TuttoCampania — 15 febbraio 2016

San Gennarello 2013.A due anni dalla mia ultima esperienza qui a San Gennarello, mi ritrovo oggi, con immenso piacere, a gareggiare col mio team Amatori Vesuvio al completo. Ci aspetta un tracciato ondulato e tecnico che io gradisco molto.

Due anni fa però, ci riservò una sorpresa che rese quell’esperienza a dir poco indimenticabile, una delle più atipiche e particolari mai vissute. Infatti ci toccò correre attraverso rivoli e ruscelli d’acqua scroscianti, a causa dell’incessante e copiosa pioggia che flagellò la zona.

 E’ quindi un piacere oggi poter correre all’asciutto e ammirare San Gennarello in tutto il suo splendore in un giornata calda e soleggiata.

E’ pur vero che la probabilità che si ripetesse un simile nubifragio non era tanto remota, visto che da giorni la Campania è stata vittima di una perturbazione intensa e temporali diffusi e maltempo generalizzato  erano i dati meteo previsti per la mattinata di oggi.

Ci svegliamo sotto un cielo plumbeo, gonfio di minacciosi nuvoloni, nebbia e umidità che sfiora percentuali altissime.

Nel raggiungere la zona partenza ci accorgiamo con estrema gioia che il cielo sta assumendo un colorito più chiaro e,  grazie forse ad un provvidenziale venticello, si riescono anche ad intravedere degli sprazzi di azzurro.

Alle 8,45 la piazza, teatro della partenza/arrivo  prende vita e in un batter d’occhio gli atleti sono richiamati all’ordine alle spalle dell’arco. Pochi secondi e il count down sancisce la partenza di questa combattutissima kermesse. Gli atleti si catapultano letteralmente per le vie alla conquista di San Gennarello.

Lunghi tratti di salita e ripide discese caratterizzano il tracciato e permettono ai più esperti e muscolari di mettere in campo tutto il loro valore su un tracciato così duro e tecnico.

L’arrivo in leggera discesa favorisce cavalcate e sprint mozzafiato per  la gioia del pubblico festante

La presenza delle tante donne in gara, dimostra la forza crescente che le caratterizza  e le spinge a cimentarsi in imprese sempre più impegnative. Il primo gradino del podio lo conquista la forte Francesca Palomba seguita da Di Blasio Annamaria e Filomena Palomba. In campo maschile successo per Boufars seguito da Ismail e Nigro.

Una menzione speciale voglio farla al coraggio del mio giovane atleta Salvatore che, pur senza allenamento e preparazione specifica, ha lasciato per un giorno la telecamera di Runnes e non solo per indossare i panni del podista, uscendone un po’ ammaccato, ma soddisfatto.

I complimenti vanno agli organizzatori per l’ottima accoglienza, il ricchissimo e ampio ristoro offerto agli atleti, alla gestione del traffico e le ricche premiazioni.

Un saluto a tutti e arrivederci alla prossima edizione.

marilisa carranoMarilisa Carrano per Podistidoc.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>