TuttoCampania — 20 maggio 2009

Clicca per l'immagine full sizeIl mondo dello sport e dell’atletica in particolare s’è stretta attorno al suo Arcivescovo, per un pomeriggio di fede nella Basilica dell’Incoronata a Capodimonte. Qui un gruppo di podisti ha accompagnato la fiaccola della maratona-pellegrinaggio Gerusalemme-Roma, ‘Correre sulle orme di San Paolo’, consegnandola nelle mani di S.E. il cardinale Crescenzio Sepe. Con l’alto prelato c’erano il vicario monsignor Raffaele Ponte; monsignor Mario Lusek della Cei; il consulente nazionale del CSI, don Claudio Paganini; i direttori dell’Ufficio di Pastorale dello sport e spettacolo, don Rosario Accardo e don Mimmo  Garritano ed il rettore del Tempio di Capodimonte, monsignor Ugo Grazioso.


E’ stato un momento di forte commozione, alla presenza di tanti campioni e dirigenti sportivi della città, ma anche del mondo dell’arte e della cultura, riuniti anche per la celebrazione della ‘Pasqua dello Sportivo’.  In prima fila il Calcio Napoli con l’allenatore Roberto Donadoni, il capitano Francesco Montervino, Joao Batista Inacio Pià e Luca Bucci, la cantante Monica Sarnelli, l’attrice Lucia Cassini, i campioni della Canottieri Napoli, il presidente della Fin, Paolo Trapanese ed il vice presidente Coni, Sergio Roncelli.


La fiammella della pace è stata sorretta nell’ultimo tratto da atleti-simbolo di un mondo sportivo eterogeneo e di forte significato. E’ toccato al giovane atleta africano Salomon Kodom del Laghetto depositare la piccola fiamma della speranza e della gioia, ma soprattutto della pace, ai piedi dell’altare. Accanto a lui c’erano il presidente regionale della Fidal, Sandro Del Naia, l’atleta polacca Ania Paniak, la giovanissima campionessa di marcia, Carmela Puca ed un calciatore della squadra di calcio a 5 campione d’Italia dell’Unione Italiana Ciechi, che hanno rappresentato tutti gli atleti della regione, la patria di Papa Giovanni Paolo II, la cui Fondazione romana ha promosso la maratona-pellegrinaggio attraverso 5 nazioni e le speranze di nuove vittorie future dello sport partenopeo.


In prima fila anche i rappresentanti del Centro Sportivo Italiano napoletano, con il presidente Antonio Papa ed il consigliere nazionale Salvatore Maturo ed a cui la Diocesi di Napoli, l’Azione Cattolica  e la Congregazione dei Vescovi Italiani hanno affidato il compito di coordinare il passaggio della staffetta nel territorio della provincia di Napoli. Inoltre nel drappello di atleti che hanno accompagnato la fiaccola figuravano alcuni dei podisti delle società di atletica più rappresentative della città, la Podistica Bosco di Capodimonte e l’Amatori Vesuvio.


Fino a poco prima per le strade della zona vesuviana erano stati i pluridecorati campioni d’Italia di maratona dell’Erco Sport, con il presidente Raffaele Colantuono in testa, ad accompagnare la fiaccola. Tra Torre del Greco, Ercolano e Portici tantissimi cittadini si sono assiepati, festosi, al passaggio degli atleti, mentre tutte le chiese hanno suonato a festa le campane.


La formazione del Laghetto con il presidente Gennaro Onza ed i suoi ragazzi sono subentrati nella corsa nel putiferio scatenato a San Giovanni a Teduccio dai fedeli della parrocchia del Buon Soccorso, che in tripudio di festa hanno accolto la torcia benedetta. I ragazzi della scuola media Giotto-Monti hanno poi suonato con i loro tamburi l’inno nazionale, mentre è ripreso il cammino dei maratoneti.


Dalla zona orientale e fino alla penultima postazione presso la Casa del Volto Santo ai Ponti Rossi si sono alternati quindi gli atleti dell’Amatori Vesuvio guidati da Francesco Diana ed Enrico Signorelli e della Podistica Casoria, tra cui il presidente Gennaro Del Prete. Infine la società di atletica più gloriosa di Capodimonte, la Podistica Bosco con in testa il suo atleta-simbolo, Antonio Lanzuise.


Di particolare significato anche la sosta presso la Casa del Volto Santo ai Ponti Rossi. Le suore hanno spalancato le porte del santuario ed accolto la pattuglia di podisti fin su l’altare, dove padre Mario ha benedetto il cammino di questo simbolo di speranza, leggendo un passo di una delle lettere dell’apostolo Paolo.

Autore: Comunicato Stampa

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>