Cronaca — 30 luglio 2006

La tanta attesa pioggia alla fine e’ arrivata, anche se solo nella penultima giornata di gare dei Campionati Europei Master di Poznan di atletica leggera. Peccato che la frescura non ha giovato ai mezzofondisti di lunga lena, visto che per la giornata odierna erano in programma solo le finali degli 200 metri e degli 800 metri.
Come era presumibile, grande messe di medaglie per i nostri colori azzurri, con la velocita’ breve a farla da padrone. Si e’ iniziata la giornata agonistica con le finali degli 800 m ‘over 70′ e subito e’ arrivata la medaglia d’oro della nostra Emma Maria Mazzenga tra le W70, con una gara ben gestita alle spalle della norvegese Ase Nyland sino ai 600 metri, per poi sferrare l’attacco vincente e chiudere col nuovo record italiano di 3’21’35. Per la nostra velocista’ si aprono nuovi scenari futuri su questa distanza, complimenti Emma. Solo nono il nostro Alberto Dafarra tra gli M65 col crono di 2’49’12.
Tocca a Waltraud Egger aprire la lunga sequela di quarti posti negli 800 metri per la nostra nazionale, infatti, nonostante uno splendido finale di gara tra le W55 (2’40’03 per lei), non gli riesce di riacciuffare la medaglia di bronzo andata per soli 69 centesimi di vantaggio alla belga Carol Ann Wright. C’e’ da dire che la nostra Waltraud non si e’ presentata in condizioni ottimali a questi Europei, per i postumi di un infortunio. Solo decima tra le W50 Gabriella Bandelli, col tempo di 2’55’14.
L’ennesimo quarto posto e relativa ‘medaglia di legno’ per la nostra grintosa Elisa Zuccari (2’25’54 per lei), alla quale faceva compagnia tra le W45 la poliedrica Rosanna Rosati arrivata settima con il tempo di 2’30’82.
Entrambi perse sul filo di lana le medaglie di bronzo dai nostri mezzofondisti Alessandro Manfredi (M45, 2’04’66 e a 2 centesimi dal terzo posto!) e Fabio Biferali (M40, 2’01’10 per lui). Complimenti lo stesso ad entrambi per la tenacia dimostrata in gara. Per la serie ‘mai disperare’ arriva la medaglia di bronzo nell’ultima gara sugli 800 metri riservata agli M35, a conquistarla e’ stato il nostro Emilio De Bonis (nella foto in alto) con una gara quanto mai combattuta. Mentre il favorito inglese Edward Williams (1’57’30) pensava a chiudere il varco al nostro Emilio, veniva infilato a destra dal polacco Robert Szych (1’57’22). Il nostro De Bonis chiude festante in terza posizione col l’ottimo crono di 1’57’57.
Nel pomeriggio e’ stato il turno delle finali dei 200 metri, con parecchi italiani a lottare per le medaglie (tutti insieme nella foto in basso). Subito arriva l’oro del nostro ‘nonnino volante’ Bruno Sobrero, che chiude in scioltezza la sua prova in 36’86 e vince tra gli M85. Complimenti Bruno, un gran signore oltre che un grande atleta. Il nostro Bruno viene subito emulato dal romano ‘de Roma’ Sergio Palma, che vince tra gli M80 con uno splendido finale di gara, rush questo che gli permette di superare a pochi metri dall’arrivo il Tedesco Helmut Klafki (34’37 per lui) e chiudere in 34’22. Grande Sergioooo!
Subito dopo tocca a Emma Maria Mazzenga (37’92) centrare il bronzo tra le W70 e a bissare la medaglia (d’oro) vinta poche ore prima negli 800 metri.
Nonostante che si fosse qualificato con l’ultimo tempo per la finale perche’ infortunato, il fortissimo tedesco Guido Muller (26’37) riesce a battere il nostro Tristano Tamaro (27’01) e a vincere il suo quinto oro tra gli M65. Bravi ad entrambi. Nella stessa finale il nostro Roberto Vaghi arriva quinto con 28’57.
Era il favorito, in quanto qualificato col miglior tempo nelle semifinali, l’italiano Vincenzo Felicetti tra gli M55, ma la gara ha portato alla ribalta lo slovacco Vadimir Vybostok, che vince in 25’03 e davanti di soli 17 centesimi di secondo al nostro Vincenzo. Solo settimo l’altro italiano in gara Antonio Montaruli (27’10).
Gran bella finale quella vista tra le W40 con la favorita francese Violetta Lapierre che vince tranquillamente in 25’15, segiuta in seconda e terza posizione dalle nostre Giuseppina Perlino (27’20) e Rosa Marchi (27’32). Grandi emozioni quelle date dale nostre fortissimo ragazze, alle quali seguono subito dopo quelle offerte da Enrico Saraceni. La gara del nostro ‘gioiello’ Enrico si e’ rivelata una vera e propria passarella, corsa nello splendido crono di 21’74, che gli ha permesso di relegare l’avversario di sempre Anthony Noel (Inghilterra) a 53 centesimi di secondo di distacco. Un piccolo appunto che ci gratifica come italiani, quando gareggia il nostro Enrico Saraceni lo stadio intero entra in fermento e applauded al primo all’ultimo metro del nostro ‘big’.
L’ultima medaglia sui 200 metri ci arriva, in maniera anche inattesa e rocambolesca, nelle W35 da parte di Marta Roccamo che con un incredibile finale di gara chude in terza posizione con 27’29. Arrivano rispettivamente sesta e ottava tra le W50 le nostre Cristina De Grandis (30’08) e Anna Micheletti (31’69).
Passando nella pedana del salto con l’asta, grande rientro alle gare del nostro Gianfranco Beda (nella foto qui di lato) che vince tra gli M35 con l’ottima misura di 4,60 metri. Emozionante la sfida di Gianfranco con l’olandese Hans Pompen, fermatosi solo alla misura di 4,50 metri. Il bravo Beda, con un passato da ottimo assoluto, dimostra ancora una classe cristallina ed una buona reattivita’. Solo ottavo il nostro Giuseppe Distefano nella gara di pentathlon lanci riservata alla categoria M65.
Il medagliere italiano alla penultima giornata di gare ci vede con 55 medaglie, cosi divise:  


