Allenamento slide — 29 maggio 2015

vietatoEssere ultramaratoneta significa correre oltre i 42 km che sono quelli di una maratona, quindi tutte le gare che superano i 42 km si definiscono ultramaratone.

Trattasi di uno sport che non ha molta eco e che soprattutto dovrebbe avere più prescrizioni per poterlo praticare in sicurezza, afferma Angelo Fiorini, un corridore che praticava il calcio come sport preferito ma poi quasi per caso pian pianino si è avvicinato alla corsa che l’ha coinvolto ed assorbito al punto da sperimentare una sorta di dipendenza dai chilometri sempre più numerosi fino a farsi del male per non aver preso sane e giuste decisioni.

Ecco come racconta il suo percorso per diventare un ultramaratoneta convinto: “Il mio percorso per diventare ultramaratoneta, è stato molto graduale. Ho iniziato oltre 15 anni fa, spronato da un amico, a corricchiare nel parco per passare il tempo mentre i nostri figli si allenavano alla scuola calcio. Con poco entusiasmo gli ho dato retta, perché ero un amante praticante del pallone. Infatti, fin da ragazzo ho giocato con molta passione partecipando a campionati regionali con molto successo, ma che ho dovuto lasciare quando a diciannove anni ho iniziato a lavorare e non potevo più allenarmi per poter giocare la domenica. E cosi ho continuato ma solo nel fare le partite con gli amici e colleghi di lavoro. Quindi la corsa non mi diceva gran che, ma giorno dopo giorno, km dopo km, la cosa cominciava ad intrigarmi soprattutto perché le gambe rispondevano bene alla fatica e il fiato c’era! Così mi sono iscritto ad una Società sportiva e ho iniziato ad allenarmi per fare qualche gara, prima da 10 km, poi la prima mezza maratona, la seconda, la terza e finalmente la voglia di provare la vera maratona: quella di Roma! E’ stato un successo personale, una grande soddisfazione per un traguardo che fino ad un anno prima neanche mi sarei sognato! E cosi con la consapevolezza di avere una capacità in tale disciplina, ho continuato e di maratone ne ho fatte in varie parti di d’ Italia. La svolta ci è stata quando ho cambiato società sportiva, iscrivendomi alla Società Villa de Santis, dove ho trovato un gruppo di veri “matti” per la corsa, tanto da convincermi a fare la prima ultramaratona da 50 Km, la Pistoia Abetone, poi la 100km degli Etruschi poi la ventiquattrore, dove ho percorso 185 km, poi le Tre Cime Di Lavaredo sulle Dolomiti da 50 km circa e la Nove colli di oltre 202 km tra i colli dell’Emilia Romagna!!!! Nel giro di tre anni abbiamo partecipato a tante ultramaratone tanto da vincere per tre anni di seguito il campionato Iuta che è la formula uno degli ultramaratoneti tra società di tutta Italia.”

In pratica Angelo ha sperimentato una sorta di successo personale e di squadra per aver contribuito ai successi della sua squadra: “Villa de Santis”. E con il tempo sperimentava sempre più sicurezza e convinzione di riuscire nelle sue imprese sempre più ardue.

Ci racconta la sua motivazione e passione per le lunghe distanze: “La motivazione principale che mi ha spinto ad iniziare tale percorso, è stata la mia caparbietà e tenacia nel cercare il prossimo risultato dopo averlo ottenuto, sfidando la fatica fisica, grazie ad un’ottima tenuta mentale che in questo tipo di attività estrema, è fondamentale perché le gambe possono essere in forma ma se la testa dice no non vai da nessuna parte!!!”

Angelo riusciva ad avere un controllo mentale, riusciva a non farsi fermare dal suo fisico, era lui che teneva i fili che muoveva a suo piacere e chiedeva alle sue gambe di portarlo sempre al traguardo a qualsiasi costo.  Er una passione forte, ma a un certo momento qualcosa non ha funzionato ed è stato costretto a fermarsi: “Non ho mai pensato di smettere ma nel momento di massimo entusiasmo e di ottima forma fisica, ho dovuto fermarmi a causa di gravi problemi fisici dovuti alla gara più estrema alla quale ho partecipato, la Sparta Atene di 245 km, nell’ottobre del 2011. Dopo 172 km, sono stato costretto a fermarmi e lo sono fino a tutt’oggi!”

