Cronaca slide — 26 giugno 2013

atletica sabaudiaIl caldo torrido e le luminarie lungo Corso Vitruvio a fare da cornice alla classica per eccellenza delle gare podistiche del sud pontino: la Gaeta-Formia. 8,7 i chilometri che dividevano la partenza da Serapo con l’arrivo a Largo Paone a Formia, gli stessi chilometri che uniscono due gioielli di cittadine, che tutto il mediterraneo ci invidia.

Tracciato di gara spettacolare caratterizzato dal passaggio sul lungomare fino all’ingresso nella città di Formia, gremita di turisti e curiosi che grazie al clima festante dovuto ai concomitanti festeggiamenti in onore di San Giovanni, hanno incitato non poco i runners provenienti da tutta la regione e dalla vicina Campania.

Numerose le società podistiche presenti con decine di atleti al seguito , tra tutte l’Atletica Sabaudia si è imposta sulle altre per il maggior numero di atleti partecipanti, primato che gli ha consentito di salire sul gradino più alto del podio riservato alle società.

Grande soddisfazione per il risultato ottenuto tra i podisti sabaudiani, definiti simpaticamente “i Blues” per via delle loro canotte color cielo. Ad impreziosire la giornata dei runners pontini,  anche alcuni piazzamenti individuali di tutto rispetto da parte di Giuseppe Brancato e Omar Ezzahraoui  rispettivamente terzo  e quinto assoluto su circa cinquecento partecipanti.

Antonio Cipullo, Presidente del sodalizio sabaudiano, si fa portavoce del gruppo:  “Grande gioia per l’ottimo risultato di squadra ottenuto, frutto di una gestione certosina da parte del direttivo e della crescita costante che la nostra associazione sta avendo negli anni, ma soprattutto frutto del grandissimo attaccamento alla maglia di ogni singolo atleta. Per la città di Sabaudia rappresentiamo un gruppo di assoluto valore dove le persone trovano prima dell’attività sportiva, tanto buon umore, simpatia e valori come l’amicizia e la lealtà, che nel tempo si sono dimostrati il vero legante per tutti noi. Siamo felici e onorati di portare in alto il nome della nostra città, che brilla anche grazie agli sport meno praticati come l’atletica.  Ma la felicità va anche per due nostri  ragazzi d’oro, Brancato e Ezzahraoui,  che oggi (domenica) hanno dimostrato tutto il loro valore”.  Anche i due “top runners” si sono lasciati a dichiarazioni immediatamente dopo il loro arrivo, Giuseppe Brancato: “Sto vivendo un periodo di forma straordinario che mi sta permettendo di gareggiare ad altissimi livelli, quando si arriva al traguardo tra i primi con i colori dei Blues è sempre una gioia incontenibile se non fosse altro per tutte le testimonianze di affetto che i miei colleghi mi danno giornalmente”. Omar Ezzahraoui, di nazionalità marocchina ma ormai adottato dalla comunità di Sabaudia manifesta la sua felicità: Sono molto felice di questo piazzamento, perché rientro alle  gare ufficiali dopo due anni di stop a causa di un infortunio, a tal proposito voglio ringraziare tutto il direttivo dei Blues che mi è stato sempre accanto in questo brutto periodo, e il mio datore di lavoro, che mi permette di allenarmi con assiduità, cercherò di seguire i consigli del mio amico Brancato per migliorarmi e chissà un giorno poter competere anche con lui”.

Con questi risultati l’Atletica Sabaudia si conferma società di riferimento nell’ambito del podismo amatoriale pontino ma anche regionale. La politica societaria permette una crescita graduale del gruppo, che vede valori come solidarietà, amicizia, lealtà e sportività come riferimento costante. Una realtà ispiratrice per altri sodalizi, da seguire con grande attenzione.

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>