Atletica News slide — 25 luglio 2015

110HS (FINALE) – Il terzo titolo assoluto consecutivo di Hassane Fofana si materializza in 13.59 (+1.8). Come in batteria l’ostacolista impatta contro qualche barriera, ma il 23enne delle Fiamme Oro è un incontenibile agonista che si fionda al traguardo sfiorando il personale (13.55 agli Europei di Zurigo 2014). Fofana incrementa anche sul 7 a 4 il bilancio degli scontri diretti con il bronzo euroU23 Lorenzo Perini (aeronautica), oggi secondo in 13.77, a 7 centesimi dal PB. Terzo in 14.01 il ventenne Simone Poccia (Studentesca CaRiRi).

DECATHLON (finale) – Il titolo che voleva, quello che gli mancava e per cui ha stretto i denti per ogni singolo passo dei 1500 metri finali (4:45.75/645). Simone Cairoli è il tricolore assoluto del decathlon, una vittoria che fa il paio con quella indoor ottenuta a fine gennaio a Padova. Per lui un score complessivo di 7482 punti (5 vittoria), il suo secondo miglior risultato di sempre a 129 punti dal personale (7611). Una bella soddisfazione per il 25enne che nella vita di tutti i giorni fa il commerciale in una ditta di servizi web. Gli fanno compagnia sul podio il corregionale Gianluca Simionato (NA Fanfulla Lodigiana) 7222 punti e l’under 23 Roberto Paoluzzi (Studentesca CaRiRi) 6661 punti che grazie all’affermazione nei 1500 (4:25.74/773) fa scivolare ai piedi del podio lo junior Valentino Arrigoni (Nuova Atl. Astro) 6613.

EPTATHLON (finale) – E sette! Federica Palumbo è la nuova campionessa italiana assoluta dell’eptathlon. La ventenne di Cerro Maggiore (Milano) corona una stagione che, tre settimane fa, l’ha vista esordire in Nazionale assoluta in Coppa Europa in Polonia. In quell’occasione la giovane portacolori dell’US sangiorgese si era piazzata undicesima (la migliore delle azzurre) con 5279 punti, un primato personale che nella due giorni di Torino ha incrementato a 5385 punti (+106). Un risultato frutto di quattro vittorie in 7 prova culminate con l’affermazione anche negli 800 metri finali (2:18.76/840 punti). Sul secondo gradino del podio un’altra lombarda Sara Elena Bianchi Bazzi (Lecco-Colombo Costruzioni) che con 4985 punti precede la ligure Eleonora Ferrero (CUS Genova) 4794 (PB).

GIAVELLOTTO (decathlon) – Ad una sola prova dalla fine i protagonisti al vertice restano i lombardi Simone Cairoli (6837) e Gianluca Simionato (6518) che nel giavellotto lanciano rispettivamente 56,16 e 56,65. Sempre più concreto il terzo posto di Valentino Arrigoni che grazie al precedente exploit nell’asta e ad una spallata da 49,84 ora viaggia a 6122 punti.

100m uomini (batterie) – Jacques Riparelli (Aeronautica) ribadisce il suo rango di capolista stagionale con un 10.39 (+1.0) che alla fine delle tre batterie si rivelerà il crono più veloce di tutto il primo turno. E se l’aviere veneto nel finale controlla, la promessa Federico Cattaneo (Atl. Riccardi) spinge fino in fondo e si migliora a 10.41. Missione compiuta anche per il campione europeo under 23 Giovanni Galbieri (Atl. Riccardi) che per quasi 90 metri affronta spalla a spalla il tricolore in carica Delmas Obou (Fiamme Gialle). Responso del cronometro: Galbieri 10.47 e Obou 10.50 (+0.2). Attenzione, però, a Fabio Cerutti (Fiamme Gialle) che nell’arena tricolore della sua città si fa trovare pronto con un agilissimo 10.45 (-0.4). In finale alle 21:15 anche Massimiliano Ferraro (Enterprise Sport & Service) 10.53 (-0.4) e Federico Raguni (CUS Palermo) 10.58 (+1.0).

