Cronaca — 25 maggio 2006

20 mag Pechino, Grande Muraglia



Se vi piace fare le scale di corsa andate alla maratona della Grande Muraglia: farete un bel viaggio ed avrete l’opportunità di correre per 42 chilometri fatti di impennate pazzesche, scale ripidissime, discese a rompicollo e perfino qualche tratto di pianura.
Il tutto sul camminamento della Grande Muraglia Cinese, la più grande costruzione in muratura del pianeta, in compagnia di alcune centinaia di pazzi, innamorati della corsa come voi.
Per la cronaca, quest’anno hanno vinto il britannico David Arden, in 3:38.06 e la neozelandese Margaret Stewart in 4:16.58. Spulciando l’ordine d’arrivo scopriamo anche che era presente una italiana, Lisa Iorio, quarta in 4:36.22


 


21 mag Copenhagen, Den


Man mano che il calendario procede verso l’estate le grandi maratone procedono verso nord e cominciano ad interessare le capitali scandinave. Dopo Vienna e Praga, ecco adesso la maratona della capitale danese, che a sua volta precede quelle di Stoccolma ed Helsinki.
Corsa bella e spettacolare, immersa in quella particolarissima atmosfera che pervade il grande Nord all’annuncio dell’estate, tanto che anche molti turisti-podisti italiani non hanno mancato l’appuntamento.
Sul piano agonistico la gara si è sviluppata senza grandi sussulti, con vittoria per il danese Juul Nielsen in 2:24.08 e la sua connazionale Katherine Tilma in 2.49.23. Fra i piazzati da notare il ritorno a buone prestazioni del centista francese Djouadi, giunto quarto 2:31.34


 


21 mag Porto Alegre, Bra


Prima maratona di un certo interesse in Brasile, in quello che per loro è l’inizio dell’inverno, Paese da tenere d’occhio viste le imprese che di tanto in tanto i loro migliori atleti sanno fornire.
Clima ancora sfavorevole, caldo e umido, e quindi tempo apprezzabile per il vincitore Claudir Rodrigues, primo in 2:18.20 davanti a Eliesio Miranda (2:18.36). Vittoria femminile per Maria Sandra Pereira (2:41.55) che ha preceduto Rosa Jussara Barbosa (2:44.48).


 


21 mag Melbourne, Great Ocean Road, Aus


Gara dura e spettacolare, tutta giocata sulla strada che costeggia l’Oceano Pacifico, immersa in paesaggi mozzafiato e saliscendi spaccagambe.
Ha vinto un keniano di casa in Australia, Jemes Kariuki, nel tempo non male di 2:33.13, considerate le difficoltà del percorso. In campo femminile vittoria per Nadelle Legge in 3.15.36.
La vecchia conoscenza Steve Moneghetti, ora 44enne, ha vinto la gara di contorno sui 14 chilometri, in 41.51,8: un tempo che equivale a circa 30 minuti sui 10km.


  

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>