Cronaca — 01 aprile 2010

PremiazioniIn una giornata dal clima primaverile, con il VI Trofeo Running World ieri ha avuto il via il X Trofeo Provincia di Trieste anche per quanto riguarda la classifica individuale, dopo la campestre-prologo di Villaggio del Pescatore valida solo per il punteggio di squadra.
Come nell’edizione precedente la Società organizzatrice – l’A.S.D. Running World Trieste – ha voluto dare la possibilità a tutti i partecipanti di portarsi a casa un viaggio completo di soggiorno e pettorale incluso per la Maratona di Londra 2011, il tutto offerto dall’agenzia ‘NO STOP VIAGGI’ La formula sembra complessa ma in realtà non lo è poi così tanto: si confrontavano i tempi dei vari vincitori di categoria con le migliori prestazioni dell’anno precendente nelle medesime fasce d’età. Chi faceva registrare il maggior ‘gap’ si portava a casa l’ambito premio.
Forse anche per questo motivo gli atleti erano così numerosi – oltre 500 – a misurarsi sull’impegnativo percorso che portava da Basovizza a Padriciano per poi cimentarsi nell’ardua ascesa di Gropada, scendere nei pressi del cimitero di Basovizza e svoltare la prima volta a destra in modo da ripetere la tornata mentre al secondo passaggio ci si dirigeva a sinistra proiettandosi verso il traguardo, distante 600 metri circa.
In avvio si mette subito in evidenza un quintetto, composto dal talento Gianmarco Pitteri della Pool Sport Trieste, lo specialista della corsa in montagna Michele Ermacora del G.S. Aquileia – ‘convocato’ da uno dei suoi dirigenti venuto a sapere dell’interessante profilo orografico di questa manifestazione podistica , gli inossidabili Antonio Di Luca della Pentatletica e Giuseppe Pagano dell’Atletica Altopiano e a chiudere il neo-papà Andrea Marino, della Pool Sport come il battistrada. Non appena l’inclinazione del suolo si è fatta interessante Michele Ermacora, trovandosi sul suo campo di gara prediletto, ha sondato la concorrenza e il risultato è stato che la vittoria se la giocavano lui e Gianmarco Pitteri. Solo Giuseppe Pagano prova a resistere al duo di testa ma alla fine non solo è costretto a cedere terreno, bensì verso la fine del secondo giro è pure raggiunto da uno splendido over 50 quale è Di Luca. Piuttosto emozionante la gara che solo negli ultimi due chilometri ha sciolto i dubbi su chi si aggiudicasse le due sfide, rispettivamente per prima e terza piazza. Ermacora sulla solita salita impegnativa tenta il bis, ma nuovamente non riesce a staccare Pitteri il quale subito dopo lo scollinamento è autore di un poderoso cambio di passo che gli garantisce il trionfo finale! Il suo tempo 41’21’, a 3’22’ al km, migliorando la sua prestazione dell’anno scorso di 25 secondi. Ermacora, che forse sperava in delle salite ancor più dure, è comunque contento del suo secondo posto, chiudendo in 41’39’. Di Luca, dopo aver aggianciato Pagano, allunga sul portacolori dell’Atletica Altipiano e si conquista il gradino più basso del podio; i loro crono saranno rispettivamente 42’15’ e 42’29’. Andrea Marino è comprensibile che in questi primi giorni da papà non riesca ad allenarsi come e quanto vorrebbe, pertanto già la sua quinta posizione (43’25’) risulta sorprendente; il suo arrivo con il pollice in bocca ci ricorda l’esultanza del famoso goleador Francesco Totti e l’ultima dichiarazione di Andrea è rivolta ai suoi cari: «Ho tenuto duro come Silvia ha fatto nei giorni difficili recentemente trascorsi. Sono felice che lei e Nicola siano tornati a casa».
La sensazione dopo le prime due prove del Trofeo è che la Pool Sport in questa stagione dominerà la classifica tecnica infatti a breve distanza seguono altri due loro tesserati: Simone Spessot e Rocco Sorrentino sono intervallati da Walter De Laurentiis dell’A.S.D. Sportiamo che però ha un po’ di amaro in bocca: «Se ci avessi creduto di più avrei potuto giocarmela quantomeno per il 5° posto!»
In campo femminile Lorena Giurissa della Pool Sport era l’atleta più quotata, ma Manuela Ricciardi del Marathon non era da meno, benché stia preparando distanze più brevi. La stessa Lorena ci dirà alla fine: «Sapevo che Manuela era agguerrita oggi». E infatti quest’ultima non ha deluso le aspettative ed è rimasta con la Giurissa per tutta la gara. Arrivati a 500 mt dall’arrivo – presso il ‘muretto’ tanto noto ai runner locali – la Ricciardi addirittura si immola in un’accelerazione che però le costerà cara. Ecco la sua opinione: «Forse ho attaccato troppo presto ma per me è già un enorme passo avanti stare con Lorena per tutta la gara!» Lorena Giurissa ha la meglio sulla rivale e chiude in 49’29’ contro i 49’38’ della Ricciardi. In terza piazza inizialmente si trova Annalisa Muran dell’ARAC, ma probabilmente parte troppo forte dietro al ‘grosso’, ovvero l’amico di allenamenti Fabio Brandolin, allora nel secondo giro modera il ritmo cosicché viene sopraggiunta e superata da Francesca Lettig, ex atleta de La Bavisela ora in forza alla Pool Sport. Quest’ultima ci racconterà: «Non ho fatto una grande gara per le mie possibilità ma non sono abituata a questi ritmi. Infatti mi sto preparando per un buon risultato verso fine stagione alla Maratonina di Palmanova e prossimamente parteciperò più che altro come allenamento a Vivicittà e Bavisela». Il suo tempo finale sarà 51’34’, mentre la Muran alla fine arriva con circa un paio di minuti di ritardo, in 53’52’. Più che soddisfatta della sua 5ª piazza Michela Facchin del CUS Trieste, visto l’evidente raffreddore che ancora si fa sentire quando andiamo ad intervistarla; piuttosto che parlare della sua prova ci allieta con un simpatico aneddoto: «L’anno scorso mi ricordo che avevo lasciato il chip in macchina e quando sono arrivata finalmente al parcheggio ho udito lo sparo, ma io mi trovavo però a 500 metri dalla partenza!!»
L’esordio delle premiazioni si ha proprio con il momento più atteso, la proclamazione del vincitore della Maratona di Londra 2011! Mentre molti dei vari vincitori di categoria iniziano a scavare nella memoria cercando di rimembrare i tempi del 2009, lo speaker coglie tutti di sorpresa dicendo che con un miglioramento di quasi 12 minuti rispetto alla prima prestazione F65o dell’anno scorso, la vincitrice è…SELLAN IOLE!!! Lei stessa è emozionata e sorpresa nell’andare a ritirare il premio.
Impeccabile l’organizzazione dell’A.S.D. Running World Trieste e si segnala una gran soddisfazione per i complimenti ricevuti da parte del suo Presidente, Giuseppe ‘Pino’ Suplina, il quale non manca di ringraziare tutti quanti hanno contribuito all’ottima riuscita dell’evento.
Per vari motivi il Trofeo quest’anno non conta date in aprile, pertanto l’appuntamento è fissato per il 9 maggio in occasione del 1° Trofeo Track&Field sul percorso dell’ex ‘Papi

Autore: trofeots-run

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>