Cronaca HOME PAGE — 20 maggio 2012

ABRUZZO – A Pescara, Mario Brigida (Bruni Pubbl. Vomano) regola la concorrenza sui 200 metri, giungendo al traguardo in 21.48 (+0.1), mentre nei 400hs il finanziere Leonardo Capotosti(Bruni Pubbl. Vomano) si impone nettamente in 51.26.

FRIULI VENEZIA GIULIA – A Gorizia, inarrestabile il martellista Lorenzo Povegliano. Il carabiniere dell’Udinese Malignani, ad una settimana di distanza dal personale “allungato” a 79,08 (minimo olimpico A), spedisce il suo attrezzo a 76,63 al primo lancio. Per lui, a seguire nella serie anche un 75,11 e un 73,85. Nell’alto lo junior Alberto Gasparin (Brugnera Friulintagli) salta 2,15 e ottiene lo standard per i Mondiali under 20 di Barcellona. Sui 5000, il siepista Patrick Nasti (Marathon Trieste/Fiamme Gialle) sfila al traguardo in 14:30.41. Al femminile, 48 metri di disco per la promessa Elisa Boaro (Libertas Friul Palmanova).

LAZIO – A Rieti le cose più interessanti arrivano dai concorsi femminili. La primatista junior dell’asta, Roberta Bruni (Stud. CaRiRi) sale a 4,10, 20 centimetri più in alto dell’aviera bergamasca Elena Scarpellini (Audacia Record), frenata da un fastidio tendineo. La giovane saltatrice ucraina Dariya Derkach (Audacia Record), all’idnomani dell’esordio nel triplo (12,81), torna in pedana anche nel lungo vinto con un balzio da 6,03 (-0.4). Lanci targati Audacia Record-Fiamme Azzurre con il 55,56 della discobola Laura Bordignon e il 51,41 della giavellottista Tiziana Rocco. Nei 400hs, la primatista nazionale Benedetta Ceccarelli (Audacia Record/Carabinieri) supera il resto della concorrenza in 59.65. I 200 metri vedono, quindi, il successo 24.14 a 24.19 (-0.1) di Ilenia Draisci (Audcia Record/Esercito) su Giulia Arcioni (Stud. CaRiRi/Forestale). Al maschile, il vicecampione europeo junior del peso, Daniele Secci (Fiamme Gialle) si impone lanciando 18,05 con lo junior compagno di club alle Fiamme Gialle Simoni, Patrizio Di Blasio leader del martello con 61,83. Il mezzo giro di pista vede la conferma, dopo il 10.60 (+1.1) di ieri sui 100 metri, di Alessandro Guazzi (Stud. CaRiRi), 21.55 (+0.2). Nel mezzofondo, gli 800 vinti dal keniano Joseph Boit (E-Servizi Atl. Futura Roma/1:50.89) vedono al secondo posto lo junior Matteo Orlandi (Running Club Futura), 1:52.05. 5000 metri ad Alessandro Brancato (Running Club Futura), 14:07.02, ed Emanuele Formichetti (Stud. CaRiRi/SM Esercito DAR) battuto nel lungo 7,35 (+1.1) a 7,48 (+0.3) da Hatem Mershal (E-Servizi Futura Roma).

