Cronaca slide — 25 giugno 2013

resized_podio_femmAria frizzante stamattina, spruzzata dalle cime dolomitiche ancora imbiancate e baciate da un sole tiepido, benvenuto dopo la nevicata improvvisa di ieri alla Val di Fassa Running, in Trentino.

Dunque oggi seconda tappa, a Campestrin, con un’inedita salita subito dopo Campitello che ha fatto selezione dura e alla fine dei 13,2 km di gara il successo è arriso ai secondi in classifica generale, un determinato Salvatore Concas (Genova di Corsa) ed una convincente Mirella Bergamo (GS Valsugana).

Come sempre il colpo d’occhio al via delle 9.30 è affascinante, oltre 400 runners che premono dietro l’arco di partenza, nel parterre lasciato libero dai “camminatori” partiti alle 9.

La gara è entrata subito nel vivo. I primi chilometri pianeggianti hanno incoraggiato i velocisti e così dopo i primi metri è passato a condurre Ridha Chihaoui tallonato da Vito Sardella, un allungo che ha sorpreso il gruppetto dei migliori e che li ha costretti a sostenere un’andatura molto “allegra”. Ma dopo il transito dal centro di Campitello la musica è cambiata. Una ripida e tecnica mulattiera ha subito messo a nudo le intenzioni dei più quotati. Il primo ad entrare nel bosco è stato il fassano Massimo Leonardi che era sfuggito alla grinfie di Galliano e Concas i quali si controllavano a vicenda inseguiti a loro volta da Di Cecco e da Chihaoui.

Man mano che il sentiero si inerpicava verso località La Crous la gara cambiava fisionomia, con Concas e Galliano ad imporre un ritmo impossibile per gli avversari. Leonardi, forse partito troppo forte, ha pagato dazio e si è fatto sorpassare dai due protagonisti annunciati di questa edizione della Val di Fassa Running.

Al ristoro di Baita Barcia Vecia, prima dell’ultima salita che conduceva i runners sulla forestale inizialmente pianeggiante e poi in picchiata, Concas aveva le redini della gara in mano, ma la sua ombra sullo sterrato si confondeva con quella di Galliano. I due erano vicinissimi, anche nello spettacolare guado che i due hanno affrontato come abili atleti del salto in lungo. Qualcuno, dietro, ha fatto un fresco pediluvio, ma non Mirella Bergamo che sulla prima salita si è messa a condurre la danza femminile. La Bergamo ha preferito allungare di un briciolo il tragitto e utilizzare la passerella, la Rudasso invece pur di rosicchiare qualche secondo è “volata” sul guado. Dietro la Nanu era ben staccata, con la Scarselli in recupero e la Fortin a distanza di sicurezza.

Tra i maschi, alle spalle di Concas, Galliano e Leonardi si è creato un piccolo gap e ad inseguire si sono messi Chihaoui, Di Cecco, Minici, Sardella, Ronca, Chiera e Piergiovanni, tutti ad alimentare la voglia di chiudere nei primi dieci.

Concas non ha più mollato la leadership, anzi l’ha difesa con i denti mentre Galliano era incapace di reagire, ma in grado di tenere sempre a vista il rivale.

Alla fine la gara non ha avuto scossoni. Concas è volato sul traguardo di Campestrin con 9” di vantaggio su Galliano, che si tiene ancora ben stretto il pettorale di leader della generale con oltre 2’ di vantaggio. Leonardi si è “accontentato” del terzo posto ed il suo imperativo ora è difenderlo fino al tappone di venerdì.

La gara femminile è stata comunque vivace. In discesa dopo il guado la Rudasso ha messo il turbo e sul fondovalle ha punzecchiato e sorpassato la Bergamo. Ma la trentina non si è data per vinta e con un colpo di reni ha messo il sale sulla coda della Rudasso ed è scappata via andando a vincere con 42” sulla ligure. Un distacco che ha consegnato alla Bergamo su un piatto d’argento anche il pettorale di nuova leader. Viviana Rudasso comunque non demorde, ed è pronta a ribattere colpo su colpo nella tappa di domani. Sul podio di  oggi anche la Nanu, terza, ma nettamente staccata in un momento in cui il suo stato di forma non è al massimo.

Domani si recupera la tappa di lunedì, annullata per neve. Stesso percorso in programma, partenza da Campitello e subito salita con un tratto molto tecnico nel bosco che catapulta i runners ad oltre 2.000 metri di quota con spunti al 25%. Poi un passaggio al rifugio Micheluzzi e giù a Pian, fino a raggiungere il traguardo in pieno centro a Campitello. La Val di Fassa Running domani attende la riscossa dei “battuti” di oggi, Galliano e Rudasso. Lo spettacolo ne guadagna di sicuro.

Info: www.valdifassarunning.it

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>