Cronaca — 05 luglio 2011

Clicca per l'immagine full sizeStavolta alla partenza è andato tutto bene. Gabbie in base ai tempi e meno ressa rispetto alle passate edizioni. Certo, qualche perplessità c’è stata quando nella prima zona (con pettorali da 51 a 150) abbiamo visto gente che corre i 10 km oltre i 40′, ma essendo in pochi in quella gabbia ci abbiamo riso su, pensando a un’estrazione a sorte. Forse se erano di più ci saremmo un po’ scaldati, ma tant’è. (Un suggerimento agli amici organizzatori. L’anno prossimo in quella gabbia mettete coloro che corrono fino a 3’45”, cioè fino a 37’30” sui 10 km). Comunque le gabbie erano ampie e tutto è andato per il meglio (almeno per quello che ho potuto vedere). Pubblico dei grandi eventi e partecipazione massiccia.


Veniamo alla gara. Grandi nomi dell’atletica italiana maschile e femminile e un mare di amatori che hanno arricchito l’evento e gli hanno dato il giusto spessore. Ottimo le premiazioni degli amatori che, non bisogna dimenticarlo, sono il sale delle manifestazioni su strada e quindi vanno valorizzati e incentivati. Il percorso è stato veloce e quello che mi ha colpito di più è stato il calore della gente che ha applaudito sempre. In particolare a San Salvatore Telesino, dove due ali di folla ci hanno fatto sentire importanti come se fossimo a un’Olimpiade. Davvero molto bello. Sicuramente il caldo e l’umidità hanno inciso sul risultato cronometrico, ma l’importante era divertirsi e credo che ci siamo divertiti tutti. Devo dire che rispetto all’anno scorso per me è stato un piacere assaporare metro dopo metro il percorso, cosa che la passata edizione non potetti fare in quanto partii senza riscaldamento e fu una lunga sofferenza portare a termine la gara.


Vittoria per Ezekiel Meli (Atl. Virtus CR Lucca) e Anna Incerti (Fiame Azzurre). Ottime prove per Daniele Meucci, Rosaria Console, Domenico Ricatti, Ruggero Pertile, Maksym Obrubanskyy e tutti gli altri grandi nomi dell’atletica leggera italiana. Una meritata vittoria di società alla Road Runners Maddaloni e piazze d’onore per gli Amatori Vesuvio e l’Isaura Valle dell’Irno. Quest’ultima, la società cui appartengo, sembra abbonata al terzo posto quest’anno, ma – lasciatemelo dire – nonostante le molte assenze di ‘peso’, si è difesa bene mostrando una buona qualità e un forte senso di appartenenza.


Ottima anche l’idea di far ritirare i premi dopo la classifica ufficiale, così i soliti furbi ci penseranno due volte prima di sottrarre un premio, ma su questo punto bisogna lavorarci un poco, visto che una fila era superaffollata e una vuota. Si può fare meglio e sono certo che l’anno prossimo ci riuscirete.


Un plauso meritato agli organizzatori va fatto per essere riusciti a portare a Telese l’Atletica che conta e a offrirci una grande e bella manifestazione. Continuate così e il vostro trofeo diventerà una delle migliori gare nazionali.

Autore: Elio Frescani

Share

About Author

Peluso

  • Selce Gerardo Atletica Aurora

    Condivido in pieno Elio la tua analisi precisa … io era la prima volta che la facevo dato che è da settembre che corro… una gara fantastica.. e poi partire proprio a ridosso di quei campioni un’emozione eccezionale…. e complimenti anche x la tua gara sei proprio forte……

  • giovanni cimminiello amatori vesuvio

    la gara podistica meglio organizzata che io abbia partecipato…complimenti agli organizzatori

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>