TuttoCampania — 22 febbraio 2015

correreStamane a Caivano, la I edizione del memorial Teresa Iorio, è stata davvero una scommessa contro il tempo … rale, per fortuna vinta.

La voglia di correre c’era tutta come al solito, anche sotto una pioggia scrosciante, ma molti, intimiditi dalle strade allagate, mostravano grosse perplessità.

Infatti, le più lugubri previsioni meteo degli ultimi giorni che prevedevano condizioni climatiche avverse per il fine settimana, si sono rivelate veritiere, e dopo una lunga notte di pioggia e vento, molte strade della nostra regione erano allagate e impraticabili ed hanno reso difficoltoso a molti podisti anche spostarsi per raggiungere Caivano.

Io stessa, da Napoli, ho dovuto più volte cambiare strada per non restare impantanata in un mare d’acqua.

Dopo 1000 peripezie quindi … poco prima delle 8,00 del mattino, Caivano si affolla di podisti che, parcheggiate le proprie autovetture nell’immensa area mercatale alle spalle della partenza, si appresta a ritirare il pettorale e … sperare nella clemenza delle condizioni climatiche che, a dirla tutta non fanno sperare in niente di buono.

Dopo infiniti consulti e rinvii, la pioggia, fino a quel momento scrosciante, diminuisce di intensità fino a diventare quasi impercettibile.

Ecco! E’ il segnale giusto! Si parte!

E tutti vengono chiamati a raccolta alle spalle delle griglie di partenza.

Alle 9,20 tutto è risolto e sotto un cielo plumbeo, ma senza una goccia d’acqua si parte, fiduciosi che questa momentanea clemenza della natura resista per almeno un’oretta.

Siamo più che fortunati! La gara si svolge all’asciutto e i podisti riescono ad esprimere appieno quella forza che solo chi corre è in grado di comprendere.

La vittoria se la aggiudica El Jebli allo sprint sul forte Soprano Giuseppe, terzo Migliaccio Vincenzo.

In campo femminile domina Fatima sulle forti D’Orsi Antonietta e Fransese Concetta.

Ottima l’organizzazione di questa prima edizione per l’immensa area parcheggio messa a disposizione, per il ristoro organizzato in modo ordinato e preciso e la gestione logistica del traffico, nonché le ampie premiazioni che hanno soddisfatto una grossa fetta di atleti.

Questa gara l’ho sofferta un po’ a dir la verità, pensavo di uscirne con sensazioni migliori e in progressione come nelle ultime due gare, ma va bene così. L’importante è esserci sempre e cercare, ne propri limiti, di migliorarsi.

Gli sforzi degli organizzatori oggi sono stati premiati, perché dopo la partenza la pioggia si è placata e tutto si è svolto nella più assoluta normalità.

marilisa carrano

Marilisa Carrano

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>