ORO (18)




  • W60: Brunella Del Giudice (lancio del martellone);


  • W35: Santa Sapienza (lancio del martellone);


  • M80: Sergio Agnoli (10.000 m);


  • M35: Piero Bogazzi (10.000 m);


  • M85: Bruno Sobrero (100 m);


  • W40: Milena Megli (5 km di marcia);


  • M55: Vincenzo Felicetti (400 m);


  • M40: Enrico Saraceni (400 m);


  • M80: Sergio Agnoli (5.000 m);


  • W35: Waltraud Egger (5.000 m);


  • W40: Milena Megli (10 km di marcia);


  • W45: Carla Forcellini (salto con l’asta);


  • M85: Bruno Sobrero (80 m ad ostacoli);


  • W70: Emma Maria Mazzenga (800 m);


  • M85: Bruno Sobrero (200 m);


  • M80: Sergio Palma (200 m);


  • M40: Enrico Saraceni (200 m);


  • M35: Gianfranco Beda (salto con l’asta);

ARGENTO (20)




  • W35: Lorella Pagliacci (10.000 m);


  • M65: Tristano Tamaro (100 m);


  • M55: Antonio Rossi (100 m);


  • M45: Fernado Vincenzo Antonaci (100 m);


  • M40: Enrico Saraceni (100 m);


  • W40: Tiziana Piconese (salto in alto);


  • W35: Santa Sapienza (lancio del martello);


  • M80: Sergio Agnoli (1.500 m);


  • W50: Natali Marcenco (5 km di marcia);


  • M80: Sergio Palma (400 m);


  • W50: Natali Marcenco (10 km di marcia);


  • W60: Johanna De Petra Rigney (10 km di marcia);


  • M35-M40: Team Italia (G. Siragusa, B. Cartoni,
    C. Zanolli) (20 km di marcia);


  • M55-M50: Team Italia (R. Cervi, P. Tamburini,
    A. Naso) (20 km di marcia);


  • M80: Amelio Compri (Salto con l’asta);


  • M55: Crescenzio Marchetti (Salto triplo);


  • W35: Santa Sapienza (pentathlon lanci);


  • M65: Tristano Tamaro (200 m);


  • M55: Vincenzo Felicetti (200 m);


  • W40: Giuseppina Perlino (200 m);

BRONZO (17)




  • W70: Emma Maria Mazzenga (100 m);


  • M45: Salvino Tortu (100 m);


  • W50: Cristina De Grandis (100 m);


  • M85: Bruno Sobrero (salto in lungo);


  • W45: Rosanna Rosati (lancio del martello);


  • M40: Roberto Amerio (400 m ad ostacoli);


  • M50: Roberto Cervi (5 km di marcia);


  • W70: Emma Mazzenga (400 m);


  • W40: Rosa Marchi (400 m);


  • M35: Emilio De Bonis (400 m);


  • W35: Lorella Pagliacci (5.000 m);


  • M45: Lucio Buiatti (lancio del giavellotto);


  • W60: Brunella Del Giudice (pentathlon lanci);


  • M35: Emilio De Bonis (800 m).


  • W70: Emma Maria Mazzenga (200 m);


  • W40: Rosa Marchi (200 m);


  • W35: Marta Roccamo (200 m);

Autore: Nicola Severini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>