100m donne (batterie) – Gloria Hooper conferma il trend delle sue ultime uscite e liquida la batteria in 11.49 (vento nullo), destando un’impressione di grande facilità. E’ poi il turno di Giulia Riva (NA Fanfulla Lodigiana) che controvento (-1.2) ha la meglio per 11.67 a 11.75 su Jessica Paoletta (Esercito). A segno anche Anna Bongiorni che non si lascia sfuggire l’occasione per limare di 6 centesimi il personale. Oggi, infatti, la toscana della Forestale corre al traguardo in 11.56 (+0.3) davanti alla tricolore uscente Irene Siragusa (Esercito) 11.70. In finale alle 21:10 anche l’allieva Zaynab Dosso (Calcestruzzi Corradini Excelsior) 11.81 (+0.3), Ilenia Draisci (Esercito) 11.82 (0.0) e Martina Giovanetti (Forestale) 11.88 (-1.2).

110HS (batterie) – Hassane Fofana deve difendere una maglia da campione italiano che ormai gli appartiene da due anni. Una motivazione che rende inarrestabile l’atleta delle Fiamme Oro che, pur abbattendo 6 barriere, non ha rivali in batteria: 13.83 (-0.2) su Mark Nalocca (Carabinieri) 14.26. La risposta di Lorenzo Perini (Aeronautica) non si fa, però, attendere. Il bronzo euroU23 fa 14.09 (+2.0) controllando negli ultimi metri. Finale alle 20:30 dove avrà una corsia anche Stefano Tedesco (Fiamme Gialle), leader della batteria iniziale con 14.09 (-1.3).

100HS (semifinali) – Squillo di Giulia Tessaro in semifinale. La veneta delle Fiamme Oro toglie 8 centesimi al personal best e con 13.24 (+2.0) monopolizza la migliore prestazione italiana 2015 dei 100hs. Alle sue spalle 13.59 per la neo mamma Micol Cattaneo (Carabinieri), mentre nella prima batteria Giada Carmassi (Brugnera Friulintagli) supera 13.50 a 13.53 (-1.1) Giulia Pennella (Esercito). Ultimo scontro stasera alle 20.40.

GIAVELLOTTO donne (eptathlon) – Bianca Nebiolo si aggiudica la penultima fatica della giornata. 42,71 (719 punti) per la torinese della Sisport FIAT. Ma la giovane Federica Palumbo (42,55 nel giavellotto, 716 punti) resta puntualmente al comando con 4545 punti. Un punteggio che in vista degli 800 metri finale la proietta verso il personal best. Seconda Bianchi Bazzi 4177 e terza Ferrero 4094.

MARTELLO donne (FINALE) – Titolo – il decimo – con qualche brivido per Silvia Salis. La genovese delle Fiamme Azzurre inizia la finale con due nulli (“Qualche problema ad entrare in sintonia con la pedana” dirà a fine gara) e rischia anche al terzo: un 63,17 a ridosso della linea del settore. La martelllata più lunga l’azzecca subito dopo con un 67,51 che riesce a tenere a bada la toscana Elisa Palmieri (Esercito) che con 67,03 eguaglia il terzo lancio in carriera. Sul podio anche la tricolore uscente Micaela Mariani (CUS Pisa Atl. Cascina) 65,65.

LUNGO donne (eptathlon) – Terza vittoria in cinque prove per Federica Palumbo. La ventenne leader dell’eptathlon si impone anche nel lungo stampando nella sabbia un 5,76 (-1.2) da 777 punti. Così le prime tre posizioni della classifica generale: Palumbo 3829, Bianchi Bazzi 3759 e Ferrero 3534.

ASTA uomini (decathlon) – La terz’ultima fatica del decathlon fa salire le quotazioni di Valentino Arrigoni. A Torino il portacolori della Nuova Atl. Astro è capace di migliorarsi di ben 40 centimetri: da 4,60 a 5,00. 910 punti che fanno la differenza anche in classifica generale dove il lombardo si accomoda in terza posizione con 5336 punti. Cairoli (4,20 e 673 punti nell’asta) è sempre il leader con 6157 punti in otto prove. Saldamente al secondo posto Simionato (5830).

TRIPLO uomini (qualificazione) – L’argento europeo junior Tobia Bocchi si installa al vertice della qualificazione grazie ad un hop-step-jump a ridosso dei 16 metri: 15,97 (0.0) per il 18enne del CUS Parma. Lo seguono Andrea Chiari (Fiamme Gialle) 15,77 (-0.8) e Daniele Cavazzani (Studentesca CaRiRi) 15,57 (-0.3). Domani alle 20 in punto la finale con il bronzo olimpico Fabrizio Donato (Fiamme Gialle).

