Cronaca slide — 02 ottobre 2014

DSC00535Entusiasmante competizione e perfetta organizzazione in una serata che ha visto un podio tutto Keniano ed un’ottima prestazione dell’italiano Gianmarco Buttazzo.

La fantastica città di Scicli, perla ragusana, anche quest’anno ha offerto un grandissimo spettacolo, con il Memorial Peppe Greco, gara podistica internazionale, ormai giunta alla sua XXV edizione.

Anima del Memorial è Gianni Voi, che ogni anno, insieme ai suoi collaboratori ed ai tanti sponsor, tra cui il più importante Ma-Fra, presente a Scicli con il suo manager Remigio Busso , riesce a creare una manifestazione spettacolare che si fonde con lo spettacolo artistico e naturalistico che offre Scicli e rende questa città ancora più bella e particolare.

Nel corso dei 25 anni la gara ha visto transitare per le vie del centro storico della cittadina barocca i più grandi atleti del mondo: Stefano Baldini, Haile Gebrselassie, Paul Tergat,

Kenneisa Bekele

Quest’anno si è svolta sul suo classico circuito di 1 Km da ripetere 10 volte, prima della partenza tutti i grandi atleti presenti, hanno indossato la maglietta con la scritta “vorrei donarti il mio respiro”; anche quest’anno dunque il Peppe Greco è stato a fianco della ricerca contro la Fibrosi Cistica.

Parte la gara, lo start alle 21:33 con il classico colpo di pistola sparato dal sindaco della città di Scicli Franco Susino e dalla maratoneta, campionessa europea a Barcellona 2010, Anna Incerti, venuta anche a fare il tifo per il marito Stefano Scaini; fin dal primo giro guidano i keniani, tra cui anche William Kibor, vincitore della Normanna 2013 e 2014; ma passano con il tempo di 3’00″, il che fa intuire che sarebbe stato difficile battere il record detenuto dal campione del mondo Haile Gebrselassie di 28’22″, infatti alla fine della gara il cronometro segnerà 29’41″.

Dopo il primo giro di studio a 3′ 00″, gli atleti in testa passano a 2’54” e si mantengono su questo tempo fino al quinto giro, quando in testa sono Silva Kirwa Ngetic e Robert Ndiwa che passano a 2’53”, questi due atleti mantengono la testa della corsa dandosi battaglia fino all’utimo giro quando passa in testa Ngetic e chiude in 29’41″, Ndiwa lo segue chiudendo in 29’49”, terzo è il favorito della vigilia ovvero Kiprop Limo che chiude in 30’02”.

Per quanto riguarda la classifica degli italiani, il primo è Gianmarco Buttazzo, Atl. Casone Noceto, ottavo assoluto in 31:05 che chiude davanti agli altri azzurri Marouan Razine, 31:23 atleta italiano di origine marocchina, specializzato nel mezzofondo, che quest’anno ha ottenuto la sua prima convocazione nella nazionale italiana per la rassegna europea di Zurigo, a Yuri Floriani Fiamme Gialle 31:30 e all’azzurrino di Bagheria, Vincenzo Agnello RFC Roma Sud, 31:33 che, come primo siciliano, ha vinto anche il premio Santo Vanasia.

Gli  speaker della serata,Giuseppe Marcellino e Giovanni Giannone, che hanno  saputo sottolineare con maestria, i momenti più significativi della gara ed è stato supportato nel commento tecnico dall’ atleta Massimo Vincenzo Modica, medaglia d’argento ai campionati mondiali di maratona a Siviglia del 1999.Il segretario generale Fidal, Fabio Pagliara, che ha assistito alla gara, è rimasto entusiasta dello spettacolo, la definita una gara unica ed ha fatto un plauso agli organizzatori e in particolare al patron Gianni Voi, che nonostante le difficoltà è riuscito a dare vita ad un evento unico e memorabile.

Molti le personalità che si sono avvicendati sul  palco delle premiazioni per premiare gli atleti

La XXV edizione del Peppe Greco, non ha tradito le aspettative e anche quest’anno con il suo bellissimo spettacolo di atletica non ha fatto altro che rafforzare i grandi valori dello sport, quali la lealtà, la tenacia, la sfida ai propri limiti, il rispetto di se stesso e dall’altro.

Redazione Correre.org- Rossella Artusa

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>