TuttoCampania — 13 maggio 2013

Sirena LeucosyaQuando l’Amore è veramente tale, il Cuore non smette mai di “cantare”, ricordandoti ogni istante chi, di quell’Amore, ne è destinatario/a. Sembrava davvero di sentirlo in canto della Sirena Leucosya, il suo struggente canto d’Amore per Ulisse, il suo tentativo estremo di ammaliare chi ha amato e amerà in eterno.

Chi ha gareggiato, chi ha preso parte alla prima edizione della “Corsa della Sirena Leucosya”, chi ha percorso i 9 km che, da San Marco di Castellabate collegano ad Ogliastro Marina, attraverso luoghi intrisi di mito e dal fato, è stato protagonista, attore di qualcosa di bello, unico: un tuffo nella bellezza allo stato puro, un canto senza fine…

Nicola Paolillo ci ha regalato un gioiello, che è, per sua natura, molto più di una gara. Bello poi che a quest’appuntamento abbiano aderito in tanti. Tanti che hanno gareggiato, tanti che hanno preferito camminare fino al traguardo. Tutti ammaliati, da tanta bellezza.

Gara

Nove km ondulati, condizioni climatiche più che buone per correre. Temperatura accettabile, umidità nella norma. Tre atleti su tutti, nella gara maschile. E tutti e tre del team Podistica Sele. Hanno fatto ritmo, hanno fatto selezione, sono arrivati a pochi secondi l’uno dall’altro. Al traguardo la vittoria è andata a Giorgio Mario Nigro, capace di un buon 29’51” (media poco sotto i 3’20”), per poi l’arrivo dell’ottimo kamel Hallag (sempre alla grande, il master/coach del team del fiume Sele), con terzo gradino del podio per Antonio Meluzio (per lui 30’26” finale). Belle le prove anche per chi si è avvicinato al podio: Massimiliano Fiorillo, Mario Cirillo e Donato Marotta, giunti nell’ordine.

La gara riservata alle donne proponeva una sicura candidata alla vittoria, visto il suo recente palmares. Martina Rocco infatti (nonostante abbia ripreso da poco gli allenamenti, dopo un lungo periodo di stop) ha da subito proposto il suo 4’00” a km di media, è praticamente tale è stata fino all’arco d’arrivo, giunto in 36’18” da via. A neanche 24 ore dalla sua vittoria di Cicciano, ecco la bella prova di conferma per Jean D’Argenio. Come sempre sorridente e solare al traguardo, Jean ferma il crono sui 38’44”, con Patrizia Picardi (Budokan Portici) a solo 6” dalla portacolori della Run For Life. A Teresa Galano, Di Rosa Elite Maria e Almerinda Scarpitta le posizioni dalla quarta alla sesta.

Il podio della classifica a squadre ha visto al suo gradino più alto la Podistica Sele, con l’Agropoli Running e la Polisportiva Camaldolese in seconda e terza piazza.

Non me ne vorranno gli atleti e le società ma, il podio più bello e il gradino più alto in assoluto lo dedico a Nicola Paolillo, l’ideatore e realizzatore dell’evento.

Che magia la Corsa della Sirena Leucosya.

Sarà stata la suggestione, sarà stata la predisposizione ma, mentre salivo in macchina a fine gara, pronto per rientrare, mi è sembrato di sentire una voce…un canto…!

Marco Cascone

(foto di Francesca Orefice)

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>