Angelo, purtroppo, ha sperimentato il suo limite di essere umano di avere un organismo con degli apparati da tenere in efficienza e non stressarli al massimo o quantomeno controllare più spesso e più approfonditamente la sua carrozzeria ed il suo motore perché a volte ci può essere qualcosa che non va, che non risponde efficientemente ai tuoi desideri, ai tuoi ordini. Angelo ci racconta quello che è successo in una gara ritenuta una delle più dure in Europa: “E’ stata proprio questa gara, la Sparta Atene del 2011, che mi ha fatto sperimentare il limite delle mie gare e soprattutto ho capito che bisognava che ascoltassi la richiesta di aiuto da parte del mio fisico. Infatti dopo un inizio brillante della gara, al 130esimo km ho iniziato a sentire sensazioni strane mai avvertite che mi hanno convinto a fermarmi e a ritirami al km 172. In passato, nonostante problemi fisici ho resistito, stretto i denti ma sono sempre arrivato al traguardo. In sintesi ho avuto una grave insufficienza renale da rabdomiolisi, dovuta allo sforzo, alla cattiva idratazione e alimentazione durante la gara.” Purtroppo se non si è previdenti, se non si fa attenzione può succedere l’irreparabile, Angelo è riuscito ad uscirne indenne ma ha dovuto rimodulare il suo stile di vita, niente più estremismi ma solo corsetta per il benessere, quindi niente più da dimostrare di essere invincibile, niente più dimostrare a se stessi ed agli altri di essere supererri, solo correre per apprezzare sensazioni piacevoli, per stare in buona compagnia, per svagare.” Angelo si ritiene fortunato per essere rientrato nella normalità quotidiana, per poter ancora indossare le scarpette e fare due passi senza pretese, ora deve stare tranquillo e non scalpitare, non si può permettere di fare altri errori, soprattutto non può continuare a far preoccupare i propri cari.

Ci racconta cosa è successo durante la sua convalescenza: “Dopo le necessarie cure ospedaliere e alla convalescenza, tutte le funzioni vitali sono tornate nella norma, ma dietro consiglio dei medici, sono tornato a fare un’attività fisica gradualmente fino ad un’oretta di corsa ma con i ritmi che fanno bene alla salute e no che la devastano!! Ora dopo tre anni da questa brutta avventura, le gambe sono tornate abbastanza in forma ma ho abbandonato le gare (sconsigliate dai medici) e continuo ad allenarmi senza esagerare e fermandomi quando il fisico lo richiede. Al momento il problema che è rimasto è un problema psicologico, un blocco dovuto alla paura ricordando ciò che è accaduto.” Angelo si sente di aver sperimentato un trauma giustamente, ed ora è un po preoccupato nell’esercitare un tipo di sport che può essere considerato estremo e pericoloso, in ogni caso durante la sua esperienza di ultramaratoneta ha sperimentato benessere mentale e psicologico, ha acquisito più sicurezza, ha sperimentato autoefficacia, gli piaceva fare cose ritenute impossibili ed impensabili.

Angelo parla dei meccanismi psicologici sperimentai nell’esercizio delle ultramaratone: “Sono proprio i meccanismi psicologici che ti spingono a partecipare a gare estreme, la convinzione che dopo vari risultati positivi, puoi continuare e osare di più e ti convinci che puoi finalmente partecipare alla gara dei tuoi sogni, il traguardo cui ambisce ogni maratoneta: la Sparta Atene, appunto.  Ritrovarti dopo 245 km, sotto la statua gigantesca di Leonida!

Un altro meccanismo molto importante è la forza e l’incitamento che ci si trasmette tra atleti che nel frattempo diventano i tuoi compagni di avventura. L’incoraggiarsi, lo spronarsi uno con l’altro, è stato un punto di forza in quelle occasioni, dove eravamo fondamentali uno per l’altro affinché si tagliasse il traguardo, dimenticando la fatica, i dolori fisici che sono tanti.” Ora Angelo conosce i suoi limiti e ne parla liberamente descrivendoli: “La gara più estrema e difficile per me, si è capito, è stata proprio la Sparta Atene, ed è quella che sicuramente non porterò mai a termine proprio perché essendo fermo già da tre anni, e mai decidessi di riprendere un percorso di gare, sarà quasi impossibile ritornare ad a ere la preparazione per tornare a pensare a rifarla! Mi spingevo oltre i limiti fisici, perché ero e sono uno ‘tosto’’, un caparbio, che si piega ma non si spezza, e credo in quello che fa e che soprattutto credo che provare non costa niente, e se riesco bene altrimenti posso dire di averci provato. E mi ha detto bene fino alla Sparta Atene dove ho sperimentato a quello cui nessuno pensa: che in queste gare estreme si può rischiare seriamente la salute!! A pro’ di che?”

