Cronaca — 29 novembre 2009

Un grande rientro per il lombardo dei Carabinieri Danilo Goffi alla maratona di Firenze. L`atleta di Nerviano, trentasette anni, tornato ad allenarsi con Giorgio Rondelli, ha chiuso la sua gara ai piedi del podio con 2h12`45″. Davanti a lui tre atleti keniani e l`oro a Chebet Ben Kipruto, classe 1982, plurivincitore di varie maratone, allenato dal giovane tecnico lombardo Claudio Berardelli. Goffi, che vanta un personale di 2h08’33’ (Rotterdam 19-4-1998) e 9 presenze in Nazionale (argento europeo a Budapest ’98, medaglia d’oro ai campionati europei juniores nei 10000 a Salonicco nel 1991 e nono alle Olimpiadi di Atlanta con 2h15’08’), ha riprovato nuove sensazioni in allenamento quest`estate in montagna e, con entusiasmo, ha ripreso una preparazione seria in agosto, aiutato anche da attente cure fisioterapiche. Da tanti anni il maratoneta azzurro, che spesso si allena al Campo xxv aprile e sulla `montagnetta` di Milano, non riusciva ad ottenere tempi di passaggio così buoni, sostenendo un ritmo di gara intenso e una partenza molto forte. “Ho visto Danilo molto determinato sotto il profilo psicologico in questi ultimi tre mesi – commenta il suo tecnico Giorgio Rondelli – sul finale, verso il 32° km quando ha preso Caimmi, mi ha anche detto di essere rimasto un po` appagato. E` stato bravo a gestire un lungo periodo di gara da solo e ha comunque ottenuto la seconda prestazione stagionale alle spalle di Ruggero Pertile (2h09`55″ a Torino). Nel 2008 ha corso abbastanza bene nei cross e, poco prima dell`estate, abbiamo fatto il punto della situazione, vista la sua integrità fisica, per puntare a cercare la maglia azzurra per gli europei di Barcellona. Quest`estate a S. Moritz, si è allenato con la determinazione degli anni `90, Il tre dicembre compirà 37 anni, sembrava un ex atleta ma, se continuiamo con costanza la preparazione, Danilo potrebbe ancora fare una buona esibizione a livello internazionale.”

Quarto posto, tra le donne, anche per l’azzurra comasca Ivana Iozzia, 36enne della Corradini Rubiera, che ha chiuso in 2h 37`36″. La Iozzia, che vanta un personale di 2h34’32’ ottenuto in aprile con il quinto posto alla maratona di Padova, ha pagato il ritmo veloce della prima parte di gara che ha condotto sempre in testa, passando alla mezza in 1h15`48″. La gara femminile ha visto la vittoria dell`austriaca Eva Maria Gradwohl, classe 1973, alla sua 14ma maratona, in 2h35`42″.

Autore: Fidal Lombardia

Share

About Author

Peluso

  • angelo bertoleti

    oggi 13 marzo 2011 ho avuto il piacere di conoscere danilo goffi e nel salutarlo a fine pranzo dice di essere maratone di professione. quindi cerco nel sito e con grande e piacevole sorpresa leggo tutti i meriti e successi avuti. complimenti !! e auguri x una carriera lunga e piena di soddisfazioni. renata

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>