Cronaca slide TuttoCampania — 24 agosto 2014

TransMarathon 2014 gruppoTransMarathon, ultima tappa

*dopo 42 km totali, sono stati gli ultimissimi 2 km a fare la differenza e ad assegnare la vittoria nella classifica maschile della TransMarathon 2014;

*la TransMarathon 2014 va in archivio quale edizione più combattuta della sua storia, almeno per quanto riguarda i maschi, in campo femminile niente di nuovo, ma questo sin dalla primissima tappa;

*per la quarta tappa, la 12 km da Castel San Lorenzo a Felitto, si preannunciava battaglia, e battaglia agonistica è stata;

*Ismail Adim è un ottimo atleta, ma sa gestire poco la sua forte istintività, e questo, spesso, lo porta ad errori. Nella tappa finale avrebbe dovuto tentare di controllare gli avversari (visto che era in testa nella classifica) ed invece parte premendo sull’acceleratore e poi paga puntualmente la partenza troppo forte;

*Alberico di Cecco ha fatto quello che doveva fare: guardarsi attorno e puntare il tutto per tutto negli ultimi km di gara, per cercare di recuperare la manciata di secondi che lo separavano dal coronamento di una nuova, prestigiosa presenza, nella gara di Roberto Funicello.

*così doveva fare Alberico, e così ha fatto. Ultimi km alla massima espressione, proprio quando il tracciato si è fatto duro, molto duro. Ismail Adim subisce il colpo, solo Abdelhadi Ben Khadir resiste;

*vista l’uscita di scena di Ismail, almeno al fine della vittoria, il confronto si è poi ridotto allo spalla a spalla tra Alberico e Abdelhadi. Più che spalla a spalla, a dire il vero, è stato inseguimento, con l’Abruzzese (vincitore nel 2005 della maratona di Roma) a fare di tutto per prendersi quei 16” di vantaggio che l’avrebbero portato a vincere il tour.

*a sua volta Ben Khadir ha corso con la consapevolezza di dover temere solo Di Cecco e stargli vicino, il più vicino possibile fino al traguardo, e così poi è stato;

*Alberico di Cecco vince la tappa, con 8” di vantaggio, ma non bastano;

*Classifica del tour che quindi assegna una vittoria prestigiosa ad Abdelhadi Ben Khadir (Enterprise), con Alberico di Cecco a 8” e Ismail Adim (Finanza Sport Campania) sul terzo gradino del podio, a poco meno di 1’ dal leader;

*a seguire, nella classifica machile, la splendida prova di Giorgio Mario Nigro (4°), Francesco Bassano (5°), Donato Marotta (6°), seguito da Alessandro Eterno, Hadam Marek, Mario Cirillo e Fabio Coduto (Atl. La Torre);

*detto che la gara femminile non ha avuto storie, ma questo sin dalla prima tappa, la vittoria finale non poteva che andare a Roberta Boggiatto (Running Futura). Roberta ha vinto tutte le tappe, con un’ottima conclusione nell’ultima, sul piede dei 3’52” a km. Alle spalle dell’assoluta leader del giro del Cilento, la brava Loretta Catarina (Arieni Team), con la prima campana in classifica, Marianna Biancardi, ottima 3^. A seguire: Sara Cetrangolo, Romina Ferreni, Daniela Capo, Cecilia Patella, Maria Vlad, Elite di Rosa e Marilisa Carrano;

*speciale classifica a squadre andata, così come negli scorsi anni, al team Podistica San Giovanni a Piro-Golfo di Policastro;

*quest’anno poi…tanti gli atleti da fuori regione, un gran numero di partecipanti (tra quelli che hanno fatto tutto il tour e quelli che hanno voluto partecipare ad almeno un tappa). Sintomo che la TransMarathon è viva e si proietta verso la 15ì edizione, quella del 2015, nel migliore dei modi;

*Non dico nulla di nuovo se riconosco al team di Roberto Funicello una capacità organizzativa esaltante. Roberto, dall’alto delle sue qualità, si è scelto dei collaboratori eccezionali. Anzi, per meglio dire, ha fatto crescere organizzativamente dei ragazzi, da sempre al suo fianco.

*mi sono divertito a presentare anche quest’anno il tour Cilentano, la TransMarathon. Mi diverto perché presentare a me diverte sempre, perché la TransMarathon poi ti dona l’opportunità di ritrovare gli atleti, giorno dopo giorno, e perché oramai con i professionisti dei service audio c’è assoluto feeling: mai dimenticando che musica e sport, festa e agonismo, vanno sempre a braccetto (almeno secondo me); Mi sono divertito perché con Roberto, con i suoi splendidi collaboratori e con tutto lo staff della TransMarathon, c’è assoluta sintonia, che poi si traduce in sinergia per esprimere il tutto al meglio;

*Podistidoc.it ha fatto il suo lavoro, professionale come sempre. Al quartier generale sorrisi, ci si sfotte, un continuo di leggerezza…ma anche tanta professionalità, al momento giusto. Questi gli ingredienti perfetti per un team che da sempre riesce a fare la differenza, nella semplicità, nella professionalità.

*finita la 14^ edizione della TransMarathon. Già aspettiamo tutti la 15^!

Marco CasconeMarco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>