slide TuttoCampania — 01 maggio 2014

Ivan di MarioDopo tutta la pioggia battente caduta nel lungo tratto autostradale che ho percorso per portarmi in mattinata a Benevento, avevo pochissime speranze che il cielo potesse graziarci, regalarci l’opportunità di vivere l’emozioni della StraBenevento, senza la sgradita compagnia di Giove Pluvio. Ed invece, nel giungere nella Città Sannita, non solo il piacere della presenza di solo nuvole, niente pioggia, per poi persino essere avvolti in una giornata di sole, astro che non ci ha più abbandonati e si è gustato con noi la gara, l’edizione 2014 dell’evento a firma Amatori Podismo Benevento.

Che bella questa gara: un clima di festa, con atleti che, per correre, hanno a loro disposizione il Cuore Pulsante della Città Sannita, con tanto pubblico, molti dei quali giovanissimi: ragazzi e ragazze che poi, nel post gara adulti, sono stati i mini protagonisti della stracittadina, tutta colori ed emozioni.

Gara

Il percorso della Strabenevento non è proprio facilissimo, ma ha dalla sua parte il pluri passaggio in piazza, cosa che aiuta lo spettacolo, lo esalta e esalta anche la produzione adrenalinica degli atleti (sarà forse per questo che poi i tempi comunque risultano di valore).

In campo maschile in molti si aspettavano il Keniano di turno, ed invece, nonostante il keniano comunque fosse al via, ecco andarsene da subito un duo Italo/Marocchino: Ivan di Mario e Abderrafii Roqti. Ivan, vincitore nel 2013, ha tenuto testa al Magrebino (reduce da un 29’28” a Giugliano)e, nel finale, lo ha persino staccato, capace quindi di bissare la vittoria della scorsa edizione (30’24” per lui, con ritmo regolare per tutti i 10 km). Il vincitore, atleta del team Pol. Molise Campobasso, ha lasciato a 20” Roqti (Finanza Sport Campania), con un ottimo Carmine Buccilli (Casone Noceto) sul terzo gradino del podio, capace a sua volte di lasciare ai piedi dello stesso il Keniano Kipneghetic (quarto) con Giovanni Grano in quinta piazza. A seguire, Antonello Landi, un quasi ritrovato Gennaro Varrella (in casa è andato comunque forte, nonostante i problemi influenzali dei giorni scorsi), Antonello Sateriale, Angelo Decorato, Angelo Grasso (Atl. Dugenta).

La gara donne non ammetteva puntate, nessun scommessa per indicare la vittoria: troppo il divario tra la Keniana Gladys Kemboi e le altre. A fine gara un più che di valore 35’43” per la giovanissima (20 anni) atleta degli altipiani kenioti. Seconda al traguardo (dopo un bel e intensissimo confronto con Cathy Barbati) l’ancor più giovane Francesca Palomba (niente male il 4’00” a km). Detto del terzo posto di Cathy, alle sue spalle, ai piedi del podio: Alba Vitale, Margherita Goglia, Jean D’Argenio, Anna Davino (atleta di casa, del team Organizzatore), Filomena Palomba, Ilaria Novelli (Cus Molise) e Lena d’Ambra (Pod. Azzirra Napoli).

La classifica a squadre è andata al forte team Podistica Valle Caudina, con giusto orgoglio degli atleti e particolarmente del presidente Pietro Meccariello.

Pasquale della Torca e tutto lo staff dell’Amatori Podismo Benevento hanno saputo offrire agli atleti, alla città, agli appassionati, una StraBenevento che non solo è riuscita a confermare la grande tradizione di questa gara ma, con questa 23ima edizione, hanno saputo aggiungere altre emozioni, quelle che ancor più riescono a fare la differenza.

Marco CasconeMarco Cascone

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>