Cronaca slide — 01 gennaio 2015

BO CLASSICL’edizione del 40esimo per la BOclassic doveva essere di livello superiore e cosi è stata senza smentirsi assolutamente.Cornice di pubblico come sempre strepitosa dove oltre 15mila persone assiepate lungo il percorso hanno dato vita ad uno show di prestigio dove la centralissima Piazza Walther presentava il tutto esaurito in ogni ordine e luogo di posto.

Le due gare elite sono state per l’ennesimo anno all’insegna del monocolore africano,interrotto solamente al maschile dal terzo posto del neozelandese Zane Robertson vera sorpresa della giornata.

Tra i maschi una gara decisamente a strappi e condizionata da ritmi abbastanza lenti,si è velocizzata solamente negli ultimi giri con gli africani e la mina vagante kiwi a dettarla da padroni lungo le vie del centro storico di Bolzano.

Gli azzurri Lalli,LaRosa e il campione europeo Daniele Meucci hanno provato in prima persona ad alzare il ritmo della competizione nella prima parte di gara ma nulla hanno potuto nella seconda metà quando gli africani imperiosi hanno preso il comando dell’azione e hanno dato quel cambio di ritmo netto che ha deciso le sorti della gara: cambio di ritmo quello etiope, a cui solo Zane Robertson è riuscito a tenere testa.

Ultimo giro veramente spettacolare con il magico duo etiope a dare quel ulteriore cambio per staccare il neozelandese e presentarsi da soli per uno sprint finale veramente emozionante.

Bravo Edris Mukthar  a lanciare la volata scegliendo una corsia interna che gli permetteva di precedere il quotato compagno Imane Merga e vincere con due centesimi di secondo di distacco:per il secondo anno solo il fotofinish ha potuto dire a chi toccava il successo in Piazza Walther.Terzo posto con grande sorpresa per quel nome nuovo Zane Robertson,al suo debuttto italiano che raccoglie lo spirito locale e si esalta ascoltando il tifo del nostro pubblico che lo sostiene giro dopo giro.

Edris Mukthar commenta la propria prova mostrando la sua felicità:”Volevo fermamente questa vittoria nella BOclassic,ci avevo gia’ provato ma sentivo che questo era l’anno buono e cosi è stato.Ho corso molto attentamente tutta la prova per farmi trovare pronto l’ultimo giro:avevo visto la volata dello scorso anno e quindi la scelta della traiettoria finale è stata voluta.Adesso avanti con la preparazione per i cross.”

Un secondo posto con velo di amaro in bocca per Imane Merga;per il fortissimo etiope il sogno era il poker sul circuito bolzanino ma purtroppo i piani rovinati dal compagno Mukthar: “Lo sognavo il poker,un circuito e un pubblico cosi non possono che meritare sempre il meglio.Un bravo al mio compagno di allenamenti e amico che mi ha anticipato al meglio nella volata per prevalere al fotofinish solamente.Soddisfazione per me,sento tornare la condizione dei giorni migliori.”

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>