Cronaca — 19 maggio 2011

Per un prete è sempre molto complicato partecipare ad una maratona che, per la maggior parte, sono organizzate di domenica. Comunque, dopo aver studiato svariate e improbabili combinazioni con il calendario annuale alla mano, eccomi, il mattino del 15 maggio alle 4.30, ad attendere insieme a Franco Biscotti di Peschici il sonnolente Pasquale Giuliani, per partire da Cagnano Varano (Fg) verso Porto San Giorgio e quindi partecipare alla mia prima maratona dell’anno.


Giunti a destinazione, dopo aver ritirato i pettorali (grazie al prezioso aiuto organizzativo di Massimo Faleo che nel frattempo ha sbrigato per noi tutte le formalità di rito), ci rechiamo al nastro di partenza salutando i tanti amici incontrati nelle gare precedenti e mentre lo speaker scandisce il tempo che ci separa dall’inizio della gara, la mia mente va all’edizione dello scorso anno: allora vi partecipai come allenamento in vista della 100 km del Passatore, oggi è mio intento provare a limare di qualche minuto il mio tempo personale.


Finalmente si parte. Raggiungo subito la velocità di crociera di 5 min. al Km che riesco a mantenere fino al 30° Km. Purtroppo la mancanza di allenamenti specifici e il digiuno di lunghe distanze percorse precedentemente si fanno sentire: allora deve supplire la forza di volontà e far memoria che è da questo momento in poi il bello della gara! Intanto mi accorgo che la divisa personalizzata realizzata dal nostro presidente Pasquale Giuliani mi fa uscire dall’anonimato: non sono pochi quelli che leggendo ‘don Luca’ sulle mie spalle non sanno se pensare ad uno scherzo; mentre qualcun altro, vedendosi superare da un prete, esclama che non c’è più religione


Al termine della gara la curiosità è d’obbligo: come è andata?


Per la società di cui faccio parte molto bene! Nove atleti della Gs Atl. Stracagnano  sono giunti all’arrivo conquistando così una delle prime posizioni tra le società fuori regioni partecipanti; La nostra Iacola Antonietta, di Foggia, si è classificata 2° assoluta femminile con il tempo di 3 h e 28′; il nostro Cassavia Francesco, dal primo gennaio 4° supermaratoneta della società, con il suo 3 h e 11′ si è posizionato al 36° posto assoluto; sempre degno di nota sono le prestazioni dei ‘fuori classe’ Piscione e Giuliani Pasquale, i quali la settimana precedente (sabato pomeriggio, 7 maggio) si sono recati a Banzi per la ‘6 ore dei templari’ eil giorno dopo (8 maggio mattina) a Barchi per la ‘ColleMar-haton’


E per il sottoscritto? Altrettanto bene, considerando che: ogni maratona è una gara a sé; che la vera vittoria è portarla a termine; che le relazioni instaurate prima, durante e dopo la gara costituiscono un tesoro molto prezioso. Dal punto di vista strettamente sportivo poteva invece andare meglio: le 3 h e 40′ impiegate sono un tantino in più della scorsa edizione. Vuol dire che dovrò rifarmi a Cagnano Varano il 18 giugno p.v. dove, correndo in casa potrò contare sul calore e sostegno del pubblico.


Augurandomi allora di vedervi a Cagnano prossimamente, dove tra l’altro Guerino Pasquale di S. Severo celebrerà la sua 100° maratona, non posso congedarmi senza esprimere la mia gratitudine e i miei complimenti agli organizzatori della maratona del Piceno.

Autore: Don Luca Santoro

Share

About Author

Peluso

  • Gennaro Di Mauro – ASD Polisportiva Folgore Nocera

    Complimenti. Ci vediamo a Cagnano Varano il 18 giugno per la Maratona del Gargano. Saluti.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>