TuttoCampania — 24 novembre 2009

La Fidal nazionale ha deciso di seguire la stessa metodologia usata del governo nazionale in materia di federalismo fiscale applicando al mondo podistico una tassa aggiuntiva, a favore dei comitati regionali competenti per territorio, di un 1 euro o 2 euro per ogni atleta classificato a seconda della tipologia di gara, in aggiunta alla già esistente e corposa tassa di gara. Il valore di questa tassa verrebbe, poi, aggiornato dallo stesso consiglio federale ogni anno. Avete mai visto una tassa diminuire?


Facendo due facili conti si rimane sbalorditi di fronte all’enormità di soldi che questa nuova tassa produce. Guardando in casa nostra, per l’esattezza al territorio del Comitato Regionale Fidal Campano, notiamo che mediamente in un anno ci sono circa 60/70 manifestazioni di corsa su strada con un’affluenza di atleti stimata in 45.000/50.000 unità. L’applicazione di questa nuova tassa farebbe affluire nelle casse del comitato fidal campano circa 50.000 euro, senza considerare i proventi delle tasse gare già esistenti.


Che business!!


Gli strateghi della Fidal nazionale hanno capito perfettamente quali limoni del loro giardino andavano spremuti.


I limoni più succosi del loro giardino, ovviamente, sono quelli del mondo master della corsa su strada che, di anno in anno, si arricchisce di nuove unità con una crescita in andamento esponenziale. 


Il crescente malumore che questo balzello sta producendo nel movimento podistico nazionale ed in particolare quello campano è ben noto al presidente Sandro Del Naia del comitato regionale che, nell’incontro programmato con le società il 5 dicembre c.a. alle ore 9,00 presso la sede CONI a Napoli, cercherà di trovare soluzioni al problema con la proposta di offerta gratuita di nuovi servizi sulle manifestazione di corsa su strada del nostro territorio.


In questa sede le società campane potranno esporre le loro perplessità, i loro suggerimenti ed ascoltare le proposte del comitato regionale intese a fare digerire, senza acidità, questa nuova tassa.


Sarebbe opportuno, tuttavia, che le società campane si presentassero all’incontro con il comitato campano con idee univoche o che decidessero in quella sede, quantomeno, di riunirsi successivamente per adottare una linea di pensiero e di comportamento comune nell’esclusivo interesse dei loro iscritti.


Se può fare comodo la disponibilità di chi scrive nell’organizzare questo incontro tra le società podistiche campane la loro segreteria può contattare diafrana2@yahoo.it

Autore: Francesco Diana

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>