Cronaca slide — 03 febbraio 2015

mostra lalli 2015Mostra d’Oltremare. Chi ha deciso di chiamare così questa meravigliosa, poco utilizzata poli-struttura, voleva far capire, in particolare al popolo napoletano, che aveva potenzialità che andavano oltre il suo panorama naturale; che dovevano guardare oltre il proprio naso … ma invece guardano appena la loro punta dei piedi.

Ma mettiamo da parte le mie considerazioni socio-politiche e passiamo alla gara, o meglio, a quello che ho vissuto della gara.

Alle 6,00 di mattina già eravamo sul ristoro ( 5km e 13 km ) a preparare il tutto, il cielo pieno di stelle, un’aria frizzantina che faceva prevedere una giornata bellissima … alle 7,45 già eravamo operativi.

Ma, dando uno sguardo al cielo, ci siamo resi conto che anche lui era operativo; certi nuvoloni stavano pian piano avvicinandosi, ma noi, dita incrociate, eravamo speranzosi.

Dopo la partenza della gara, mi sono sentita con Marco Cascone che mi diceva che da loro, in zona arrivo, grandinava. E poco prima dell’arrivo degli atleti, al nostro punto ristoro, anche noi eravamo alla mercè del tempo.

Con questa grandine chi vuoi si prenda la bottiglina d’acqua, avremo poco da lavorare…pensavamo. Invece tutti, e dico tutti, primi compresi, hanno voluto l’acqua come se stessero correndo sotto un sole africano, alcuni urlavano “ acqua, acqua “, sono rimasta basita, non sapevo se ridere o altro. Poi, non sono più riuscita trattenere le risate quando, voltandomi indietro, ho visto l’espressione del mio collaborare, che, cereo in viso, mi ha detto “ e dopo che sarà mai !!! “.

Appena scemato il gruppone, subito a preparare per il successivo ristoro, la pioggia, incessante, continuava a scendere e moltissimi gli atleti, incuranti di essa, prendevano la bottiglina d’acqua e se la rovesciavano in testa, chi si rinfrescava i polsi, chi prendeva 2 bottigline, altri, addirittura, ci chiedevano “ ma c’è dopo un altro ristoro? “ ; anche i sali  sono andati a ruba.

Che dire, tutta quella pioggia non bastava a rinfrescare questo meraviglioso popolo di atleti che ha onorato la gara e, come in tutti i popoli, anche in questo ci sono i  “ molestatori ”, per usare un termine educato, che mettono in cattiva luce gli sforzi fatti.

Tutte le problematiche avute non faranno tirare i remi in barca, perché questa gara “oltremare” ci arriverà.

Viviana CelanoViviana Celano

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>