Atletica News slide — 02 giugno 2015

Lungo donne (ore 17:45)
Record del Golden Gala: 7,23 Marion Jones USA 1998 –  Record italiano All-Comers: 7,49 Jackie Joyner-Kersee USA Sestriere 1994
Lo spettacolo della bellezza e del talento di Darya Klishina, l’argento europeo Moguenara, tedesca con radici in Ciad, la neoprimatista britannica Proctor (nativa di Anguilla), la campionessa europea junior di Rieti Mihambo (ancora Germania, ancora un’atleta di origini africane) e il ritorno della russa Sokolova, argento olimpico a Londra, ferma per maternità lo scorso anno. Un mix di grandi atlete per la pedana dell’Olimpico.
Italiani in gara: Tania Vicenzino (Esercito)

Peso uomini (ore 17:45)
Record del Golden Gala: 21,67 Ulf Timmermann GDR 1986 e Christian Cantwell USA 2010 –  Record italiano All-Comers: Alessandro Andrei ITA Viareggio 1987
Le bordate del due volte campione del mondo David Storl potrebbero stordire gli avversari. Il tedesco recentemente ha ottenuto 21,51 e 21,72 a 24 ore di distanza, dopo aver viaggiato dal Qatar alla Germania, impresa senza precedenti. A Eugene ha perso dallo statunitense Kovacs pur lanciando 21,92 e dando vita a una gara dai contenuti sensazionali. Il record del Golden Gala potrebbe avere le ore contate. In pedana anche Ryan Whiting, iridato mondiale indoor e terzo a Eugene, il campione europeo indoor 2013 Kolasinac per la Serbia (20,90 tra giorni fa) e il vice-campione USA Kurt Roberts.
Italiani in gara: Daniele Secci (Fiamme Gialle)

Disco donne (ore 17:55)
Record del Golden Gala: 68,90 Tsvetanka Khristova BUL 1986 – Record italiano All-Comers: 72,18 Ilke Wyludda GDR Macerata 1989
L’Olimpico aspetta il dinamismo e la potenza della campionessa di tutto ciò che è possibile vincere, la croata Sandra Perkovic. A nemmeno 25 anni, vanta tre titoli europei, un titolo mondiale e uno olimpico. E’ l’atleta che ha riportato la specialità oltre i 70 metri dopo oltre venti anni. Sfida di grandi contenuti contro le cubane Caballero e Perez (69,51 e 66,23 a L’Avana pochi giorni fa), la campionessa del mondo di Berlino Dani Samuels, l’argento di Mosca Melina Robert-Michon e la primatista USA Gia Lewis-Smallwood. Sempre difficile tenere a bada, infine, i dischi volanti delle due tedesche Nadine Müller e Julia Fischer, fidanzata di Robert “Hulk” Harting.

Asta uomini (ore 19:30)
Record del Golden Gala: 5,94 Sergey Bubka URS 1984 – Record italiano All-Comers: 6,14 Sergey Bubka UKR Sestriere 1994
Quando salta “Roi” Lavillenie tutto può succedere. Il francese torna a Roma con l’intenzione di confermare l’incredibile ruolino in Diamond League: è l’unico atleta al mondo ad aver vinto tutte le edizioni. Torna a Roma a due anni dalla sconfitta che patì dal tedesco Holzdeppe, laureatosi campione del mondo a Mosca. Una delle gare con più medaglie in pedana. Oltre al francese e al tedesco, c’è l’ex-campione del mondo Wojciechowski e il campione mondiale indoor Filippidis. Con il Lavillenie visto a Eugene (6,05) è possibile l’ennesimo exploit. In pedana anche il fratello di Lavillenie, Valentin, e l’altro francese Kevin Menaldo, con un 5,71 portato in dote da pochi giorni.
Italiani in gara: Claudio Stecchi (Fiamme Gialle)

100 metri B uomini (ore 19:40)
Italiani in gara: Massimiliano Ferraro (Enterprise Sport & Service), Delmas Obou (Fiamme Gialle), Jacques Riparelli (Aeronautica), Michael Tumi (Fiamme Oro)

