Cronaca — 29 novembre 2009

Kenia e Austria in trionfo in piazza Santa Croce. La XXVI edizione della Firenze Marathon incorona Ben Kipruto Chebet, 27enne keniano, che taglia il traguardo della classica in 2h11’21’, mentre fra le donne è la biondissima austriaca Eva Maria Gradwohl a meritarsi il titolo di regina, grazie a un finale poderoso, che la porta a vincere in solitario in 2h35’41’. Se il successo di un atleta africano sembrava scontato, con Chebet che era fra i favoriti, reduce dal successo di Padova in aprile e da un ritiro per problemi di stomaco a Venezia, per l’Austria si è trattato di una prima assoluta all’ombra del ‘Giglio’.


Ad aprire la festa della XXVI Firenze Marathon è stato il sindaco Matteo Renzi, che ha dato il via alla gara, questa mattina alle 9,15 da piazzale Michelangelo, con il serpentone colorato dei podisti lanciato nella sua allegra invasione della città. Un evento da record, con 10.104 iscritti e 9.220 persone che avevavo ritirato il proprio pettorale ieri sera al Marathon Expò e 8.220 che hanno tagliato oggi il traguardo di piazza Signoria, circa mille in più dello scorso anno, quando si arrivò a quota 7.202.


Fra i personaggi in corsa, ha chiuso con un bel 2h52’38’ l’ex campione di maratona Orlando Pizzolato, mentre Davide Cassani si è ritirato poùco dopo il 21° (1h24’21’), per il riacutizzarsi di un problema alla coscia. In corsa anche un altro ciclista ‘Supermario’ Cipollini, che ha scortato su due ruote, lungo tutto il percorso, il vicedirettore Rai Gianfranco Comanducci, arrivato al traguardo in 3h40’57’. Nicolò Prandelli, figlio di cesare, tecnico della Fiorentina, ha concluso invece la sua fatica in 3h04’29’, mentre Lorenzo Cortesi, direttore generale della Venice Marathon, ha chiuso la sua prima maratona da atleta in 4h03’15’. Fra gli ospiti della Firenze marathon anche la cantante Dolcenera, testimonial di Cifa Ong, associazione di solidarietà che si occupa di adozioni a distanza e sostegno ai manori in difficoltà negli stati del Sud del mondo.


LA GARA


Al via di piazzale Michelangelo è subito il keniano Reuben Seroney Kosgei a condurre il gruppetto dei favoriti, con i connazionali Chebet, Orare, Ngeny, l’etiope Assefa e i top azzurri Caimmi, Goffi e Curzi, mentre fra le donne è Ivana Iozzia a dettare il ritmo, seguita dalle etiopi Kalkidan e Tedesse, dalla keniana Chepkorir, dall’austriaca Gradwohl e dalla svedese Gavelin. Al passaggio del 15° chilometro, è sempre Kosgei a ritmare il passo di gara, passando in 46′, con una proiezione che si aggira intorno alle 2h09’30’, seguito dall’etiope Assefa, da Chebet e da tutti i migliori. Con il passare dei chilometri il gruppetto inizia a sgranarsi e alla mezza maratona, Chebet e Kosgei passono affiancati, in 1h04’38’, tallonati dal marocchino El Hachimi, dall’etiope Assefa e dall’azzurro Caimmi, Goffi insegue a 8′, Ngeny a 16′ e Curzi a 29′. Il 30° chilometro vede ben Chebet Kipruto passare a condurre, francobollato da Kosgei e Assefa, con un passaggio da 1h32’09’, mentre El Hachimi perde contatto e insegue a 6′, Caimmi a 24′ e Goffi a 46′, con Curzi ritirato intorno al 25° per problemi fisici.


Passano i chilometri, cala un po’ il ritmo, e si procede con piccoli strappi, con Chebet e Kosgei che transitano al 40° chilometro in 2h04’21, con Assefa in netto calo a 41′ e Goffi che tiene a 1’41’, mentre Caimmi accusa i postumi di una piccola storta al piede. Il finale è una sorta di volata lunga di Chebet, che stacca di pochi metri il connazionale Kosgei e conserva il vantaggio sin sul traguardo, tagliato in 2h11’21’. In campo femminile è una motivatissima Ivana Iozzia a condurre le danze, passando alla mezza maratona in 1h15’48’, seguita a stretto contatto dalle etiopi Kalkidan Dagne e Girma Tedesse, mentre l’austriaca Gradwohl e la  svedese Gavelin inseguono rispettivamente a 28′ e 1’41’.  Con il passare dei chilometri, però, l’azione della Iozzia si appanna ed è la giovane etiope Girma Desta Tadesse a dare l’impressione di poter dare l’affondo definitivo, transitando al 35° chilometro in 2h07’03’, mentre l’italiana insegue a 30′, con l’austriaca Gradwohl in recupero che ha appena 14′ di svantaggio. mentre si affievolisce l’azione della battistrada è la bionda austriaca a dare la scossa decisiva alla gara, con un finale in crescendo, che la vede superare tutte le antagoniste e involarsi in solitario verso il traguardo, che taglia in 2h35’41’, seguita a 1’30’ dalla coriacea svedese Lena Gavelin e al terzo posto una Tadesse in netto calando, che colleziona 1’47’ di distacco, mentre la Iozzia chiude in 2h37’35’.