LOMBARDIA – La pioggia ha risparmiato solo gli ostacoli e gli 800 nella seconda giornata dei CdS assoluti femminili di Lodi. Marta Milani (Bergamo 59) si aggiudica gli 800 con una solitaria progressione in 2:07.25. Nei 400hs personale per la promessa della Camelot, Beatrice Mazza (1:00.65). Nei 200 corsi sotto la pioggia battente Elena Bonfanti (Lecco-Colombo Costruzioni) ha guadagnato la vittoria in 24.14 (+0.2) davanti alla promessa Marta Maffioletti (Camelot/24.49) e a Chiara Varisco (Pro sesto/24.60). Da segnalare la prestazione dell’allieva al primo anno Denise Rega (GSA Brugherio) al traguardo in 25.24. In gara anche la campionessa paralampica Giusy Versace (Atl. Vigevano), che ha fermato il cron a 32.77. Nel lungo Elena Salvetti (NA Fanfulla) vince con 5,78. Pioggia battente anche a Busto Arsizio (VA), sede delle gare maschili. Il senegalese in forza all’Atletica Bergamo 59 Creberg, Mamadou Gueye si è imposto negli 800 in 1:48.68 dopo la lotta con Mario Scapini (Cus Pro Patria Milano/1:49.01) e un deciso progressivo nel finale. Nei 400hs 51.54 per il poliziotto cresciuto nell’Atletica Lecco Colombo, Giacomo Panizza, mentre nei 200, sotto il diluvio, affermazione di Fabio Squillace (Riccardi) in 21.31 (+1.0). Nei concorsi 2.09 per Marco Gelati (Pro Sesto) nell’alto e 7,21 (-0.6) al secondo salto per il lunghista Camillo Kaborè (Cus dei Laghi Varese/Carabinieri).

MARCHE – A Macerata, il più veloce sui 200 metri in 21.53 (-0.1) è lo sprinter pesarese Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata), campione italiano juniores della specialità nella scorsa stagione, davanti a Julius Kyambadde (Atl. Maxicar Civitanova), 21.81. Doppietta nel mezzofondo per il marocchino Hamid El Mouaziz (Sef Stamura Ancona), che dopo i 1500 conquista anche la gara dei 5000 metri fermando il cronometro su 14:16.78 e precede il compagno di squadra Andrea Gargamelli, 14:28.15. Nel peso con 15.61 si afferma Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatletica Marche), argento tricolore under 20 al coperto, mentre nei 400 ostacoli in 54.25 vince Tommaso Giuliodori (Tam), classe ’93, sul carabiniere John Mark Nalocca (Tam), 55.00. Atlete juniores in evidenza anche in campo femminile, con Lucia Paternesi Meloni (Tam) prima negli 800 in 2:15.04, Martina Buscarini (Sef Stamura Ancona) sui 200 metri con 25.49 (-1.1) e l’astista Barbara Donzelli (Sport Atl. Fermo) a quota 3.50. Nella staffetta 4×400, chiude in 3:54.95 il quartetto dell’Avis Macerata con la pluricampionessa italiana Daniela Reina in prima frazione, seguita da Sara Porfiri, Mamadou Binta Diallo e infine Eleonora Vandi, oro tricolore indoor sui 1000 metri allieve.

