Atletica News slide — 10 luglio 2015

Justin GatlinI 40 anni di Losanna e del suo “Athletissima” andavano celebrati nel migliore dei modi, ed il cast iperbolico allestito dagli organizzatori svizzeri ha centrato l’obiettivo, regalando due ore di confronti oltremodo vivaci. La gara del meeting, valori alla mano, era indiscutibilmente il triplo, con i suoi uomini che non hanno deluso le attese. Ancora un “over-18”, siglato dal campione olimpico di Londra, lo statunitense Christian Taylor, capace di atterrare per due volte oltre la soglia fatidica, fino ai 18,06 del sesto e ultimo salto (+1.1; in precedenza, alla quinta prova, il responso era stato di 18,02, con vento regolare a +0.8). Battuto il dominatore della stagione, il cubano Pedro Pablo Pichardo, che certo non si può dire abbia sfigurato con il 17,99 (+1.8) di miglior misura. Più lontano, ma con onore, Fabrizio Donato, sesto con 16,60 (+0.5) al termine di una battaglia che lo ha visto cercare la misura fino al termine (serie: N, 16,21; 16,32; N; 16,60; N). Concorsi da copertina, nella serata svizzera. Non capita tutti giorni di vedere un giavellotto volare oltre i 90 metri, evento accaduto già due volte quest’anno. Dopo la bordata del keniano Yego a Birmingham (91,39), questa sera è stato il turno del trinidegno Keshorn Walcott, il campione olimpico di Londra, alla sua “prima” oltre la fettuccia con un sensazionale 90,16 (nel primo e unico lancio valido della sua serata). In cinque vanno oltre gli 85 metri, a dare ulteriore spessore al risultato del vincitore.

Torna una delle regine mondiali del salto in alto, la regale Anna Chicherova. La russa, campionessa olimpica di Londra, ferma a 1,94 quest’anno, rompe gli indugi e sale fino a 2,03, centrando l’appuntamento con il mondiale stagionale e con il successo nella tappa di Diamond League. Lontanissime le altre: Ruth Beitia, due volte vittoriosa nel circuito nel 2015, è seconda con 1,94. Curiosità statistica: grazie a questo salto, Chicherova ottiene, per l’ottava stagione consecutiva, un risultato pari o superiore ai 2 metri…Come dire: solidità. Il dominio di Justin Gatlin nella stagione dello sprint sembra non trovare nessun ostacolo. Lo statunitense, al primo match dell’anno (tra ex squalificati per doping) con il connazionale Tyson Gay ed il giamaicano Asafa Powell, centra, con 9.75 (+1.4), il terzo crono a 9.7 del 2015, mancando l’appuntamento con il mondiale stagionale (già suo) di appena un centesimo. Powell e Gay finiscono nell’ordine, accreditati entrambi di un ottimo 9.92, in quella che è sembrata una verosimile finale mondiale anticipata.

Gli 800 metri mettevano al via il meglio della specialità, a cominciare dal primatista del mondo (e campione olimpico), il keniano David Rudisha. La retta finale costa però molto cara alla superstar africana: l’immenso talento del 21enne Nijel Amos (Botswana) sposta l’equilibrio nel finale, con sorpasso e vittoria in 1:43.27. Rudisha è comunque in zona, chiudendo in un significativo 1:43.76. Ancora uno stop nell’asta per Renaud Lavillenie: il primatista del mondo è solo terzo con 5,76, battuto dal polacco Pawel Wojchiechoswki (5,84) e dal tedesco Raphael Holzdeppe (5,76 stessa misura ma minor numero di errori). Per il francese, il 5,76 (misura d’entrata) è superato al secondo tentativo, ma le tre prove successive a 5,92 (quota attaccata dopo aver “passato i 5,84 valicati dal polacco) si rivelano altrettante bandiere rosse. Crisi? I 5000 metri non regalano particolari emozioni, se non quelle legate alla condizione nervosa di Mo Farah, scosso dalle lunghe settimane di polemiche per i sospetti-doping manifestati contro il suo allenatore, Alberto Salazar. Farah si ritrova in una gara condotta su ritmi tutt’altro che proibitivi, e gli basta scalare di un paio di marce negli ultimi 200, per vincere in 13:11.77.

Grandissima gara nel peso: David Storl infrange il muro dei 22 metri, grazie ad un 22,20 che gli consente anche di battere il capolista mondiale stagionale, lo statunitense Kovacs (21,71). Il successo nei 400 metri della 21enne bahamense Shaunae Williams ha qualcosa di fragoroso: l’americana è prima con 49.92, primato personale a soli sette centimetri dalla vetta iridata, occupata da Francena McCorory. Battuta Sanya Richards-Ross, seconda ma, in verità, a distanza siderale: oltre un secondo dalla vincitrice (51.12). Zharnel Hughes, l’uomo che aveva spaventato Bolt a New York, e neo trasferito sotto la bandiera britannica, si impone nei 200 metri in 20.13 (0.0), confermandosi protagonista in crerscita nella specialità. Nella gara al femminile, Allyson Felix usa classe e decontrazione nella fase finale, per battere l’olandese Dafne Schippers, rimasta incollata almeno fino ai 180 metri: sul traguardo la star a stelle e strisce fa segnare 22.09 (vento generoso, +1.9), mentre la Schippers prende un paio di metri ma ottiene comunque un buon 22.29. Decisamente inattesa la sconfitta della croata Sandra Perkovic nel disco: nel penultimo turno di lanci, la cubana Yaimi Perez la supera di sette centimetri, senza che nel lancio conclusivo la situazione si ribalti. Ancora un centro nel lungo per la coppia statunitense composta da Tianna Bartoletta, capace di planare a 6,86 nel lungo malgrado la brezza contraria (-1.1), e da Dawn Harper-Nelson, certezza dei 100hs, all’ennesimo timbro con 12.55 (+1.7, sedicesima vittoria in Diamond League in carriera!). In apertura di riunione, nei 100m donne, un vero e proprio tornado (+5.4 m/s!) spinge la statunitense Gardner a 10.76 (con la tedesca Sailer a 10.91). Non vale, ma va comunque annotato. Il circuito dei diamanti torna venerdì prossimo, 17 luglio, con la tappa di Montecarlo.

Ufficio Stampa FIDAL.
Federazione Italiana di Atletica Leggera

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>