Cronaca — 03 aprile 2007

In attesa delle grandi maratone in programma subito dopo Pasqua, diamo conto di un gruppo di belle gare sparse per il mondo, che hanno messo in evidenza soprattutto il crescente talento dello svizzero Viktor Rothlin, che già lo scorso anno era stato il migliore avversario di Stefano Baldini a Goteborg.


 


18 mar: Stanley, Isole Falkland



Fra le maratone esotiche di cui di tanto in tanto ci occupiamo, segnaliamo anche questa che si disputa nelle lontane isole Falkland, tornate da tempo al loro pacifico quieto vivere, anzi proiettate in funzione di penetrazione economica nel Continente sudamericano. Prova ne sia la presenza molto efficiente di una grande banca internazionale come la Standard Chartered, che sponsorizza anche questa manifestazione.


Alla corsa hanno preso parte più che altro militari inglesi presenti nelle isole anche se il migliore di loro può vantare il record nazionale delle Falkland, complice la recente normativa sull’autonomia delle varie componenti del Regno Unito.


La gara è stata così vinta in 3:05.22 da Hugh Marsden, davanti al nepalese Bikash Gurung, presente in virtù della remota dislocazione del reparto di Gurka di cui fa parte. Vittoria femminile per Lisa Turner, in 3:50.25


 


31 mar: Zurich



Dopo l’assaggio invernale della maratona del Nuovo Anno, Zurigo ci offre adesso una bella gara, dominata dallo svizzero Viktor Rothlin, che ha punito la solita muta di keniani, lasciando la compagnia prima della mezza ed andando a cogliere, assieme alla vittoria, il nuovo primato nazionale con un pregevole crono di 2:08.20. Alle sue spalle è arrivato Sammy Kurgat in 2:11.36, che ha preceduto Paul Lomol Lopio in 2:13.16


ed altri otto sotto le 2:20.


Viktor Rothlin è nato il 14 ottobre 1974, e si tratta quindi di un atleta ben collaudato. In carriera si evidenzia il suo secondo posto alle spalle di Baldini dello scorso anno a Goteborg. I suoi primati personali su altre distanze sono 62.16 nella mezza (5° alla Stramilano del 2006) e 28:22.53 sui 10000 (2000).


Molto più modesta la gara femminile, vinta alla russa Nina Podnebesnova in 2:37.00 davanti alla connazionale Yelena Tikhonova in 2:38.13. Quasi quattromila gli arrivati.


 


31 mar: Xiamen International


Buona gara organizzata nel contesto della preparazione olimpica e vinta dagli atleti di casa davanti ad una forte rappresentanza di ospiti keniani. Il vincitore fra i maschi si chiama Li Zhuhong, che ha impiegato 2:13.17 per battere Haron Toroitich (2:13.35), Meshak Kirwa (2:15.47) e Julius Sugut (2:16.37). Fra le ragazze bella corsa di Zhu Xiaolin, vista anche in Europa, che ha chiuso con l’ottimo tempo di 2:26.07, davanti alla connazionale Sun Weiwei (2:29.27). Lontane le altre. Grande partecipazione complessiva nelle gare di contorno, ma solo poche centinaia in maratona.


 


01 apr: Santa Rosa, Pampa Traviersa, Arg



‘El Indio’ Oscar Cortinez, di gran lunga il migliore specialista del Paese, ha trionfato facilmente nel campionato nazionale argentino, corso nella città di Santa Rosa situata nel cuore della Pampa, lasciando il secondo ad oltre sei minuti di distanza.


Dura lotta invece in campo femminile: alla fine la vittoria ha arriso a Estela Maria Martinez in 2:48.54 di poco davanti a Veronica Paez, seconda in 2:49.31. Il risultato tecnico ha risentito delle condizioni di gara, rese non ideali dalla forte umidità.


 


01 apr: Thessaloniki, Megas Alexandros


La Grecia celebra il suo grande condottiero Alessandro Magno con questa maratona che parte dalla città macedone di Pella per concludersi a Salonicco, lungo un percorso ricco di storia come tutto in questo Paese.


Scarsa l’adesione locale alla maratona, come all’atletica in generale, soffocata dalla facile popolarità degli sport di squadra, e quindi il livello tecnico è affidato agli ospiti stranieri. Dominio keniano con David Kosgei (2:13.49) e con Elizabeth Chemweno (2:36.04). Seguono Henry Cherono (2:13.50), Henry Serem (2:14.04) e l’etiope Yared Mekonen (2:14.16), mentre fra le donne i piazzamenti se li sono aggiudicati Hirut Abera (2:37.11), Wuynesh Debele (2:43.20) e Alevtina Naumova (2:48.19)


 


01 apr: Santiago de Chile


Buona partecipazione per la bella maratona della capitale cilena, con molti appassionati convenuti dalle vicine nazioni sudamericane ed anche una discreta pattuglia di europei. Sul piano tecnico la vittoria ha arriso al maratoneta cileno Miguel Melendez in 2:19.47, dopo una bella lotta con Leonidas Rivadeneira (2:21.58)


Facile vittoria invece per Erika Olivera de la Fuente in campo femminile: 2:44.26 il suo tempo. I Giochi Panamericani saranno il prossimo importante impegno per tutti questi atleti.


 

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>