Giavellotto uomini (ore 19:55)
Record del Golden Gala e Record italiano All-Comers: 90,34 Andreas Thorkildsen NOR 2006
Praticamente una finale olimpica: l’oro più sorpredente dei Giochi di Londra, Keshorn Walcott, l’egiziano Abdelrahman Al-Sayed e il kenyano Julius Yego, ultimo arrivato a lanciare lontanissimo (86,88 a Ostrava) cercheranno di confermare la rivoluzione delle gerarchie geografiche delle ultime stagioni. Tra i campionissimi di nazioni tradizionalmente “gold” nella specialità, Roma troverà il finlandese Tero Pitkämäki (argento a Mosca, bronzo a Pechino 2008 e iridato nel 2007), il ceco campione mondiale in carica Vítezslav Veselý e il tedesco Thomas Röhler, vincitore al Weltklasse di Zurigo lo scorso anno. Ancora Africa col sudafricano Rocco Van Rooyen (85,39 due settimana fa). Le spallate azzurre sono affidate al campione italiano Norbert Bonvecchio.
Italiani in gara: Norbert Bonvecchio (Atletica Trento)

400 metri ostacoli uomini (ore 20:03)
Record del Golden Gala: 47.73 Felix Sanchez DOM 2002 – Record italiano All-Comers: 47.13 Edwin Moses USA Milano 1980
La “prima” al Golden Gala per il campione d’Europa Kariem Hussein, regale ostacolista di origini nubiane, nato in Svizzera. Nel mirino dell’elvetico il record nazionale di Marcel Schelbert (48.13), in una gara che coincide con un meraviglioso ricordo azzurro: l’oro di Fabrizio Mori a Siviglia nel 1999. Un cast di prim’ordine comprendente il campione del mondo Jehue Gordon, l’argento mondiale e olimpico Tinsley, il portoricano Culson e lo specialista USA Johnny Dutch, capace di exploit e vittorie prestigiose, come quella al Golden Gala di due anni fa in 48.31 e l’altra recentissima di Eugene in Diamond League in 48.20.
Italiani in gara: Leonardo Capotosti (Fiamme Gialle)

Alto donne (ore 20:10)
Record del Golden Gala: 2,03 Hestrie Cloete RSA 2004, Yelena Slesarenko RUS 2004, 2,03 Blanka Vlašic CRO 2010, Chaunté Lowe-Howard USA 2010 – Record italiano All-Comers: 2,09 Stefka Kostadinova BUL Roma 1987
Sulla carta è la gara più di alto livello del Golden Gala Pietro Mennea 2015. La pedana dell’Olimpico, dove Stefka Kostadinova realizzò il record mondiale 28 anni fa con 2,09, ospiterà giovedì sera atlete che complessivamente hanno conquistato, a livello senior e giovanile, la stratosferica cifra di cinquantanove medaglie! C’è il gran ritorno di Blanka Vlašic, oltre 100 volte sopra i 2 metri in carriera, c’è l’azzurra vicecampionessa europea indoor Alessia Trost a un nuovo confronto con la russa Mariya Kuchina (1,95 all’esordio la scorsa settimana), oro a Praga 2015 solo grazie allo spareggio con l’azzurra, c’è la campionessa del mondo Shkolina e quella olimpica Anna Chicherova, la campionessa d’Europa di Zurigo Ruth Beitia e la campionessa mondiale indoor Licwinko. Più di così, sinceramente, non è possibile desiderare. Il primo due metri della stagione all’aperto è chiamato in pedana. Limite mondiale stagionale da battere: l’1,97 della Licwinko.
Italiani in gara: Alessia Trost (Fiamme Gialle)

200 metri donne (ore 20:13)
Record del Golden Gala: 22.19 Marion Jones USA 1999 – Record italiano All-Comers: 21.74 Silke Gladisch-Möller GDR 1987
Credereste che Shelly-Ann Fraser-Pryce, la due volte olimpionica e due volte iridata dei 100 metri, unica al mondo a poter vantare un simile poker, non ha mai vinto al Golden Gala? Ebbene è così, ma il 4 giugno la giamaicana proverà a invertire la tendenza sulla doppia distanza, mai affrontata all’Olimpico. Tra le avversarie, oltre alle connazionali Stewart e Simpson, la campionessa USA in carica Jeneba Tarmoh e la britannica Bianca Williams.
Italiani in gara: Gloria Hooper (Forestale)

