Atletica News slide — 04 gennaio 2017

golden-spikeTicket to ride, un biglietto per cavalcare: un vecchio successo dei Beatles da riesumare per il 2017, l’anno dell’addio di Usain Bolt, in sella sul mondo dal 2008, ma anche di una carica da portare, a zoccoli rombanti, su tutti i terreni per ridare fiato, credibilità, etica, squarci di serenità a un mondo che ha attraversato cicloni e turbini, sotto un tetto di nubi nere.

In questo scenario Londra assume la fisionomia della città simbolo: il 23 aprile la maratona da Greenwich a Buckingham Palace, raduno di massa e appuntamento per un’elite che in questi anni ha disseminato i piani alti di prestazioni importanti e di nomi che appartengono già alla storia della distanza; il 9 luglio gli Anniversary Games, etichetta che ha finito per prendere il sopravvento su vecchie denominazioni, nel ricordo di Giochi che quanto a pubblico dell’atletica corsero fianco a fianco con Sydney 2000, fornendo alla fine cifre da capogiro, per presenze e per incassi; dal 4 al 13 agosto, stesso stadio di Stratford, nel Parco Olimpico intitolato a Elisabetta II, i primi Mondiali su suolo britannico, l’ennesima tappa di una Golden Decade che ha portato nella capitale e in gran parte del territorio, Mondiali di calcio a parte, tutti gli appuntamenti più prestigiosi: la Coppa del Mondo di rugby, con due milioni e mezzo di spettatori, e i Giochi del Commonwealth a Glasgow sono stati i lunghi momenti a più alta intensità.

La marcia sul Mall, il viale alberato che porta dall’Arco dell’Ammiragliato al Buckingham Palace; la maratona con partenza e arrivo al Tower Bridge e un serie di puntate nella Londra storica, le gare nello stadio dell’East End, la caccia ai biglietti sempre più spasmodica; i tutto esaurito già raggiunti per le serate che avranno protagonisti Bolt e Mohamed Farah, alle ultime gare in pista prima di dedicare alla strada l’ultima parte di carriera, con attenzione e ambizione rivolte alla maratona di Tokyo 2020: se Londra è la moderna Roma, questi sono i suoi ennesimi Giochi. E chi li mette in scena sa di non rischiare: su palcoscenici dove un music-hall può tenere anche vent’anni, lo sport riscuote successi e folle strabocchevoli dal tempo di Victoria, regina e imperatrice.

Il 2017 mette a disposizione altri biglietti per cavalcare: chi ha voglia di impugnare un nastro azzurro, può afferrarlo l’8 giugno, sera del Golden Gala all’Olimpico di Roma (inutile sottolineare la dimensione della “classica”), seguirlo di lì a due settimane per quella che i vecchi, noi compresi, continuano a chiamare Coppa Europa che dopo molti anni torna a Villeneuve d’Ascq, moderno sobborgo di Lille, non mollarlo e legarlo stretto alle mura medicee di Grosseto che ospita ancora gli Europei under 20 dopo esser stata tappa nel 2004 di indimenticabili Mondiali. La capitale della Maremma e la polacca Bydgoszcz (che ha voluto gli Europei under 23) continuano in una marca che è anche una missione: accogliere le grandi rassegne giovanili su una linea di confine in cui è difficile distinguere il dovere dal piacere.

Per chi è esperto nella ricerca di voli a buon mercato, indirizzarsi sulla rotta che porta a Nairobi: un Mondiale under 18 nel paese che ha dato alla storia tanti magnifici germogli, può essere un’occasione imperdibile e fonte di racconti da tramandare a figli e nipoti, come capita quando si assiste ad albe portentose.