I famigliari inizialmente erano contenti dello sport che praticava ma con il passare del tempo la corsa lo assorbiva sempre di più, Angelo racconta le preoccupazioni della sua famiglia in pensiero per lui durante le sue imprese: “I miei famigliari, moglie e figli, sono stati contenti di questa mia nuova attività fino a quando si trattava di allenarsi al parco, fare una corsa salutare, hanno accettato anche la voglia poi di fare qualche garetta, fino alla mitica maratona di Roma, guardandomi come un extra terrestre, ma quando ho iniziato l’avventura da ultramaratoneta sono stati subito contrari prendendomi per matto, perché per loro era inconcepibile che ci si poteva sottoporre a certi sforzi fisici per sport, rischiando di farsi male. Quindi con il passare del tempo la mia passione per le gare, è diventato motivo di discussioni con la mia famiglia, In primis perché preoccupati della mia salute e poi anche per problemi logistici (soprattutto per mia moglie): panni sporchi, scarpe infangate d’inverno, i week end sempre impegnato in qualche gara (anche se a volte le gare si trasformavano motivo per fare gita con le famiglie che ci seguivano). Per quanto riguarda la vita lavorativa non ne ha risentito tanto di questa mia attività, avendo degli orari che mi permettevano gli allenamenti giornalieri.”

Per Angelo non si trattava di gare estreme, tutto si poteva fare con la giusta preparazione ed alimentazione: “Cosa significava per me partecipare a gare estreme? il fatto è che non le ho mai considerate ‘estreme’, si trattava di gare dove bisognava fare più km e che con un buon allenamento, una giusta alimentazione, tutto si poteva affrontare. Quindi è stata proprio questa incoscienza a mandarmi avanti. La gente si domandava: ma chi te lo fa fare!!!!!! Per una medaglia! A queste persone rispondevo che solo chi prova una passione poteva capire l’adrenalina che cresce dentro di te quando fai una cosa cui credi e che non deve avere necessariamente un rientro economico e la corsa non ne ha nessuno! E la felicità nel tornare a casa con la medaglia al collo! Capisco che sia difficile per i più capire questa passione, ma sono soddisfazioni che ti riempiono di orgoglio anche se certe imprese non portano niente di concreto ma ti danno una carica che ti fa superare la fatica fisica.”

Simpatici sono gli aneddoti che racconta quando era ricoverato: “Quando ero ricoverato in ospedale, il mio vicino di letto, un signore di 81 anni, quando ha sentito perché stavo là, mi ha chiesto: Ma quanto ti hanno dato? E gli ho risposto niente, anzi avevo sostenuto una bella spesa per andare, mi ha detto che ero stato proprio scemo! E ci avevo pure rischiato a vita! Ed ero diventato un soggetto in quanto i dottori dell’ospedale di altri reparti, dopo che avevano sentito il mio caso, venivano a trovarmi e mi domandavo sorpresi di quello che avevo fatto.” Nelle sue esperienze di ultramaratoneta, Angelo ha scoperto di essere determinato e sicuro: “Della mia esperienza ultra decennale da maratoneta e poi da ultramaratoneta, ho scoperto un lato del mio carattere che nella vita di tutti i giorni invece non è proprio cosi: quello di avere una fermezza decisionale e una sicurezza caratteriale prima e durante le gare che sono quelle che ti fanno arrivare al traguardo!”

L’unico rammarico di Angelo è il non essere stato attento alla sua salute: “Se potessi tornare indietro rifarei tutto, tranne l’autogol che mi sono fatto nella Sparta Atene nel prendere delle decisioni durante la gara che mi hanno complicato la stessa senza aiutarmi.”

Anche i medici gli consigliavano di ridurre la sua attività fisica estenuante ma questo succede per tutti gli ultramaratoneti che si rivolgono da medici, fisiatri o ortopedici per problemi vari: “A livello medico si, un fisiatra al quale mi ero rivolto per problemi alla schiena e al nervo sciatico, dopo che ha ascoltato quello che facevo è rimasto allibito, dicendo che era il minimo quello di avere quei problemi, e che per fare certe cose si ha bisogno di essere seguiti e che purtroppo nel nostro caso, sono allenamenti “fai date”, che comportano tanti errori. Io, in quella occasione, l’ho ascoltato solo per il periodo di riposo e cura che mi aveva prescritto.” Il sogno nel cassetto di Angelo è rifare una maratona con serenità: “Visto che ho raccontato tutto al passato, essendomi fermato tre anni fa per i motivi ben noti, il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di poter tornare a fare almeno una maratona senza la preoccupazione dei tempi, ma avere la soddisfazione provata la prima volta e ciò significherebbe principalmente per me, aver rimosso la paura e con la promessa che ciò non significa ricominciare! Anche perché i miei mi caccerebbero da casa!!!!

Grazie a te che mi hai dato l’opportunità di raccontare.

 

Matteo SIMONE

Psicologo Clinico e dello Sport

Psicoterapeuta Gestalt

380.4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>