Triplo uomini (ore 20:20)
Record del Golden Gala: 17,60 Jonathan Edwards GBR 1998 –  Record italiano All-Comers: 17,92 Khristo Markov BUL 1987
Il display della pedana del triplo aspetta di illuminare la misura del sensazionale cubano Pedro Pablo Pichardo. Con il freschissimo 18,08, e ancora prima col 18,06 di Doha e il 17,94 in apertura di stagione, l’argento di Mosca 2013 ha dimostrato di avere a portata di caviglie uno dei record più straordinari dell’atletica, il 18,29 di Jonathan Edwards. In prospettiva minore, è in serio pericolo il record del Golden Gala e quello sul suolo italiano, risalente ai mondiali del 1987. A rendere la vita difficile al caraibico arriva il campione mondiale indoor Lyukman Adams, l’ex-campione olimpico e mondiale e campione d’Europa indoor in carica Nelson Evora, la medaglia d’oro di Zurigo 2014 Benjamin Compaoré, il bronzo europeo Aleksey Fyodorov (17,42 pochi giorni fa) e altri due formidabili interpreti della scuola di Cuba, Ernesto Revé e Alexis Copello.
Italiani in gara: Daniele Cavazzani (Atl. Studentesca CaRiRi)

800 metri uomini (ore 20:23)
Record del Golden Gala: 1:42.79 Wilson Kipketer DEN 1999 – Record italiano All-Comers: 1:41.01 David Rudisha KEN Rieti 2010
Basta il nome di Nijel Amos a evocare la straordinaria finale olimpica di Londra, dove fu d’argento a tempo di record mondiale juniores dietro la divinità Rudisha che infranse il primato del mondo nella gara delle gare. Il record sul suolo italiano sembra inavvicinabile, ma quello del Golden Gala è alla portata di un campo partenti d’eccezione, che comprende il campione mondiale in carica Mohammed Aman, il terribile duo polacco Kszczot e Lewandowski, il bronzo olimpico Timothy Kitum, gli altri kenyani Kinyor e Rotich e il francese Bosse. Per l’azzurro, il campione italiano Giordano Benedetti, che proprio all’Olimpico due anni fa stabilì il personale in 1:44.67.
Italiani in gara: Giordano Benedetti (Fiamme Gialle)

100 metri ostacoli donne (ore 20:38)
Record del Golden Gala: 12.39 Vera Komisova RUS 1980 – Record italiano All-Comers: 12.34 Ginka Zagorcheva BUL Roma 1987
Che contenuti! Scorrendo la lista delle partenti, una finale olimpica non potrebbe offrire di meglio. La nouvelle-vague USA, capitanata dalla furia Brianna Rollins (oro a Mosca) e dalle novità Jasmin Stowers e Sharika Nelvis, contro le due campionesse d’Europa in carica, all’aperto e indoor, Tiffany Porter e Alina Talay, e ancora la campionessa olimpica di Pechino Dawn Harper e l’altra ostacolista USA Queen Harrison. Finita? Macché: il pezzo da novanta delle medaglie arriva dall’Australia, è Sally Pearson, oro a Londra 2012 e a Daegu 2011, argento a Mosca due anni fa. Torna all’Olimpico dopo sei anni, e vuole riprendersi lo scettro della regina della specialità. Nel borsino del momento, la Stowers vola, forte delle prime tre gare della stagione a velocità supersonica: 12.40, 12.39 e 12,35!

5000 metri uomini (ore 20:48)
Record del Golden Gala e Record italiano All-Comers: 12:46.53 Eliud Kipchoge KEN 2004
Nell’ultimo 5000 metri del Golden Gala, due anni fa, è stata confermata la meravigliosa tradizione del Golden Gala, la discesa di più atleti sotto i 13 minuti. Toccò agli etiopi Yenew Alamirew (12:54.95) e Hagos Gebrhiwet (12:55.73) e al kenyano Isiah Koech (12:58.85), presenti anche quest’anno per rinforzare quella statistica che rende la pista dell’Olimpico così speciale per i mezzofondisti. Buona parte del meglio del mondo sfiderà il terzetto, a partire dal campione mondiale allievi e juniores dei 1500 metri Yomif Kejelcha (non ancora 18enne, primo sui 5000 a Eugene col record mondiale stagionale), all’altro oro mondiale junior Muktar Edris, e a personaggi di spicco della distanza quali Merga, Tanui, Gebremeskel, Longosiwa e Lalang. Torna in Italia dopo il successo europeo juniores di Rieti nel 2013 il turco di origini kenyane Ali Kaya, primatista continentale under 23 sui 10000 metri.