FAMILY RUN


Alla colorata festa della Firenze Marathon ha contribuito anche la Ginky Family Run, la corsa non competitiva dedicata ai bambini, ai ragazzi e alle famiglie, che ha avuto come testimonial d’eccezione alla partenza il ginnasta azzurro Igor Cassina, oro olimpico alla sbarra a Atene 2004. Una festosa kermesse di sport per tutti è stata anche un grande momento di solidarietà, coinvolgendo varie associazioni di volontariato e solidarietà del territorio, a cui è andato il ricavato dell’iniziativa.


Al via più di 2 mila fra bambini, ragazzi e intere famiglie, che hanno dato vita a un’allegra corsa-passeggiata di 2 chilometri nel centro storico. primo sul traguardo il giovane Ernesto palchetti, seguito da Hamid El Hidrissi, Lorenzo Caponetti, Tommaso Pagnoni e Davide Zoia.


TROFEO VIGNOZZI


Ad aggiudicarsi la quinta edizione di ‘MarathonAbile – Firenze marathon’, valida come ‘Trofeo Giuliano Vignozzi’, è stato Mauro Cratassa, 45enne di Vitorchiano, in provincia di Viterbo. L’atleta della Vitersport ha chiuso sul l traguardo di piazza Santa Croce in 1h19’14’, precedendo di circa 6′ il vincitore dello scorso anno, Fabrizio Caselli, 41enne del Gs Unità Spinale di Firenze, terzo, a stretto contatto Massimiliano Bosi del Team Pulinet. Al via 29 atleti diversamente abili, di cui 24 su cicloni.


LE CLASSIFICHE


Uomini: 1) Chebet Ben Kipruto (Ken) 2h11’21’; 2) Seroney Reuben Kosgei (Ken) 1′; 3) Assefa Girma Reta (Eth) 1’21’; 4) Danilo Goffi (Ita) 1’24’; 5) Daniele Caimmi (Ita) 3’53’; 6) Abdelhadi El Hachimi (Mar) 4’56’; 7) Francesco Bona (Ita) 5’41’; 8) Federico Simionato (Ita) 6’42’; 9) Diego Abbatescianni (Ita) 7’56’; 10) Henri Manninen (Fin) 8’7′; 11) Ben Moureau (Gbr) 9’53’; 12) Barry Minnock 12’39’; 13) Brian Mac Mahon (Irl) 12’39’; 14) David Kirkland (Gbr) 13’28’; 15) Fausto Dotti (Ita) 13’59’; 16) Martin Jall-Ohlsson (Swe) 14’28’; 17) Emil Lerdahl (Swe) 15’16’; 18) Gabor Szabo (Hun) 16’29’; 19) Jean Pierre Montiel (Fra) 18’2′; 20) Pascal Bidault (Fra) 18’2′.


Donne: 1) Eva Maria Gradwohl (Aut) 2h3’541′; 2) Lena Gavelin (Swe)1’30’; 3) Girma Tedesse (Eth) 1’47’; 4) Ivana Iozzia (Ita) 1’54’; 5) Anna Pichrtova (Cze) 6’17’; 6) Emily Perpetua Chepkorir (Ken) 6’56’; 7) Ursula Bredlinger (Aut) 8’15’; 8) Judit Pettko-Szandtner (Hun) 11’59’; 9) Barbara Hosack (Ned) 12’29’; 10) Sanna Kullberg (Fin) 12’32’; 11) Manuela Manca (Ita) 13’56’; Nathalie Chabran (Fra) 15’8′; 13) Dagne Kalkidan (Eth) 15’38’; 14) Donna Mahon (Irl) 18’8′; 15) Inga Kazlauskaite (Lit) 19’30’.


