Cronaca HOME PAGE — 31 agosto 2012

Con la partenza, da Courmayeur (ITA), della quarta edizione della TDS – Traces des Ducs de Savoie. Sotto un cielo minaccioso, 1.476 concorrenti (tra cui 125 donne) hanno dato il via a questa prova inaugurale. La calma è durata poco, dal momento che piogge a carattere temporalesco hanno fatto capolino un’ora dopo la partenza. Il programma prevede 114 km e 7.150 metri di dislivello, un tracciato che unisce la Valle d’Aosta a Chamonix, passando per Bourg Saint-Maurice e la Savoia. Due km sono stati aggiunti al programma iniziale. I concorrenti hanno effettuato infatti la salita al Colle del Piccolo San Bernardo passando sulla riva sinistra del fiume, per evitare il più possibile la strada asfaltata e godere maggiormente dei paesaggi selvaggi e autentici.

Molto rapidamente i favoriti si sono ritrovati in testa alla corsa. Verso le 13:00, Dawa Sherpa, primo vincitore dell’UTMB nel 2003, al Fort de la Platte, staccava con otto minuti di vantaggio Thomas Saint Girons, secondo nel TDS del 2009, con 11 minuti il duo Antoine Guillon-Lionel Trivel, e con 21 minuti lo svizzero Ryan Baumann. Numeroso il gruppo di testa, con scarti minimi tra i primi dieci, che annunciano un finale appassionante. Il vincitore sarà festeggiato questa sera sulla piazza del Triangle de l’Amitié a Chamonix-Mont-Blanc verso le 21:30.

Tra le donne, Juliette Blanchet (FRA) dominava verso le 13:00 a Bourg Saint Maurice, con un quarto d’ora di anticipo sull’italiana Alessandra Carlini e la francese Agnès Hervé.

Quanto al grosso del gruppo, dovrà affrontare la corsa in notturna. Oggi alle 10:00 Courmayeur ha vestito nuovamente l’abito da festa per accogliere la partenza della CCC. 1.800 corridori al via per questa corsa di 100 km (5.950 metri di dislivello).

Poi sarà il turno della regina delle gare, l’UTMB® la cui partenza è prevista alle ore 18:30 a Chamonix-Mont-Blanc (168 km e 9.600 metri di dislivello).

Per quanto riguarda la Petite Trotte à Léon – PTL (284 km e 21.500 metri di dislivello), le 67 squadre impegnate hanno iniziato la loro odissea lunedì scorso. Questa gara a squadre, senza classifica né cronometro, si svolge in totale autonomia secondo un itinerario che si snoda attorno al Monte Bianco, lungo un tracciato non contrassegnato. La squadra più veloce in questo giro di 284 km è quasi arrivata a Morgex (Italia). Finora 12 squadre si sono già arrese sulla Petite Trotte à Léon.

L’organizzazione ha insistito nell’informare corridori, volontari e responsabili delle postazioni delle difficili condizioni meteo, che porteranno ad un progressivo un calo delle temperature tra giovedì e sabato, con presenza di banchi di nebbia, pioggia, nevischio e neve a partire dai 2.000 metri di quota. Condizioni meteo veramente alpine. Il comitato organizzativo ha insistito sul fatto che l’equipaggiamento obbligatorio sarebbe essenziale con queste condizioni particolari. Di conseguenza, dunque, è fortemente raccomandato averlo con sé, che si tratti della giacca impermeabile, di cuffie, guanti e altri indumenti. Il weekend di corsa Ultra-Trail du Mont-Blanc è partito! Per la gioia dei 6.000 partecipanti provenienti da 73 nazioni, delle migliaia di spettatori presenti sul posto attorno al Monte Bianco e -non ultimi- degli spettatori della webTv!

Cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>