400HS uomini (batterie) – Il tricolore in carica Leonardo Capotosti desta una gran bella impressione in batteria. Il 51.07 dell’ostacolista delle Fiamme Gialle è nettamente il tempo più veloce del primo turno e, considerata la disinvoltura con cui è stato realizzato, è un chiaro segnale di quanto l’azzurro voglia tornare in fretta sotto i 50 secondi. Nelle altre batterie in luce Eusebio Haliti (Esercito) 51.43, Giacomo Panizza (Fiamme Oro) 51.72 e Aramis Diaz (Atl. Riccardi) 51.84. Si lotta per il podio domani alle 20:00.

400HS donne (batterie) – Poco importa che siano solo batterie perchè la primatista italiana Yadis Pedroso non ha intenzione di risparmiarsi troppo. L’azzurra dell’Aeronautica parte subito in quarta e solo dopo l’ultima barriera sembra alzare il piede dall’acceleratore. A ridosso del traguardo allunga lo sguardo verso il display e chiude in 56.52: è il miglior tempo della mattinata. Bene anche l’ex eptatleta Francesca Doveri (Esercito) autrice di un 59.00 in grande scioltezza così come Ilaria Vitale (Libertas Friul Palmanova) 59.66. Attenzione, però, anche al 59.68 della ventenne, figlia d’arte, Valentina Cavalleri (Bruneck Brunico Volksbank). Domani alle 20:10 la finale.

DISCO uomini (decathlon) – Simionato azzecca il miglior lancio della mattinata, un 41,59 da 697 punti che consolidano il suo posto nel ranking generale (5157). Al comando con 5484 c’è sempre Cairoli che nel disco fa 34,09 (545). Terzo è ancora Dell’Acqua (4897).

ASTA donne (qualificazione) – In tre a 3,90: Tatiane Carne (Fiamme Azzurre) e le juniores Helen Falda (CUS Pisa Atl. Cascina) e Francesca Semeraro (Alteratletica Locorotondo). Domani (ore 18:30) la finale dove ci saranno la primatista italiana Roberta Bruni (Forestale), Sonia Malavisi (Fiamme Gialle), Giorgia Benecchi (Esercito) e Giulia Cargnelli (Forestale).

DISCO uomini (qualificazione) – 52,50 la misura di qualificazione diretta. L’unico a centrarla è Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro), 54,04 al secondo ingresso in gabbia Lanci fotocopia, invece, per Fabio Vian (Atl. Riccardi) e Martin Pilato (Atl. Ravenna): 52,09 per entrambi. Domani ore 18,45 la finalissima dove saranno della partita anche Hannes Kirchler (Carabinieri), Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) e Federico Apolloni (Aeronautica).

110HS (decathlon) – La seconda giornata di Simone Cairoli inizia come era finita la precedente: con una vittoria, la quinta in questo decathlon. Per il 25enne della Lecco-Colombo Costruzioni 14.83 (+0.7) nei 110hs, a soli 8 centesimi dal personale. 870 punti che gli fanno ulteriormente prendere il largo in cima alla classifica dove è primo a quota 4939. Non cambia nulla nemmeno alle sue spalle con i due portacolori della NA Fanfulla Lodigiana: secondo Gianluca Simionato (4460) e terzo Luca Dell’Acqua (4340).

TRIPLO donne (qualificazione) – La sesta miglior misura in carriera al primo salto è senz’altro un bel biglietto da visita per Ottavia Cestonaro. Stamattina la campionessa europea junior del 2013 atterra, infatti, a 13,42 (-0.4) e può mettere in fretta la qualificazione nello zainetto. Domani alle 18:30 la finale con la big azzurra Simona La Mantia (Fiamme Gialle) oltre a Silvia La Tella (NA Fanfulla Lodigiana) 13,13 (+0.8), già ottava agli EuroU23 di Tallinn alle spalle delle Cestonaro. A caccia del podio anche la beniamina di casa Eleonora D’Elicio (Fiamme Azzurre), oggi a 12,96 (-1.6).

TV – I Campionati Italiani Assoluti di Torino saranno trasmessi sui canali RaiSport in diretta TV secondo il seguente programma:
– 25 luglio, RaiSport 1 ore 20:30-22:40
– 26 luglio, RaiSport 1 ore 20:00-22:00

BIGLIETTI (al netto dei diritti di prevendita)
Venerdì 24 luglio: ingresso gratuito
Sabato 25 e domenica 26 luglio: prezzi da 5,00 € a 15,00 €
Abbonamento sabato e domenica: da 10,00 € a 25,00 €

E’ possibile acquistare online i biglietti cliccando su questo LINK: BIGLIETTI/Tickets

ufficio stampa fidal

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>