400 metri donne (ore 21:08)
Record del Golden Gala: 49.17 Marita Koch GDR 1986 – Record italiano All-Comers: 48.60 Marita Koch GDR Torino 1979
Una delle gare di più alto livello del programma del Golden Gala Pietro Mennea 2015. La campionessa europea e primatista italiana Libania Grenot e l’argento di Zurigo Olga Zemlyak, ovvero il meglio in circolazione in Europa, all’assalto della statunitense Francena McCorory, iridata indoor, e della giamaicana Novlene Williams-Mills, salita sette volte sul podio olimpico e mondiale con la 4×400. Una gara di lettura imprevedibile, dove tutto può succedere all’ingresso nel rettilineo. La Grenot ha già battuto, almeno una volta, tutte le avversarie presenti all’Olimpico, tranne la giamaicana McPherson.
Italiani in gara: Libania Grenot (Fiamme Gialle)

1500 metri donne (ore 21:18)
Record del Golden Gala: 3:56.54 Abeba Aregawi ETH 2012 – Record italiano All-Comers: 3:56.18 Maryam Yusuf Jamal BRN Rieti 2006
Arriva a Roma l’olandese Sifan Hassan, campionessa europea a Zurigo 2014 e oro anche a Praga 2015 ai Campioneti Europei indoor. Nelle prime due uscite stagionali all’aperto è stata battuta in Diamond League a Doha dall’etiope junior Dawit Seyaum, oro mondiale l’anno scorso a Eugene e a Eugene dall’irriducibile americana Jennifer Simpson, oro a Daegu e argento a Mosca, capace di vincere l’anno scorso in Diamond League la classifica di specialità all’ultimo secondo disponibile. All’Olimpico, per la sua “prima” sul suolo italiano, la Hassan ritroverà entrambe le avversarie. In gara anche le altre etiopi connazionali Embaye e Tsegay. Per il Vecchio Continente, la fortissima scozzese Laura Muir, l’ucraina Mishchenko (tre vittorie in quattro gare quest’anno) e l’albanese Gega, capace come poche di “leggere” le gare e di piazzare finali micidiali.

100 metri A uomini (ore 21:28)
Record del Golden Gala: 9.76 Usain Bolt JAM 2012 – Record italiano All-Comers: 9.74 Asafa Powell JAM Rieti 2007
Justin Gatlin torna a Roma con la fiera intenzione di cogliere il terzo successo consecutivo. Vinse anche nel 2003 (la serie “B”) e nel 2005, ma il successo più probante è sicuramente quello del 2013, quando riuscì nell’impresa di battere Usain Bolt. Lo statunitense è reduce dall’eccezionale 9.74 di Doha, in apertura di Diamond League, e dal 19.68 sui 200 a Eugene. Il cast comprende anche il campione europeo indoor Jimmy Vicaut (10.02 la scorsa settimana), l’ex-campione del mondo di Parigi 2003 Kim Collins (9.99 a Eugene) e il primatista mondiale della staffetta 4×100 Nesta Carter. Occhio all’altro sprinter USA Rodgers, altro grande partente, accreditato di 9.90 a Eugene.

3000 siepi donne (ore 21:38)
Record del Golden Gala e Record italiano All-Comers: 9:11.58 Gulnara Galkina RUS 2009.
La seconda gara di livello mondiale della stagione dopo la partenza della specialità a Doha. Si profila un duello serrato tra kenyane ed etiopi, con in prima fila la rivelazione kenyana Virginia Nyambura, supportata dalle connazionali Kiyeng,  Chepkurui e Jepkemei, contro le etiopi Assefa, Ayalew, Adamu e Fente. Outsider di lusso, la marocchina El Ouali. Il record del Golden Gala, che coincide con quello sul suolo italiano, rischia la caduta per mano di una delle africane.

110 metri ostacoli uomini (ore 22:03)
Record del Golden Gala: 13.01 Allen Johnson USA 1999 – Record italiano All-Comers: 12.97 Roger Kingdom USA Sestriere 1988 e Colin Jackson GBR Sestriere 1993
Il campo dei partenti garantisce qualità per la presenza del campione d’Europa in carica Sergey Shubenkove dell’ex-recordman mondiale junior Wayne Davis e dello statunitense Jeff Porter (13.06 di personale), marito della ostacolista britannica campionessa d’Europa Tiffany, ma sono anche il cubano O’Farrill e il giamaicano Riley a destare interesse. Per la Francia, che domina la scena continentale, ecco Garfield Darien e Dimitri Bascou. Per l’Italia c’è Hassane Fofana, campione italiano outdoor e indoor.
Italiani in gara: Hassane Fofana (Fiamme Oro)

