Kipchumba (28’56’), perché Kosgei ha tagliato il traguardo in 28’58’. Demolito, invece, il record femminile che resisteva dalla prima edizione (Agnes Kiprop – Kenia – 16’17’ sui 5.000 piani) dall’ungherese della Cover Mapei Aniko Kalovics, al traguardo in 15’56’.
Riva del Garda (TN), 26 giugno 2006Aniko Kalovics, vincitrice della Stramilano 2006, è stata la vera sorpresa di questa corsa, perché dopo i primi mille metri del circuito cittadino della Notturna Città di Riva ha salutato le compagne di corsa tra cui Michela Zanatta (prima l’anno scorso nel tempo di 16’26’ davanti all’azzurra Renate Rungger ed alla russa Vinokurova), giungendo sola al traguardo e stabilendo il nuovo record della corsa, fermando i cronometri sui 15’56’, ventidue secondi prima di Renate Rungger (16’18’) e ben trentacinque prima dell’altra altoatesina in gara, Agnes Tschurtchentaler (16’31’), terza, entrambe della S.V. Sterzing. Solamente settima Michela Zanatta (C.S. Esercito), vincitrice della Notturna 2005.
In campo maschile, invece, per i 10.000 piani il forte keniano Fred Kosgei accreditato come il probabile vincitore ha rispettato il pronostico facendo gara a sé. Nessuno, infatti, ha potuto impensierire l’atleta di colore che, dopo un primo giro ‘d’assaggio’ ha staccato tutti gli altri girando attorno ai 2’55’ al chilometro fino alla fine arrestando il cronometro sui 28’58’. Solamente l’inglese James Riley e l’australiano Philipp Sly sono riusciti a tenere il ritmo del keniano limitando ‘i danni’ all’arrivo in, rispettivamente, 33 secondi (29’31’) e (30’14’) un minuto e sedici, distacco questo peraltro abissale. Poi, dopo l’atleta dell’Ucraina Dmytro Osadchy (30’26’) tutti gli altri italiani con in testa il marocchino di Storo (TN) Rachid Jarmouny (30’42’) davanti a Rudy Magagnoli (30’51’) e Gianluca Pasetto (31’18’).
Grande la soddisfazione della società Trentino Eventi del presidente Sandro Poli, che come spettatore ha potuto registrare anche la presenza del presidente del CONI Giorgio Torgler, ma anche di un folto pubblico assiepato lungo il percorso che ha seguito, grazie anche a tre maxischermi, tutte le fasi della corsa maschile e femminile. Nel pomeriggio, oltre alle gare della categoria Amatoriali, c’è stata anche la conclusione della prima edizione del ‘Giro del Garda Trentino‘, corsa in tre tappe vinta in campo maschile (classifica assoluta) da Alessandro Tonelli (Master 45 – A.S. Trentini Eventi) nel tempo totale di 1 ora, 50 minuti e 46 secondi, e in campo femminile da Sabrina De Manicor (Master 35 – Atletica Clarina Trento) in un’ora, cinquanta e 12.
‘Ho tentato il record imprimendo da subito un ritmo alto alla corsa’ ha dichiarato il keniano accreditato alla Notturna all’ultima ora ‘e sinceramente pensavo di riuscire a farcela. Poi, invece e per soli due secondi come si è visto, nel tratto finale mi sono rilassato e non ce l’ho fatta. Poco male, sono in ogni caso felice di aver corso qui in questa splendida città‘.
Per la Kalovics, invece, accompagnata dal suo trainer e traduttore (parla poco anche l’inglese), si è trattato di ‘una bell’esperienza, una bella gara, una buona cornice di pubblico che mi ha applaudito durante tutta la corsa. Il record? E’ arrivato nonostante il percorso non sia proprio interamente pianeggiante, ma ero in forma e ci tenevo a dare tutta me stessa per quest’impegno. Grazie all’organizzazione e complimenti per l’ottima riuscita dell’evento.’
Va in archivio, dunque, questo quinto appuntamento con una corsa che dopo sole cinque edizioni si è già ritagliata uno spazio importante nel vasto panorama delle corse italiane ed internazionali, seguita da un buon pubblico e organizzata sempre in maniera impeccabile.


 

Autore: Claudio Chiarani

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>