PIEMONTE/VALLE D’AOSTA – Gara di spicco allo Stadio Nebiolo di Torino sono i 200 metri maschili con la vittoria per Davide Manenti (Atl. Piemonte/Aeronautica) in 21.06 (+1.8), ma il secondo posto per Michele Tricca (Atl. Susa/Fiamme Gialle) che realizza il primato personale con 21.36 (+1.8) e ottiene così il minimo (21.55) per i Mondiali Juniores di Barcellona. Bene anche l’allievo Jacopo Spanò (Atl. Sandro Calvesi) con 21.88 (+1.8). Sui 200 metri femminili buona prova dell’allieva Chiara Plazio (Sisport) che chiude in 25.08 (+1.1/PB). Sui 400hs si migliora anche Anna Laura Marone (Cus Torino/Esercito), 58.59. Salto in lungo condizionato dal maltempo e dalla pedana bagnata sulla quale Eleonora D’Elicio (CUS Torino/Fiamme Azzurre) vince con 5,64 (0.0). Terza Valeria Canella (Cus Torino/Fiamme Azzurre) con 5,55 (-1.0). Nell’alto l’aviere Marco Fassinotti (Atl. Piemonte) sbriga la formalità a 2 metri e non va oltre per non rischiare inutili infortuni visto il freddo e la pioggia. Nel martello maschile Lorenzo Puliserti (Atl. Piemonte) ottiene come miglior misura 56,36 metri così come nel peso che vince con 13,88 metri. Sempre nei lanci 44,32 metri la miglior misura odierna per Ilaria Marchetti (Cus Torino) nel disco. Negli 800 passaggio troppo lento ai primi 400 metri per Soufiane El Kabbouri (Cus Torino) per tentare l’attacco al minimo per i mondiali juniores; si aggiudica tuttavia la gara in 1:53.80 davanti al compagno di club Stefano Guidotti Icardi con 1:54.10. Sui 5000 metri al femminile gara che vive sul duello tra le atlete del Cus Torino Abera Fisseha Feleku e Giorgia Morano, con Sara Brogiato, ieri vincitrice dei 1500 metri, più indietro. Negli ultimi giri Fisseha sembra più decisa e prende all’avversaria metri decisivi che le consentono di tagliare per prima il traguardo in 16:52.15; alle sue spalle Morano con 16:53.16. Nella gara maschile duello tra il valdostano Renè Cuneaz (Atl. Sandro Calvesi) e Abdelmjid Ed Derraz del Vittorio Alfieri Asti; anche in questo caso è negli ultimi giri che si apre il margine tra i due a favore del valdostano che chiude in 14:41.30. Per Ed Derraz 14:49.25, tempo vicino al suo primato personale.

SARDEGNA – Giornata di pioggia ad Oristano, ma la neo primatista nazionale dei 100hs Marzia Caravelli (CUS Cagliari) mette comunque a segno un 23.86 (0.0) nei 200 metri. Nell’alto lo junior Eugenio Meloni (CUS Cagliari) salta 2,11, mentre problemi di attrezzo nel giavellotto per Zahra Bani (CUS Cagliari/Fiamme Azzurre) alla quale per vincere basta un 46,55.

SICILIA – A Palermo, esordio stagionale per la triplista campionessa europea indoor e vice all’aperto Simona La Mantia (CUS Palermo/Fiamme Gialle). L’azzurra ha scelto di cimentarsi solo nel lungo dove non ha avuto rivali atterrando a 6,18 (+0.2) con parecchi centimetri regalati alla battuta. La vedremo in azione, stavolta nel triplo, il prossimo 31 maggio a Roma in occasione del Compeed Golden Gala. Nel peso l’aviere Marco Di Maggio è protagonista di un buon 18,66, mentre il finanziere Marco Lingua scaglia il martello a 70,55. Doppietta per Cristiano Zingales, figlio d’arte, il papà Rosario è stato azzurro negli 800, allievo di gaspare Polizzi, al personale sui 400 (48.46) e ieri ha vinto gli 800 (1:54.55) con al terzo posto la promessa Gerratana (1:54.70), oggi 9:02.58 sui 3000 siepi.

VENETO – A Vicenza la doppietta della ventenne Gloria Hooper (Lib. Valpolicella) segna la seconda giornata della fase regionale dei societari. Dopo il successo nei 100 metri di ieri, l’azzurra coglie il bis nella distanza doppia, imponendosi in 24.00 (+0.4). E’ una vera e propria formalità, l’uno-due di Yuneysi Santiusti (Assindustria). La mezzofondista dell’Assindustria Padova, già vincitrice ieri dei 400 metri, passeggia negli 800, vincendo senza difficoltà la gara in 2:12.19. Nella stessa distanza al maschile, discreto successo in 1:51.88 per Mattia Picello (Assindustria Padova); merita infine la sottolineatura anche il 69,54 di Giovanni Sanguin (Assindustria Padova) nel lancio del martello. Nel disco donne vinto da Elena De Lazzari (Assindustria Padova, 42,29), brilla la 16enne Giulia Camporese (Cus Padova), che si migliora fino a 39,62.

Ufficio Stampa Fidal

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>