Cronaca HOME PAGE — 22 maggio 2012

Quando ormai sul web si ironizzava in merito alle ventose giornate che accompagnavano le prove del Trofeo, ecco finalmente che è arrivata anche per noi la bella stagione! Ci permettiamo di citare a tal proposito la simpatica frase postata su Facebook dall’amico Mattia Prandini: «La Bavisela avrà preso Bourifa per darsi lustro…ma vuoi mettere con il Trofeo Provincia Di Trieste che ha ingaggiato Eolo quest’anno?» Volendo proprio fare i pignoli diremmo che la giornata di domenica era anche troppo bella! Infatti il Sole cocente ha influito (negativamente) sulla prestazione di più di qualche atleta. Ricordiamo che la gara in questione era il 1° Trofeo VIDUSSI, organizzato dal G.S. Amici del Tram de Opcina, sul noto percorso di quello che ancora in tanti, nostalgicamente, chiamano “la Papi Sport” (ma noi lotteremo per abituarli al nome VIDUSSI). 10 km interamente su asfalto e tracciato ondulato, particolarmente selettivo nel tratto Gabrovizza / Sales e ritorno. Partenza e arrivo nella consueta area del Centro Lanza di Prosecco per questa corsa valida anche come 3ª prova del XII Trofeo Provincia di Trieste nonché decisiva per l’assegnazione del premio speciale “NO STOP VIAGGI”, che rammentiamo consistere in un pacchetto viaggio/soggiorno/pettorale per la Maratona di Londra 2013.
Premessa forse troppo lunga, però prima di iniziare a descrivere la cronaca della gara non possiamo non menzionare l’esilarante trovata del trio Luka Kafol / Omar Fanciullo / Emiliano Di Girolamo, “orchestrati” dal proprio Presidente, Carlo Irace. Ecco i dettagli dallo stesso Luka Kafol: «Ogni anno ci ritroviamo puntualmente a dover segnare il medesimo percorso, ed altrettanto puntualmente non ci ricordiamo i punti esatti ad indicare il progredire dei vari chilometri; così a Carlo (Irace, ndr) è venuta quest’idea: “Ma perché quest’anno non facciamo le foto in questi famosi punti?” Solo che forse lui intendeva una cosa più seria, e invece io e miei due compari l’abbiamo sviluppata in questo modo goliardico, ovvero con noi tre che indichiamo manualmente i numeri dei vari chilometri.» I nostri più vivi complimenti quindi a Luka Kafol ed i suoi complici per l’originalità e l’ironia, fedele specchio del nostro mondo amatoriale.
E finalmente ritorniamo (mentalmente) all’avvio della gara, con un Gianmarco Pitteri della Pool Sport Trieste che parte al massimo, “sempre in piena” come dice lui stesso, con riferimento non solo al VIDUSSI, ma anche alle due precedenti prove di questo Trofeo: il RUNNING WORLD ed il PRINCIPE della settimana precedente. Ecco cosa ci dirà Pitteri al termine: «Oggi l’obbiettivo dichiarato era quello di arrivare primo in modo da evitare di fare calcoli sulla prestazione femminile.» Infatti un passo falso dell’atleta del team di Edoardo Costanzo avrebbe rimesso in gioco per Londra Valentina Bonanni dell’Atletica Brugnera, beffata al PRINCIPE proprio da una compagna di Società, Elena Cinca. Pitteri si mette davanti, affiancato anche lui da un compagno di squadra, Simone Spessot, e dall’emergente Alessio Milani della Fincantieri Atl. Monfalcone, ormai sempre più presente nelle posizioni di testa. Nonostante sia molto bravo anche lui, dopo un chilometro e mezzo circa deve ritornare sul suo ritmo, comunque ottimo, onde evitare di scoppiare. A quel punto a Pitteri non resta che temere Simone Spessot, fresco di personale nella mezza maratona in occasione dell’ultima Bavisela, battendo un certo Iommi con il tempo di 1h11’18”. Anche Spessot però al secondo chilometro e mezzo è costretto a mollare un po’ la presa su Pitteri, che virtualmente già si proietta verso Londra! Da quel punto in poi infatti Pitteri si stacca, anche se non eccessivamente come in altre occasioni, mentre la distanza tra Spessot e Milani rimane pressoché invariata. Questa la lettura di Milani: «La differenza Spessot l’ha fatta in quel chilometro in più che è riuscito a stare con Pitteri rispetto a me.» A seguire i primi tre c’è Piero Todesco della Podistica Fiamma, il quale nella prima fase di gara vive un po’ il medesimo copione della domenica precedente, dove era più lento di chi lo precedeva, ma dall’altra parte andava più forte degli inseguitori. Ma al giro di boa arriva un po’ spompato, allora si fanno sotto