Curiosita slide — 09 gennaio 2015

valeria straneoSe è vero che i sogni migliori si fanno all’alba, non potevamo esimerci dall’indagare quali fossero i desideri e le aspettative di Valeria Straneo in quest’avvio d’anno. Reduce da un 2014 impegnativo per i tanti impegni agonistici, è stata la stessa vice campionessa europea e mondiale di maratona a tirare le fila dei mesi appena trascorsi:

“Il bilancio del 2014 è senz’altro positivo: mi sono concentrata, forse fin troppo, sugli Europei di Zurigo e quel giorno d’agosto ho disputato una gara al massimo delle mie possibilità, viste le difficoltà del percorso e la presenza di avversarie temibili. La medaglia d’argento finale mi ripaga comunque ampiamente della preparazione svolta fino a quel momento. Prima degli Europei, a fine marzo, avevo ottenuto una buona prestazione ai Mondiali di Mezza Maratona di Copenaghen (ottavo posto in 1h08:55), anche se, a dirla tutta mi aspettavo un risultato cronometrico migliore. Ho chiuso l’anno con la maratona di New York, corsa non al 100% della forma, a causa degli Europei disputati in estate, e che ho patito molto negli ultimi, infiniti, 12 km, anche per le difficili condizioni climatiche”.

Quali sono le tue aspettative per il 2015? “L’obiettivo principale è essere in buona salute e poi correre una maratona veloce. Avrei tanto voluto ottenere una buona prestazione cronometrica alla maratona di Londra ad aprile ma non sarà possibile a causa di una tendinopatia inserzionale degli ischiocrurali della gamba destra. La mia preparazione dopo New York si è dovuta arrestare per questo problema che spero di risolvere in fretta. Quindi tutto dipenderà da quando riuscirò a riprendere ad allenarmi. Ho sempre l’idea di correre una maratona veloce per cercare un risultato importante: la mia idea potrebbe essere quella di correre la maratona di Berlino. Non penso comunque  di partecipare ai Mondiali di atletica Pechino, ma data la situazione odierna che mi vede costretta a rinunciare a Londra, potrei anche riconsiderare i miei programmi”. Un pensiero finale Valeria lo riserva a tutti quelli che l’hanno seguita in questo 2014 appena trascorso: “In primis la mia allenatrice Beatrice Brossa, i fisioterapisti Maurizio Odorizzi e Luigi di Filippo, gli osteopati Giorgia Consavella e Devis Zamburlin, il dietologo sportivo Nicola Sponsiello, Venuste Niyongabo e la Nike, il mio manager Marcello Magnani, Claudio Favaretto e la RunnerTeam 99, la Fidal. Un ringraziamento speciale anche al Resort “Poggio all’Agnello ” di Populonia che mi permette di allenarmi al meglio grazie alla gentilezza e disponibilità del suo team.”

La sua modestia non le consente di ricordare che in quest’anno, tra una gara e l’altra, ha anche trovato il tempo, con la collaborazione del giornalista Marco Tarozzi, di ripercorrere la sua storia in un libro dal titolo originale “Valeria fa “gli” Olimpiadi” (Minerva edizioni), quasi a sottolineare il suo modo confidenziale di interpretare il ruolo di campionessa sportiva e il coraggio nell’essere arrivata a certi risultati, dopo aver risolto i problemi fisici dovuti a una malattia congenita. Senza per questo dimenticare i suoi trascorsi di atleta amatoriale, che uniti a un’innata disponibilità d’animo, le hanno consentito di mantenere un rapporto molto stretto con i suoi tanti estimatori sparsi in ogni parte del mondo. Gli stessi che, siamo certi, continueranno a seguirla e sostenerla anche in questi prossimi mesi, ancora tutti da (per)correre.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>