Cronaca — 29 novembre 2009

Ben Kipruto Chebet è il nuovo re della Firenze Marathon. Il 27enne keniano si è imposto in 2h11’21’ nella XXVI edizione della classica fiorentina al termine di una gara condotta tutta in testa, staccando nel finale l’atteso connazionale Reuben Seroney Kosgei, 30enne, già vincitore dell’oro olimpico e mondiale sui 3mila siepi. Quarto, a una manciata di secondi dall’etiope Assefa, terzo, l’azzurro Danilo Goffi, autore di una gara molto ben condotta, che rappresenta per lui un ritorno importante nell’olimpo della maratona.


Ordine d’arrivo: 1) Ben Kipruto Chebet (Kenia) 2h11’21’, 2) Reuben Seroney Kosgei (Kenia) 2h11’22’, 3) Girma Reta Assefa (Etiopia) 2h12’42’; 4) Danilo Goffi (Ita – Carabinieri) 2h12’45’; 5) Daniele Caimmi (Ita – Fiamme Gialle) 2h15’14’.


XXVI Firenze Marathon: il viterbese Cratassa si impone fra idiversamente abili


Mauro Cratassa, 45enne di Vitorchiano, in provincia di Viterbo, si è imposto nella XXVI Firenze Marathon fra i diversamente abili. L’atleta della Vitersport ha chiuso sul l traguardo di piazza Santa Croce in 1h19’14’, precedendo di circa 6′ il vincitore dello scorso anno, Fabrizio Caselli, 41enne del Gs Unità Spinale di Firenze, terzo, a stretto contatto Massimiliano Bosi del Team Pulinet.


Ordine arrivo: 1) Mauro Cratassa (Vitersport) 1h19’14’, 2) Fabrizio Caselli (Gs Unità Spinale Firenze) 1h25’11’, 3) Massimiliano Bosi (Team Pulinet) 1h25’12’.


Firenze Marathon: la Gradwohl prima regina austriaca in santaCroce


La XXVI edizione della Firenze Marathon incorona l’austriaca Eva Maria Gradwohl, prima sul traguardo di piazza Santa Croce in 2h35’41’. L’atleta 36 enne è la prima austriaca a imporsi nella classica fiorentina. Un successo che è arrivato al termine di una gara condotta con acume tattico, con una poderosa rimonta nella parte finale della gara, dopo che le etiopi Girma Tadesse e Dagne Kalkidan Balcha avevano guidato a lungo, anche tentando alcune accellerazioni. Al passaggio alla mezza maratona, la Gradwohl accusava un ritardo di circa 35′, rispetto alle due atlete africane e a Ivana Iozzia, che sino a quel momento si era mantenuta al comando. Mentre l’azzurra perdeva colpi, l’austriaca non ha mollato la coppia etiope e negli ultimi chilometri ha spinto a fondo, imponendosi in 2h35’41’, staccando la rimontante svedese lena Gavelin di 1’30 e la Tadesse di 1’47’.


Ordine d’arrivo: 1) Eva Maria Gradwohl (Aut) 2h35’41’, 2) Lena Gavelin (Swe) 2h37’31’, 3) Girma Desta Tadesse (Eth) 2h37’28’, 4) Ivana Iozzia (Ita – Corradini Rubiera) 2h37’35’, 5) Anna Pichrtova (Cze) 2h2h41’58’.


 

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

  • LUCA SERAFINO ASD LA SOLIDARIETA’

    DA EVIDENZIARE L’ESORDIO DEL CAMPANO DELL’ASD LA SOLIDARIETA’ DI S.GIUSEPPE VESUVIANO CHE HA CHIUSO IN 2h51’13″GRAZIE A TUTTI E VIVA QUESTO SPORT!

  • LUCA SERAFINO ASD LA SOLIDARIETA’

    ERRATA CORRIGE….DA EVIDENZIARE L’ESORDIO DEL CAMPANO PASQUALE COPPOLA DELL’ASD LA SOLIDARIETA’ DI S.GIUSEPPE VESUVIANO CHE HA CHIUSO IN 2h51’13″GRAZIE A TUTTI E VIVA QUESTO SPORT!”

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>