Lorenzo Snidersich della Sportiamo e poi Daniele Testa, un volto nuovo per il Trofeo Provincia di Trieste; allora andiamo subito ad indagare! Ecco l’intervista: «Sono nato a Trieste, dove ho vissuto fino all’età di 18 anni. Poi per il mio lavoro – sono sommozzatore nella Polizia di Stato – mi sono trasferito a Palermo, dove mi sono tesserato per la Società “Universitas”. Ora quindi gareggio per loro, nonostante i miei esordi siano stati con la Fincantieri, per poi passare a Marathon Trieste ed Atletica Gorizia.» Facciamo notare che, come direbbe un “triestin patocco” (e scusateci il termine), Daniele Testa “no xè l’ultimo mona”! Infatti in carriera vanta un 3’57” nei 1.500 metri piani ed un brillante 8’35” sui 3.000. Ora, soprattutto causa il lavoro e qualche acciacco tendineo, non si allena più come una volta, ma rimane comunque un avversario di tutto rispetto. Infatti in vista dell’ultimo mille addirittura allunga su Todesco, che a quel punto però risolleva la china e si riprende la quarta posizione. Così rimane congelata la “Top Five”, con Pitteri che nel tagliare per primo il traguardo improvvisa con le mani le iniziali “LO”, a rappresentare le prime due lettere della capitale britannica che lo vedrà protagonista alla maratona del prossimo anno! Concludiamo per gli uomini con i tempi dei primi cinque: 1° Gianmarco Pitteri (Pool Sport Trieste) 34’13”, 2° Simone Spessot (Pool Sport) 34’38”, 3° Alessio Milani (Fincantieri Atl. Monfalcone) 34’55”, 4° Piero Todesco (Podistica Fiamma) 35’06”, 5° Daniele Testa (Universitas Palermo) 35’10”.
Tra le donne la stessa Valentina Bonanni, sulla carta ancora in lizza per la contesa del premio speciale “NO STOP VIAGGI” partiva invece già rinunciataria: «Pitteri oggi (domenica, ndr) non aveva praticamente avversari…Se l’altra volta fossi partita come oggi probabilmente l’epilogo sarebbe stato diverso.» Infatti per entrambe le atlete dell’Atletica Brugnera è stata una giornata atipica, con Elena Cinca che ha tirato dall’inizio, forse motivata dalla recente imposizione al PRINCIPE, e dall’altra parte la Bonanni appunto era rimasta per una volta a ruota della “collega”. Con le due anche Paola Veraldi della Pool Sport Trieste, che nonostante i scarsi allenamenti è sempre là davanti! Questa volta la Bonanni ha compiuto quello che nei film gialli viene definito un “delitto perfetto”: come si diceva, a ruota fino al 3° chilometro, poi si è affiancata a Cinca e Veraldi fino al giro di boa del 5° chilometro (ingresso di Sales), e da lì ha iniziato una progressione, retta dalle rivali solo per un paio di chilometri; dal 7° in poi è rimasta sola, ed ha vinto con il tempo di 40’36”. Comunque non distanti le due compagne di fuga, Elena Cinca 2ª in 40’45” e Paola Veraldi 3ª in 40’53”. Ad un paio di minuti di distanza invece sono giunte Lucia Olivieri, terza tesserata dell’Atletica Brugnera tra le prime quattro arrivate al VIDUSSI, e Denise Sturm dell’Evinrude; i loro crono rispettivamente 42’46” e 43’14”.
Tra i partecipanti non si è potuta non notare anche la giovane Federica Bevilacqua, atleta di livello e valore assoluto, purtroppo alle prese con dei problemi fisici: «Oggi ho fatto giusto 8 km. Intanto almeno mi sto allenando, infatti per la forma migliore ci vorrà ancora un po’ di tempo purtroppo. Per fortuna l’allenatore Roby Furlanic ha pazienza e mi sostiene moralmente! Forse ci vediamo anche alla Napoleonica in quanto faccio molta fatica mentale ad allenarmi, e correre in gara mi viene più facile.»
Concludiamo con la doverosa parentesi rivolta alle Società che maggiormente contribuiscono a mantenere elevato il numero dei partecipanti, anche domenica 500! 1ª l’A.S.D. Gruppo Generali Trieste con ben 59 atleti portati al traguardo! 2ª La Bavisela con 52 presenze e 3ª la squadra “di casa”, gli Amici del Tram de Opcina con 38 partecipanti.
L’appuntamento ora è fissato per il 2 giugno p.v., data ormai consueta per La Napoleonica (34ª edizione), gara organizzata dalla Sezione Atletica Amatori del CRAL Trieste Trasporti, valida non solo come 4ª prova del XII Trofeo Provincia di Trieste ma anche come campionato nazionale autoferrotranvieri! Ulteriori dettagli sono visionabili sul volantino della manifestazione.

Maurizio Ciani

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>