TuttoCampania — 01 luglio 2012

Autore: Marco Cascone –

Per 26 edizioni Anna di Palma e Mimmo Cuomo hanno creduto nella Notturna Città di Stabia, e nel corso degli anni Castellammare di Stabia, grazie a quanto di bello realizato, l’ha fatta sua, la coccola, la cerca, la vuole! Così come dicevo nella mia introduzione, nel mio commento poco prima del via, sinergicamente con l’organizzazione, con la particolarità del tracciato, è il pubblico stabiese che rende la gara unica, affascinante più che mai. Centinaia, migliaia di spettatori trasformano la gara in un grande evento. L’attesa che precede il via si trasforma poi, dopo lo sparo, in puro spettacolo.

Gara

Gran caldo, grande afa, caronte ad appesantire il ritmo degli atleti, ma di certo non a condizionarne le emozioni vissute.

Quasi un “indicare la rotta da seguire”, ecco la Vittoria di Marco Calderone. The King, così come giustamente “battezzato” da Salvatore Albrizio, ha dato lezioni sul campo di gara, ha insegnato per 10 km, in diretta, come interpretare una gara, come saperla gestire e sapere gestire le energie. Bello che ha seguire il maestro sia stato un giovanissimo, un appena diciottenne Antonio Meluzio (Idea Atletica Aurora Battipaglia). Antonio ha accompagnato Marco per quasi tutta la gara, e da Marco è stato staccato solo negli ultimissimi momenti di gara. Per il vincitore, per il professore Calderone 33’10”, a10” Antonio Meluzio. A Vincenzo Migliaccio, Marathon Club Frattese, la bella terza posizione. Per Vincenzo 33’32”.

La gara femminile, al fine della vittoria, non è stata una vera gara. Annamaria Vanacore ha aggiunto l’ennesima vittoria nel suo curriculum Notturna Città di Stabia, e lo ha fatto in tutta serenità con media di 3’50” a km. Per le avversarie, ritmi assolutamente proibitivi quelli tenuti dalla portacolori dell’Atletica Scafati. Infatti, cronometricamente parlando, la competizione al femminile è stata tale solo ai fini dell’assegnazione dei due gradini laterali del podio. Alla fine la gara per la seconda posizione è stata vinta dalla giovane portacolori della Marathon Club Stabia, del Team Organizzatore: Rosaria Solimene. Brava Rosaria, capace (nonostante una partenza molto veloce) di tenere fino alla fine un buon ritmo. Terza all’arrivo, e anche per lei una buona gara, Teresa Galano. Teresa, specialista anche di gare trail, è stata bella protagonista della veloce10 km di Castellammare.

Assegnati anche premi speciali, andati a Gaetano Dentato e la stessa Rosaria Solimene (quali primi nella speciale classifica atleti Marathon Club Stabia) e quello in ricordo di Samuele Messina, andato a Giovanni Virno (in quanto primo della categoria 45 e tesserato Stabiese).

La classifica a squadre è andata alla Marathon Club Stabia, sulla Podistica Vesuviana e Atletica Scafati.

Bella ed emozionante anche la “prima volta” dei ragazzi diversamente abili. La “Maratonabili”, coordinata da Marco Mauriello (Elite Sport) è stata un successo,  una gran bella emozione che si è aggiunta alle tante vissute nella terra di Raffaele Viviani.

Anna di Palma e Mimmo Cuomo (e con loro infaticabili collaboratori e tante forze in campo) ci hanno donato una 26ima edizione della “Notturna Città di Stabia”che è riuscita più di sempre nel suo intento: donare spettacolo e promuovere la corsa, rendendo bellissimo il sabato sera Stabiese. Castellammare poi, con il suo sportivissimo pubblico, ha trasformato la serata in qualcosa di unico, di esaltante!

 

Share

About Author

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>