TuttoCampania — 12 maggio 2013

Cicciano“Gara bellissima, organizzata alla perfezione e con un pubblico eccezionale, caloroso, numerosissimo, lungo tutta la strada, a migliaia nel centro cittadino”. Per aprire l’articolo “Rubo” e utilizzo le affermazioni al microfono fatte da alcuni atleti, da poco giunti al traguardo, e c’è stato anche chi è venuto apposta da me, mentre commentavo gli arrivi, per affermarlo a gran voce, nonostante il fiatone e il sudore dell’impegno agonistico appena concluso. La scelta quasi obbigata di programmare la gara di sabato sera (con tutta la fatica amplificata per gli organizzatori) alla fine però ha ripagato con qualcosa di bello, persino superiore alle migliori aspettative giustamente riposte (visto lo scorso anno) nella gara di Cicciano. La differenza l’ha fatta proprio Cicciano, con la sua voglia di Sport e la sua grande accoglienza. Alla base di tutto il grandissimo impegno del Presidente Giuseppe D’Auria e di Luigi Montanino: capaci di coordinare al meglio, e meticolosamente, tutti i loro collaboratori del team (Cicciano Marathon), le tante forze in campo, e di puntualizzare ogni fase della serata agonistica.

Gara

Percorso velocissimo, condizioni climatiche quasi perfette per meglio esprimersi nella corsa, l’adrenalina degli applausi e degli incitamenti: ecco spiegato gli ottimi risultati ottenuti da gran parte degli atleti in gara.

Bello e ampio il viale partenza/arrivo, con il primo passaggio ai 2.300 metri dal via, per poi proiettarsi verso il centro di Cicciano. Le notizie in diretta telefonica ad opera di Luigi d’Aniello mi hanno permesso, e con me tutti quelli che erano in zona arrivo, di vivere passo passo l’avvicinamento al traguardo dei leader della competizione. In tre sin dal via a confrontarsi: Abderrafii Roqti (Finanza Sport Campania), Hamid Kadiri (Fiamme Argento) e Gennaro Varrella (International Secuity Service). A poco meno di metà gara il duo Marocchino però ha dato al ritmo un’impronta cronometrica decisamente più “allegra”, tanto da portarsi all’arrivo in meno di 32’ (per la precisione 31’55”), con vittoria andata ad Hamid kadiri, a pochi centesimi Roqti. Il gran rientro nel finale ad opera di uno splendido Giuseppe Angelillo (Peppe, del team Nikaios, ha corso praticamente in casa) ha messo in discussione il terzo gradino del podio, che comunque è andato a Gennaro Varrella, capace di reagire nel rettilineo finale (32’55” per lui). Quinto al traguardo Essaid Eddaouidi, Podistica Vesuviana.

La gara femminile si è praticamente definita, al fine della vittoria, al settimo km. E’ stato proprio al settimo km che Jean D’Argenio (Run For Life), forte di una condotta gara razionale (e dell’ottimo stato di forma), ha raggiunto Ausilia Balletta (Atleta di casa, Cicciano Marathon) e si è involata verso il traguardo (giunto in 41’46”). Terza, bella prova per lei, Rosa Ippolito (I Pini di Crispano). Gran belle prove delle due ragazze arrivate ai piedi del podio, entrambe nuovi nomi dell’atletica femminile campana: Simona Magliocco (Cicciano Marathon) e Enza Toraldo (Atl. Caivano).

Peccato che, ad appesantire la premiazione finale, siano state le lungaggini della procedura Antidoping, riservata ai primi 4 arrivati (m/f). In attesa però ci siamo un po’ tutti gustati l’ottimo pasta party, e non solo…!

Sì, è stata una grande gara quella di Cicciano. So la fatica che gli organizzatori hanno sostenuto, ma so anche che il risultato finale è stato eccezionale: vera e fortissima motivazione per proiettarsi verso la terza edizione della “Maratonina di Cicciano”.

Marco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>