Medicina — 09 agosto 2005

Se oggi parli in una palestra di bolasterone, boldenone, mesterolone, metenolone, metiltestosterone, androlone, stanazolo,testosterone e via dicendo, molti probabilmente potresti correre il rischio di essere ben inteso ed in qualche caso di trovare gente che ne sa , sull’argomento, molto più di te. I muri della farmacologia sono qui abbattuti ed almeno per quanto riguarda gli steroidi anabolizzanti, la materia è ormai più che nota.


Il Testosterone , capostipite degli steroidi anabolizzanti, è l’ormone sessuale maschile, viene prodotto dal testicolo, presiede allo sviluppo fisico caratteristico del periodo della pubertà e caratterizza tutta la sequela della differenziazione dei caratteri sessuali secondari.. Il suo utilizzo in medicina è fondamentalmente quello di agire nei confronti delle neoplasie mammarie, nell’osteoporosi senile, in gravi forme di anemia nei forti stato di deperimento organico.


Gli effetti farmacologici sono fondamentalmente collegati a :


1) sviluppo dei caratteri sessuali secondari : il testosterone agisce sullo sviluppo della muscolatura scheletrica, caratterizzando la muscolatura maschile, che proprio grazie a questo ormone riesce a differenziarsi da quella femminile. Azione fondamentale anche su testicoli e pene, che grazie a questo ormone aumentano di dimensioni. Cambia il timbro della voce, compare la barba e si sviluppa il sistema pilifero con la particolare disposizione a carattere mascolinizzante.


2) effetto anabolico : vi è attivazione del metabolismo cellulare e una crescita più che velocizzata dei tessuti .


Gli Steroidi Anabolizzanti, sono sostante molto simili al testosterone. Il loro uso , calato alla fine degli anni ’90, si è riattivato negli ultimi tre anni, con un incremento a carattere esponenziale, tanto da preoccupare e non poco. In medicina il loro uso è limitato a pazienti fortemente debilitati fisicamente, in genere portatori di gravi forme tumorali. Hanno effetto di costruzione e di rafforzamento del tessuto muscolare.
Molti gli effetti collaterali, con i quali bisogna sempre fare i conti sia per somministrazioni terapeutiche, che per uso ‘improprio’ :


a) nelle donne – si abbassa il timbro ed il tono della voce, vi è accresciuta peluria al viso e una distribuzione mascolina del pelo. Accertati tutta una serie di disturbi al ciclo mestruale (dismenorrea), sino alla completa abolizione delle mestruazioni (amenorrea). Segnalate anche alterazioni dell’utero e della vagina, per una alterazione delle specifiche mucose, che tendono ad una tipica secchezza da farmaco.


b) negli uomini – spesso si verifica riduzione della produzione di sperma (azospermia)


c) uomini al di sotto dei 18 anni – l’azione degli steroidi anabolizzanti è ben concentrata nella interruzione prematura della crescita, dovuta alla chiusura delle zone di accrescimento.


d) altri effetti collaterali – l’elenco è lungo e comprende acne e seborrea, ipertrofia prostatica (accertati casi di tumore della prostata), disfunzioni epatiche , amento dell’aggressività, aumento di peso per ritenzione di acqua nei tessuti (edema secondario), aumento dei tassi di acidi grassi nel sangue circolante.


I Corticosteroidi sono essenzialmente farmaci che in medicina utilizziamo come antinfiammatori ed antiallergici , sia per via sistemica (in muscolo ed in vena) che per applicazione topica. I cortisonici maggiormente conosciuti sono cortisone, prenisone, prednisolone, triamcinolone, desametasone, betametasone. Alcuni casi di doping riscontrati proprio nella nostra regione, hanno evidenziato proprio l’uso di questi farmaci, confermandone il largo uso a livelli medio-alti.
L’utilizzazione comporta gravi rischi tra cui la forte immuno-depressione che espone a contrarre malattie infettive, la formazione di edemi ritentivi, la sindrone di Cushing, l’irsutismo, l’osteoporosi, l’atrofia cutanea, le eruzioni cutanee rosaeliformi e aracnoiformi, le smagliature cutanee e l’inibizione della crescita nei giovanissimi, sempre per le problematiche correlate alla chiusura dei nuclei di ossificazione.
In chiave doping i loro effetti sono similari e sovrapponibili a tutto quanto detto per testosterone ed ormoni steroidei.

Autore: Vittorio Savino

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>