TuttoCampania — 26 aprile 2009

Condizioni climatiche non ideali (giornata afosa) ma luogo fatato, organizzazione perfetta, panorama di quelli romantici e capaci di trasmettere emozioni. Gran bella gara quelle del Team Stufe di Nerone. Una gara che ha meritato il record assoluto di partecipanti. Una gara che merita un Campionato Italiano Fidal della specialità. Un merito che spero si concretizzi in fatti nell’immediato futuro.


Gianluca Ricci doveva essere. Gianluca Ricci è stato. Nonostante il record dell’ora di corsa intorno al lago d’Averno appartenesse al Campione Italiano in carica di mezza maratona (Federico Simionato, atleta dell’Aeronautica) la recente, stratosferica prestazione dell’atleta del Montemiletto Team Runners (ottenuta alla mezza maratona di Agropoli) lasciava poco spazio al dubbio. Dubbio praticamente sciolto già nel primo giro del tracciato, tale è stata la convinzione e tale è stato il ritmo iniziale tenuto da Gianluca. Praticamente la domanda che ci si poneva non è mai stata: ‘ce la farà?’ ma di quanto lo migliorerà? Infatti, un ritmo immediatamente sui 3’03’/3’04’ lasciava poco spazio al vecchio record (media 3’12’). Solo la giusta intepretazione di come si stabilisce un record metrico con bonus ha fatto rallentare nel finale il vincitore. Un rallentamento che non ha però evitato di fargli comunque abbattere il muro dei 19 km: da questa 5° edizione infatti il record da battere sarà di 19km071 metri, di uno strepitoso Gianluca Ricci, naturalmente!


Alle spalle di Gianluca, una gara tosta tra tre contendenti: Pasquale di Paola (Lions Club Grottaminarda), Vincenzo di Meo (Alba Bacoli) e Gennaro Ciambriello (Atl. Qualiano). Alla fine, quando si era a quasi metà gara, il portacolori del Team Beneventano ha lasciato la compagnia e si è involato verso un’ottima prestazione finale:  16,725 km, per un prestigioso 2° posto. Terzo, al doppio sparo che annunciava il raggiungimento dell’ora, un sorprendente Vincenzo di Meo. Alla sua seconda gara in assoluto, dopo la mezza di Napoli chiusa in 1h15′, una distanza percorsa di 16,333! Sentiremo molto parlare di questo nuovo protagonista delle nostre domeniche, e non solo!


Quinto al traguardo un fortissimo cinquantenne: Mimmo Paolella, delle Stufe di Nerone (per lui 16.128 metri).


La gara donne è stata decisamente più avvincente ai fini dell’assegnazione della vittoria finale, e anche in questo caso c’è stato il nuovo record (precedente di Sonia Marongiu). Annamaria Caso, Napoli Nord Marathon, ha dimostrato di metabolizzare e smaltire i chilometri (quelli della Maratona di Napoli di sette giorni prima) nel migliore dei modi. Ha seguito a poca distanza Maria Pericotti (presente in gara nonostante sapesse di non poter essere affatto al meglio) raggiungendola verso metà gara, per poi involarsi verso la prestazione che dalla prossima edizione rappresenterà il record da battere: 14,543 km!


Ottima terza Mena Febbraio, del team organizzatore. Mena ha mantenuto fede alle attese che la vedono sempre protagonista, riuscendo a salire sul gradino sinistro del podio, con 14.178 metri.


Quarta e quinta posizione (rispettivamente con 13.808 e 13.709 metri), Ania Paniak (Antares Stabia) e Marilisa Carrano (Montemiletto Team Runners).


L’edizione del Giralagodaverno non solo ha confermato quanto di bello visto nei precedenti anni, ma ha saputo persino migliorarsi. Ricci, Caso e i tanti che hanno gareggiato e vissuto l’evento hanno vissuto qualcosa di bello: 300 fortunati.



Sul sito
http://www.tds-live.com/ Ã¨ possibile scaricare il diploma personalizzato della Manifestazione.



Nelle foto (di Alessandro Ponticelli): Gianluca Ricci e Annamaria Caso in Azione

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>