Medicina — 06 agosto 2006

Cara Sig.ra Di Domenico,
La sua domanda è estremamente attuale perché uno degli argomenti di maggior interesse per la fisiologia dell’esercizio, effettuato a scopo di fitness, e dello sport, a scopo agonistico, è proprio questa. Conviene allenarsi al mattino, al pomeriggio o alla sera ? Finora le ricerche hanno confermato che anche per la prestazione esiste un orario preferito a seconda di alcune tipologie di individui. Esistono cioè anche per lo sport i soggetti più mattutini e quelli che invece preferiscono la sera. In generale, la maggior parte delle prestazioni sportive vengono realizzate nel pomeriggio-sera, ma forse questo è il frutto di anni e anni di allenamento proprio in quegli orari. Sicuramente la cosa migliore per chi fa delle gare è infatti allenarsi nella fase di preparazione sempre nello stesso orario della gara che sta preparando. Se una maratona si corre al mattino non posso pretendere di avere un buon risultato, in linea con le mie più recenti prestazioni cronometriche, se mi alleno sempre e solo in tarda serata. Per di più se l’allenamento ha una certa intensità, abbastanza alta, e lo svolgo in serata avrò più difficoltà ad addormentarmi, dormirò meno e peggio e quindi non recupererò abbastanza e l’allenamento del giorno dopo (ma anche la mia vita lavorativa e sociale) ne soffrirà. D’altro canto al mattino presto i muscoli e le articolazioni sono molto meno pronti a compiere esercizio fisico e vado più facilmente incontro a lesioni muscolari, distorsioni. Le cartilagini sono più asciutte e se non le lubrifico bene provoco più facilmente la loro usura (che finirà con il procurarmi un’artrosi precoce). Anche l’energia che ho a disposizione sarà inferiore perchè difficilmente avrò assunto un pasto molto ricco di carboidrati almeno un’ora e mezza prima dell’inizio dell’allenamento. Penserò quindi di allenarmi, in base alla sensazione di fatica che proverò, ma sarà invece quasi solo la mancanza di energia in circolo a fermarmi. Peggio se credo di potermi alimentare a bevande e barrette energetiche che sicuramente richiedono molto di più di essere digerite di una fetta di pane. In conclusione, purtroppo molti non possono scegliere liberamente l’orario di allenamento ma per quelli che possono farlo è bene escludere il primo mattino o la tarda serata e preferire gli orari intermedi, caldo permettendo!    

Autore: Dr. Marco De Angelis

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>