Cronaca — 30 maggio 2006

Moltissime gare si svolgono in questo periodo, in particolare nel centro-nord dell’Europa e ne diamo sommariamente conto. E’ anche da questa analisi che emerge la grande impresa compiuta dai nostri al recente Passatore.


 


24-25 mag Steenwerk 100km




Il prossimo campionato europeo dei 100km si svolgerà, come noto, in notturna. Questa circostanza ha suscitato molte discussioni fra coloro che la considerano una sventura e quanti, al contrario, la considerano una buona idea.


Nella cittadina di Steenwerk, del nord della Francia, hanno risolto a loro modo il problema organizzando addirittura due 100km: la prima in notturna, con partenza poco prima del tramonto, la seconda con partenza al mattino del giorno dopo. Il risultato è contraddittorio: i podisti in grande maggioranza hanno preferito la gara notturna, ma i tempi migliori sono stati ottenuti nella gara diurna.
La gara notturna ha visto 118 concorrenti all’arrivo, il primo dei quali è stato Alain Grasset in 8:50.19, mentre la gara diurna ha visto concludere i 100km da parte di 23 concorrenti, preceduti al traguardo da Frederic Pille in 7:36.14


27 mag 100km Chavagnes, Frau


La cittadina della Vandea, nel nord della Francia, organizza una bella 100km, sede in passato anche di un campionato del mondo. Edizione in tono minore quest’anno sul piano tecnico, disturbata dalla pioggia insistente, che non ha tuttavia impedito ad oltre mille appassionati di concludere la prova.
Vittoria per Jacques Hinet in 7:22.46, davanti a Jean Francois Banck (7:24.55) e per Lucy Carr, un’americana che vive da anni in Provenza, in 8:40.34


 20 mag Gistel 50km


Jan van den Driessche, grande corridore del recente passato ed attualmente dinamico segretario della IAU, organizza questa bella gara di 50km che fa parte del circuito del 50Ktrophy della stessa IAU. Quest’anno la partecipazione è stata nobilitata dalla presenza di una delegazione ufficiale bielorussa, e bielorusso è stato il vincitore. Dzmitriy Bula (la grafia del nome è quella ufficialmente approvata nel suo Paese e diversa da quella russa) ha vinto alla grande con l’eccellente tempo di 2:59.43, favorito anche dal percorso decisamente più scorrevole di quello di Castelbolognese, dove Calcaterra ha fatto segnare un tempo di soli sedici secondi superiore. Alle sue spalle si sono classificati i belgi Ivan Hostens (3:19.18) e Renaat Moyson (2:26.31).


14 mag 50km Korkie, Germiston


Classica gara sud-africana sull’amatissima distanza dei 50km, vinta quest’anno da Stephen Molepo, maratoneta da 2:13, che ha concluso la prova in 2:59.43, un tempo discreto considerate le avverse condizioni atmosferiche. Yolande Maclean, in preparazione per la Comrades, ha prevalso in campo femminile in 3:49.53.


28 mag Morbidan, 24h du Séné


Folta pertecipazione e buoni risultati in una delle più famose 24 ore francesi. Questa distanza è molto apprezzata in Francia, al punto che se ne organizzano una diecina ogni anno.
In questa  ha vinto Dominique Provost con 245.511km, un ottimo risultato, seguito da Albert Vallee con 227.491 e Pascal Pelardy con 220.293 ed altri 4 oltre i 200km
Vittoria femminile per Chantal Pain con 184.294km


28 mag 24 ore di Apeldoorn, Ned


E’ questa una delle classiche della distanza, più volte sede di campionati europei e mondiali.
Quest’anno il livello tecnico è stato un po’ inferiore alla tradizione, dal momento che nessuno è riuscito a superare il muro dei 10km/ora. Vittoria comunque per il belga Alfons Vekemans con 220.253km davanti al connazionale Chris Dhooge con 216.707km. Buona la prova dell’inglese Pauline Walker in campo femminile, cha ha coperto 201.668km, davanti all’olandese Jenny de Groot con 185.535.
Modesti risultati invece per la parallela corsa sulle 6 ore, dove l’unico risultato degno di nota è quello femminile di Karin van Eck con 66.460. Resiste quindi alla grande il primo posto mondiale in questa disciplina per Paola Sanna.


28 mag Wien, 100km Sri Chinmoy


Altro interessante appuntamento organizzato dal club Sri Chinmoy, che da noi ha trovato in Monika Moling la sua maggiore estimatrice. Appena discreta sul piano tecnico la vittoria di Gerald Fabianek in 7:52.58 e della slovena Tatyana Jauk in 10:14.41


 


 

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>