200 metri uomini (ore 22:10)
Record del Golden Gala: 19.86 Walter Dix USA 2010 – Record italiano All-Comers: 19.82 Carl Lewis USA Sestriere 1988
Basta il nome di Christophe Lemaître a evocare il meraviglioso europeo di Barcellona 2010 (tre medaglie d’oro) e la dote immortale che il francese porta con sé: essere stato il primo sprinter bianco a scendere sotto i 10 secondi. L’anno scorso perse dal panamense Edward. Non ha mai vinto una gara individuale al Golden Gala. La gioia gli toccò solo con la 4×100 nazionale di Francia, nell’anno di grazia 2010. Detiene la seconda prestazione europea di sempre sui 200 (19.80). Lo precede soltanto l’uomo cui è dedicato, per sempre, il Golden Gala: Pietro Mennea. C’è interesse per la presenza del primatista kenyano Carvin Nkanata, dello statunitense Curtis Mitchell, bronzo a Mosca, e del canadese Aaron Brown. In casa italia, Diego Marani, quinto agli Europei di Zurigo e campione italiano in carica.
Italiani in gara: Eseosa Desalu (Fiamme Gialle), Diego Marani (Fiamme Gialle)

400 metri ostacoli donne (ore 22:20)
Record del Golden Gala e Record italiano All-Comers: 52.82 Lashinda Demus USA 2010
L’Olimpico ritroverà la primatista sul suolo italiano, e detentrice del record del Golden Gala, Lashinda Demus. La statunitense ha conquistato il podio nelle ultime tre manifestazioni globali: oro a Daegu, argento a Londra, bronzo a Mosca. A Roma affronterà le prime due classificate degli Europei di Zurigo Eilidh Child (oro) e Hanna Titimets (argento), la finalista olimpica Moline e la primatista italiana Yadisleidy Pedroso, al debutto stagionale sulla distanza su cui ha conquistato il titolo italiano negli ultimi due anni. Occhio speciale per la giamaicana Janeive Russell, campionessa del mondo junior nel 2012, prossima alla definitiva esplosione.
Italiani in gara: Yadisleidy Pedroso (Aeronautica)

ROMA CORRE AL GOLDEN GALA CON RUNFEST Il Golden Gala Pietro Mennea quest’anno comincia di corsa. L’appuntamento con il meeting internazionale di atletica è per giovedì 4 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, ma già da martedì 2 nel vicino Stadio dei Marmi scatterà la RunFest. Sarà una vera e propria festa dell’atletica e della Runcard con un fitto programma di iniziative focalizzate sull’universo del running e declinate anche attraverso il Trail, il Nordic Walking e il Fit Walking.  Spazio all’approfondimento con interessanti seminari dedicati all’alimentazione, ai corretti stili di vita e all’impiantistica. Una tre giorni per tutti e per tutte le età con la possibilità – tra corse, salti e lanci – di sperimentare in prima persona alcune specialità dell’atletica. Non mancheranno simpatici momenti di intrattenimento pensati anche per i più piccoli, oltre alla possibilità di poter assistere da una prospettiva assolutamente privilegiata agli allenamenti dei big del Golden Gala. E poi i runners potranno mettersi alla prova con l’Alba Race e il Giro dei Ponti in notturna (3 giugno) preceduti da uno speciale Trail ambientato su Monte Mario (2 giugno). Per chi possiede già la Runcard sono previsti sconti speciali per i biglietti del Golden Gala. Per usufruire dei prezzi speciali occorre presentare la Runcard al botteghino il giorno dell’evento sino ad esaurimento dei biglietti in promozione. Il programma dettagliato della tre giorni è consultabile al seguente LINK: PROGRAMMA E ORARI

BIGLIETTI – Continua la corsa ai biglietti per il Golden Gala Pietro Mennea – in programma il prossimo 4 giugno allo Stadio Olimpico di Roma – che possono essere acquistati nei punti vendita di TicketOne, Ticketing partner del meeting della Capitale, e sul sito della compagnia, all’indirizzo www.ticketone.it (nella sezione sport, o cercando Golden Gala nel motore di ricerca interno al sito). Questi i prezzi dell’edizione 2015 (al netto dei diritti di prevendita): Monte Mario Arrivi: 30,00 Euro; Monte Mario Partenze: 20,00; Tribuna Tevere, Distinti Arrivi: 15,00; Curve e Distinti (esclusi i Distinti Arrivi): 5,00. In più, è attiva anche la biglietteria del Foro Italico, a Roma (viale delle Olimpiadi 61, ex Ostello: apertura dal lunedì al venerdì, 10:00-13:00, 14:00-17:00).

PER LE FAMIGLIE – Ingresso gratuito al Golden Gala per i ragazzi fino ai 14 anni accompagnati da un genitore pagante. Il giorno del meeting per i bambini dai 2 agli 8 anni sarà a disposizione il servizio kindergarten nel settore Monte Mario Partenze.

Ufficio Stampa FIDAL.
Federazione Italiana di Atletica Leggera

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>