Curiosita — 02 aprile 2011

Il maestro di giornalismo Gianpaolo Ormezzano ha voluto dedicare un pensiero a tutti quelli che correranno o anche solo hanno pensato di correre, la 24 ore di Torino. Parole bellissime, poesia che riteniamo giusto condividere:



Non c’è nessuna delle cosiddette buone ragioni per correre ininterrottamente un giorno e una notte, per 24 ore: soldi pochi o niente, gloria idem, salute fisica sicuramente meglio coltivata con altri metodi, salute mentale sottoposta ad agguati vari.


La sola buona ragione assoluta, è appunto l’assenza di buone ragioni relative, quelle che, purtroppo di regola, fanno arida, avida, scontata la vita.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>