Cronaca — 15 giugno 2009

A Venafro (Isernia) la nona edizione del ‘Trofeo San Nicandro‘ ha mantenuto le promesse, anzi le ha persino superate! Il Molise che ama l’atletica non può che andare fiera per questo gioiello organizzativo messo su dall’Atletica Venafro, da un Massimiliano Terracciano grande coordinatore di un Team all’altezza della situazione. Uno spettacolo vedere correre tanti atleti, per me piacere assoluto  presentare l’evento. Un evento che vive su un circuito che permette di godere di partenza, due passaggi e l’arrivo. Venafro vive la gara, l’attende e la fa propria da sempre. Una gara che, anno dopo anno, migliora e coinvolge in una maniera inaudita.


Stellari poi i nomi al via. Una gara che, vista la lista dei partenti top, potrebbe essere linfa vitale per più eventi.


 


Italia, Marocco, kenia, Romania per la vittoria in campo maschile e femminile. Una vittoria davvero contesa, su ritmi importanti, con l’agonismo esaltato dal calore della gente e dal fragore degli applausi.


La gara.


Percorso di 9000 metri, con salita di 400 metri che lascia il segno in ogni tornata. Temperatura accettabile, umidità sopra la norma.


 


Tanti, tantissimi gli atleti accreditati e pronosticabili al fine della vittoria finale in campo maschile. Davvero difficile prevedere chi potesse averla vinta, prima del via. Al primo passaggio (quando si era a 2600 metri dalla partenza) i punti interrogativi non solo non venivano trasformati in interrogativi, ma il gruppo compatto rendeva ancor più difficile capire chi potesse salire sul gradino alto del podio. Comunque sia, uno sprint per il traguardo volante c’è stato, tanto da assegnare la vittoria dello stesso al keniano Edward Kiptanui.


Secondo giro in cui le posizioni iniziano a delinearsi. Diego di Salvo,  in diretta dal percorso, mi dava le giuste coordinate per far vivere ancor di più in tempo reale la gara, con interventi che erano non solo di tempi e posizioni, ma iniezioni di passione ed emozione, per quanto di bello la gara proponeva in quegli istanti.


Al passaggio a 2/3 di gara le idee, a me a al pubblico, iniziano a divenire più chiare. Gianluca Ricci, Giovanni Auciello e Cristian Gaeta (poi giunti 4°/5° e 6°) ce la mettono tutta per non lasciare il treno vincente. In testa un tris di atleti africani che hanno deciso di darsi battaglia, di fare gara spalla a spalla. Dei tre del gruppetto di testa, ad 1 km dalla fine, il primo a mollare e accontentarsi del podio è stato proprio il vincitore del traguardo volante, mentre AbdelKebir Lamachi (Atl. Capua) e Solomon Rotic (Violetta Club) si sono affrontati, metro dopo metro, fino al rettilineo del traguardo. Rotic qui ha fatto la differenza, piazzando un parziale negli ultimi 300 metri da paura (alla fine 27’23’ per la sua vittoria).


Applausi a scena aperta infine per Marciano Pilla. Amatissimo dal pubblico, Marciano ha saputo ben figurare, giungendo 23° e primo degli atleti di Venafro. Il premio speciale per il primo atleta della provincia di Isernia invece è andato al forte Giuseppe Ucciferri, del team Nuova Atletica Isernia.


 


La gara donne presentava tre nomi pronosticabili per la vittoria, e le stesse poi hanno confermato il pronostico, salendo sul podio. Il dubbio restava per la posizione delle ragazze nella classifica finale ma, alla fine, la gara (e soprattutto il 2° giro) hanno fatto la differenza.


Martina Rocco (allenata come Giovanni Auciello da Pasquale Venditti) ha classe da vendere e la capacità di interpretare la gara come poche (ed a Venafro l’ha confermato alla grande).


Un primo giro in compagnia della forte marocchina khadija Laaroussi (Arca Aversa), con la Rumena Ana Nanu (già medaglia di bronzo agli europei sul 10.000 metri) a poca distanza. La svolta, ancor più che nella gara maschile, nel secondo giro. Martina lascia la compagnia della Nord Africana, schizza via in salita e passa con 50 metri di vantaggio su Khadija. Con la Nanu che comprende da subito che per lei è molto meglio gestirsi la terza piazza, e così farà fino al traguardo. Sempre in spinta e più che mai convinta, Martina Rocco viene avvolta dal calore della gente, quasi un’adozione collettiva al volo per lei. 3’37’ a km, sul percorso proposto, è decisamente un bel viaggiare, a conferma che la ragazza (in forza al team Running Club Futura) è in ottima forma. A quasi 1’00’ l’arrivo della Laaroussi, con la Nanu a completare il podio, giungendo a 1’25’. La neo campionessa Italiana di mezza maratona promesse, Eleonora Buzzoni, conferma di essere un nome importante in proiezione futura, fermando il crono sui 36’18’.


Tra la sue gente e sulle proprie strade la bella ed emozionante performance di Anna Bornaschella (Atletica Venafro). Anna ha tenuto fede alle attese che l’avrebbero voluta protagonista, e così è stato. 5a posizione per lei e vittoria della speciale classifica riservata agli atleti della provincia di Isernia e quella, naturalmente, della classifica degli atleti di Venafro.


Tre gare in 24 ore per Filippa Oliva (Napoli Nord Marathon). Tre gare che l’hanno sempre vista tra le protagoniste. E’ stata infatti capace di esserlo anche al Trofeo San Nicandro: per lei la sesta posizione in 37’11’.


Grande spettacolo a Venafro. Perfetta organizzazione del team Atletica Venafro. Un appuntamento che si proietta alla grande verso l’edizione numero 10. L’edizione della Stella


Nelle foto (Di Franco Manna e Nicola Peluso): Partenza. Solomon Rotic e Martina Rocco.

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • Aldo Martucci Poligolfo

    Davvero stupenda, questa gara. e’ stato un piacere correrla. Un grande applauso alla gente di Venafro, all’arrivo sembrava di correre la maratona di Roma. Un Grazie all’organizzazione ed un arrivederci alla prossima.

  • giovanni calce Poligolfo

    complimenti a tutti, non solo al Presidentissimo Max!
    Volevo ringraziare tutti gli atleti della Poligolfo che sono stati presenti in modo particolare a willy e agostino che in 24 ore hanno partecipato a 3 gare podistiche e alle nuove leve: Angelica, Sonia, Gianluca, Roberto e Vincenzo.

  • antonio tomao poligolfo formia

    complimenti a tutti gli amici di venafro, anche se per motivi familiari non sono stato con voi, dai commenti fatti daglia amici e sopratutto da giovanni calce, come al solito è stata un organizzazione impeccabile bravi!!!!

  • massimiliano terracciano

    Un grazie, di cuore a tutti . grazie

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>