Diversamente abili: 1) Mauro Cratassa (Ita) 1h19’16’; 2) Fabrizio Caselli (Ita) 6’55’; 3) Massimiliano Bosi 6’56’; 4) Flavio Billi (Ita) 14’40’; 5) Alessandro Borlino (Ita) 14’40’; 6) Rosario Brizzi (Ita) 14’42’; 7) Cristiano Picco (Ita) 14’44’; 8) Desiderato Hudorovich (Ita) 14’44’; 9) Rossano Baronti (Ita) 16’11’; 10) Fabio Fanucchi (Ita) 18’30’.


Camopionato Italiano Bancari e Assicurativi:


Uomini: 1) Giancarlo Manighetti 2h38’35’; 2) Andrea Moccia 7′; 3)  Graziano Collina 5’9′; Salvatore Erbogasto 5’25’:


Ordine d’arrivo bancari donne: 1) Paola Tagliavini 3h09’21’; 2) Susanna Vidoz 2’49’; 3) Alessandra Fissore 2’50’.

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

  • Benedetto Scarpellino, ASA Detur Napoli

    Ieri ho corso per la settima volta la maratona di Firenze, ci mancavo da 4 anni. Ho trovato una città splendida, un’eccellente organizzazione alberghiera al servizio degli atleti, ma anche gravi deficienze tecniche: a Piazzale Michelangiolo ho contato 50 bagni chimici per 10.000 iscritti e ho constatato che le gabbie, anzichè blindate, erano del tutto fasulle, per mancanza di addetti al controllo. In questo modo i “primi” 10 km di gara sono risultati complicatissimi per tanti atleti, che su strade strette e spesso ad imbuto, si sono trovati muri di atleti più lenti davanti. Anche i ristori intermedi non erano proprozionati al numero di atleti, il ristoro finale è stato ultra-risicato (mezzo litro di reintegratore, una merendina confezionata e un’arancia nella busta; una bottiglietta d’acqua e del the ai banchi): a mio parere insufficiente per gli atleti giunti al traguardo in calo glicemico e/o energetico (situazioni molto frequenti nelle maratone autunno-invernali, per fortuna non faceva freddo). Infine molte curve, anche molto ampie, non erano transennate e questo induceva a significativi tagli del tracciato (che, appunto, non era “tracciato”).
    In definitiva, più che ad ulteriori, insostenibili, crescite numeriche, bisognerà, a mio parere, puntare su necessari miglioramenti tecnici, a cominciare dalla partenza (soprattutto, ma non solo, per il problema del dislivello rispetto all’arrivo). Cordiali saluti

  • alessandro garatto ,podistica Marcianise

    Ieri è stata la prima volta a Firenze voglio fare i complimenti agli organizzatori e a tutte le prsone che ci incitavano , è stata una gara fanstica anche se in ,alcune zone (vicino ai ristori e alle strettoie) non si camminava per imbottigliamento.

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    ERRORE PER LA’ 33° POSIZIONE ATLETA CLASSIFICATO E’ AUDIA GIOVANBATTISTA DEL TEAM MONTEMILETTO NON L’ATLETA BONERI BRUNO MM55 DEL TEAM ATLETICA AMATORI LAURIA.(VEDI VIDEO).

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    BENE LA’ CLASSIFICA E’ STATA RETTIFICATA, ADESSO AUDIA GIOVANBATTISTA RISULTA 33°.COME SI’ DICE DIAMO A “CESARE QUELLO CHE’ E’ DI’ CESARE”.

  • francisco, asa detur

    Benny! un consiglio: la prossima volta, invece di contare i cessi, mettiti davanti, nella prima gabbia blindata! C’era un vecchietto un po’ grasso con un numero sopra i 6000 davanti a me. E’ questo il bello dell’Italia. Secondo me, per esserci quasi 10mila partecipanti, l’organizazzione era ok. Penso ad altre città più grandi con 200 partecipanti alla maratona… A parte gli scherzi, un caro saluto a te e agli altri dell’asa detur che non ho avuto occasione di vedere alla partenza o all’arrivo.

  • AGOSTINO CAPUTO NUOVA ATLETICA ISERNIA

    Sono rientrato dopo 2 maratone nelle quali avevo subito 2 infortuni, il mio tempo non è dei migliori 3,18.29 ma sono soddisfatto per averla finita. Condivido a pieno tutti i problemi elencanti nel primo commernto. Dire tutti, che tutto va bene, facciamo del male alla maratona. Gli organizzatori che prendono parecchi soldini devono sapere tutto quello che non funziona e devono cercare di metterci nelle migliori condizioni per correre. Non si devono pensare solo ai top-runners perchè i soldini li portiamo noi Tapascioni. Quindi facciamoci sentire e mandiamo queste critiche agli organizatori della Firenze Marathon. Ciao

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>