Cronaca — 23 ottobre 2012

Grande Spettacolo come sempre a Pettinengo, 644 atleti in gara nella 42^ edizione del Giro Podistico che al maschile nella prova internazionale ha registrato dopo 15 vittorie Keniane, 4 Etiopi e una di Marocco e Uganda il primo successo per l’Eritrea con il giovanissimo talento Abrar Osman Adem .
Un  sole splendido, una temperatura estiva hanno fatto da cornice  ad una grande giornata di Atletica Leggera , Pettinengo ha consegnato alla storia  un’altra  grande pagina di sport.
Il Giro Podistico Internazionale di Pettinengo con il passare degli anni  si conferma sempre più , nonostante la crisi le difficoltà crescenti come la più importante gara su strada della nostra Regione  ed uno degli appuntamenti atletici più qualificati della nostra penisola .
Undici  gare 3 ore di spettacolo sportivo  raramente si vedono in manifestazioni su strada, se poi si aggiunge il pranzo offerto a tutti i partenti (700 pranzi offerti ai partecipanti e agli accompagnatori)  una  premiazione  ricchissima con tanto di spettacolo ecco il segreto del successo di una manifestazione che non conosce flessioni anche quando le difficoltà aumentano.
L’apertura , come di consueto è stata dedicata al settore giovanile, al Trofeo delle Province  con l’assegnazione di 4 titoli Regionale per le categorie  Ragazzi e Cadetti
I migliori in regione e non solo erano della partita con gare emozionanti palpitanti combattutissime e una presenza vicinissima alle 400 unità .
Ha la sciato tutti a bocca aperta l’assolo nella gara cadette d Nicole Svetlana Reina autentico talento e neo campionessa italiana , capace di conquistare la seconda vittoria sul traguardo di Pettinengo
Il Trofeo delle Province , riservato al settore giovanile, è andato al Comitato debuttante di Como/Lecco che ha preceduto Torino e Cuneo.
Individualmente  , le gare sono state appannaggio di Jakub Zemanik (Allievi )  Simone Tavella (Cadetti) Nicole Svetlana Reina (cedette) con titolo regionale a Sara Borello, Leonardo Vanini  (Ragazzi),  con titolo rgionale a Rodrigo Vassallo, Elisa Palmero  (ragazze) Alessandro Mo  (Esordienti AM),  Valery Costa (Esordienti AF), Daniele Boglietti (Esordienti BM), Giulia Bergamaschi (Esordienti BF).
Tra i master  ,  dove erano in gara anche gli allievi, 199 arrivati, è tornato al successo , praticamente al nuovo debutto di carriera, dopo anni di assenza dalle gare, Alberto Accatino (UGB), che con una gara accorda è riuscito a regolare nel corso del secondo giro l’esperto Mountasser e Davide Cestariolli
Di altissimo livello la prova femminile, dopo una partenza tranquillissima fuga per le 3 protagoniste annunciate Kejela Buze, Berha e Berhane.
Negli ultimi 400 metri, la campionessa del mondo junior,  Diriba Kejela Buze già vincitrice al miglio di Biella del giorno prima, lancia l’attacco che la porta a conquistare la vittoria in 12’42” , era dal 2006 che non si vinceva con un tempo così alto , al  2° posto la connazionale Berha e l’eritrea Baehane.
Al 5° posto prima italiana , la debuttante a Pettinego, Federica Dal Ri che precede la biellese Valeria Roffino la sorpresa di giornata, Laura Bottini ed una Marzena Michalska in ripresa dopo un periodo di appannamento
La vittoria della Kejela Buze consente all’Etipoia di pareggiare il kenia nel computo di vittorie femminili al Giro di Pettinengo
Tra le master ripete il successo 2011   Viviana Vellati  (AStl.Candelo ) che infligge 22” ad Ignazia Camalleri , mentre il podio si chiude con la 3^ posizione di Angela Lano staccata di 37”.
Edizione record della gara Femminile, in partenza unica per tutte le categorie che ha visto classificate 98 atlete
Gara tatticissima per i primi chilometri quella maschile, tutti in gruppo , poi al termine del primo giro se ne vanno in 4 africani  tirati sempre dall’eritreo Abrar Osman Adem, il più attivo sin dall’avvio con il campione del mondo junior Awel Mutkar  che appare in difficoltà
Nel corso dell’ultima tornata rimangono in 3, tutti junior con i 2 protagonisti del mondiale juonir di Barcellona, c’è il sedicenne ugandese Kipiego.
Come molte volte è successo è lo strappo finale ed il rettilineo in leggera ascesa a consegnare la vittoria al giovane eritreo Abrar Osman Adem che si prende così la rivincita su Awel che l’aveva beffato  pochi mesi fa a Barcellona.
Poi ancora tanta  africa per le prime 8 posizioni poi il promettente Michele Fontana che precede nella classifica degli italiani un sorprendente Paolo Finesso (11°) e Gabriele De Nard (12°
Cala il sipario su Pettinengo sulla 2 giorni biellese (1233 atleti in gara)
Una giornata che ha regalato emozioni , grande spettacolo, promozione per l’atletica e per il territorio  che Gruppo Amici Corsa e Biella Sport Promotion coadiuvati da un centinaio di volontari , alcuni dei quali da  oltre quarant’anni sul ponte di comando, hanno mandato  in onda con il solito entusiasmo e professionalità
Tanti i complimenti e tanti  gli incitamenti a non “mollare” il futuro  però come tante manifestazioni sul nostro territorio e incerto e nebuloso e si vive un po alla giornata.
L’obbiettivo  rimane la 50^edizione del 2020 però non è detto che come tutte le belle storie prima o poi anche la storia di Pettinengo finisca.
Intanto non resta che ringraziare chi ha consentito di mandare in onda anche l’edizione 2012,l’associazione Pace Futuro  la Regione Piemonte la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella , Rewoolution ed una serie di Sponsor locali capitanati da Lauretana e Botalla Formaggi e comprendendente degli “affezionati” quali  Edispe Incip, Termoidraulica Naccarato,  Costruzioni Bonandini, ,Tabaccheria Poletti, Rammendatura Pontecervo, Biscottificio Cervo e Menabrea.

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>