TuttoCampania — 19 aprile 2012

NAPOLI – “Walk of life”, è la maratona che si svolgerà nelle strade di Napoli per la raccolta di fondi a favore della lotta a circa 7 mila malattie genetiche. La gara podistica, che ha un costo di iscrizione di 10 euro, servirà a finanziare la ricerca di Telethon. Il 29 aprile l’evento sarà a Napoli ed è la nuova iniziativa di raccolta fondi che dal 22 aprile al 6 maggio prevede otto mini maratone di 10 chilometri in altrettante città italiane.

Alla gara podistica sarà abbinata una passeggiata non competitiva di 3 chilometri aperta a cittadini e disabili e prenderà il via alle 10 in piazza plebiscito, dove è previsto anche l’arrivo. Seconda per importanza soltanto alla maratona televisiva di dicembre, la manifestazione mira a coinvolgere adulti e bambini abbinando lo sport e il divertimento all’impegno sociale.

Ad oggi, in Campania, sono circa 300 i progetti di ricerca sulle malattie genetiche finanziati da Telethon, con un investimento complessivo di oltre 66 milioni di euro. Alla presentazione in sala giunta hanno partecipato l’assessore Giuseppina Tommasielli ed anche grandi campioni dello sport che hanno aderito all’evento.

«Napoli è il più grande centro di ricerca di Telethon – ha detto Andrea Ballabio riferimento del progetto – in questi anni abbiamo analizzato molte malattie rare e in numerosi casi anche individuato la cura». Ballabio ha sottolineato la nascita di progetti in partnership con gli Stati Uniti e la partecipazione in alcune case farmaceutiche al fine di produrre i medicinali necessari alla cura di malattie rare.

«Lo sport per noi disabili non è solo una cura ma un motivo di rinascita sociale e di speranza come lo è Telethon che ci consente sempre di credere in una cura alle nostre patologie» ha affermato Enrico dell’Aquila, un atleta diversamente abile di 23 anni colpito dalla Laminopatia Acuta, una patologia genetica rara che lo ha portato sulla sedia a rotelle.

L’assessore Tommaselli ha precisato come in Italia sia «mortificante che la ricerca debba essere affidata a strutture private ed alle donazioni, lo Stato dovrebbe investire di più». Tommaselli ha anche ricordato che l’Amministrazione comunale ha deciso di rivalutare la città in modo “naturale” e quindi eventi come le gare podistiche o altro saranno sempre più un riferimento.

Rosario Bernardini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>