Per chi, invece, privilegia l’ultima arrivata nella grande famiglia, la destinazione è molto più vicina: l’antica Kamnik, Slovenia centrale, a 30 km da Lubiana, rinnova il suo amore per la corsa in montagna e dopo la rassegna iridata del 2010 si appresta a ricevere gli Europei. Poi, per la prima volta, due Mondiali nell’arco di una settimana: entrambi in Italia, a Premana (Lecco), tra la fine di luglio (salita e discesa) e l’inizio di agosto (lunghe distanze), preceduti nel mese di giugno dall’International Youth Cup a Gagliano del Capo, in Puglia. Chi sta pianificando i viaggi, non dimentichi il tricolore. Di solito, quando in scena vanno i camosci azzurri, le occasioni per sventolarlo non mancano.

2017: GLI APPUNTAMENTI
6 gennaio: Campaccio Cross, IAAF Cross Country Permit Meeting, San Giorgio su Legnano
15 gennaio: Cross della Vallagarina, EA Cross Country Permit Race, Villa Lagarina
22 gennaio: Cinque Mulini, IAAF Cross Country Permit Meeting, San Vittore Olona
3-5 marzo: Campionati Europei indoor, Belgrado (Serbia)
11-12 marzo: Coppa Europa di lanci, Las Palmas (Spagna)
12 marzo: RomaOstia Half Marathon
26 marzo: Campionati Mondiali di corsa campestre, Kampala (Uganda)
2 aprile: Maratona di Roma
2 aprile: Milano Marathon
22-23 aprile: IAAF World Relays, Nassau (Bahamas)
28-29 aprile: Multistars, IAAF World Combined Events Challenge, Firenze
5 maggio: IAAF Diamond League, Doha (Qatar)
13 maggio: IAAF Diamond League, Shanghai (Cina)
21 maggio: Coppa Europa di marcia, Podebrady (Rep. Ceca)
27 maggio: Prefontaine Classic, IAAF Diamond League, Eugene (Stati Uniti)
8 giugno: Golden Gala Pietro Mennea, IAAF Diamond League, Roma
10 giugno: Coppa Europa 10.000 metri, Minsk (Bielorussia)
15 giugno: Bislett Games, IAAF Diamond League, Oslo (Norvegia)
18 giugno: IAAF Diamond League, Stoccolma (Svezia)
23-25 giugno: Campionati Europei a squadre, Lilla (Francia)
24 giugno: WMRA International Youth Cup, Gagliano del Capo
1° luglio: IAAF Diamond League, Parigi Saint-Denis (Francia)
1-2 luglio: Campionati Europei a squadre di prove multiple
6 luglio: Athletissima, IAAF Diamond League, Losanna (Svizzera)
8 luglio: Campionati Europei di corsa in montagna, Kamnik (Slovenia)
9 luglio: Anniversary Games, IAAF Diamond League, Londra (Gran Bretagna)
12 luglio: Meeting Sport Solidarietà, EA Permit Meeting, Lignano
12-16 luglio: Campionati Mondiali U18, Nairobi (Kenya)
13-16 luglio: Campionati Europei U23, Bygdoszcz (Polonia)
16 luglio: IAAF Diamond League, Rabat (Marocco)
16 luglio: Meeting Città di Padova, EA Classic Meeting, Padova
20-23 luglio: Campionati Europei U20, Grosseto
21 luglio: Herculis, IAAF Diamond League, Montecarlo (Monaco)
24-28 luglio: Festival olimpico della gioventù europea (EYOF), Gyor (Ungheria)
30 luglio: Campionati Mondiali di corsa in montagna, Premana
4-13 agosto: Campionati Mondiali, Londra (Gran Bretagna)
6 agosto: Campionati Mondiali di lunghe distanze di corsa in montagna, Premana
20 agosto: IAAF Diamond League, Birmingham (Gran Bretagna)
23-28 agosto: Universiade, Taipei
24 agosto: Weltklasse Zurich, IAAF Diamond League, Zurigo (Svizzera)
29 agosto: Palio Città della Quercia, EA Premium Meeting, Rovereto
1° settembre: Memorial Van Damme, IAAF Diamond League, Bruxelles (Belgio)
3 settembre: Rieti Meeting, IAAF World Challenge
22 ottobre: Venicemarathon, Venezia
10 dicembre: Campionati Europei di corsa campestre, Samorin (Slovacchia)

Ufficio stampa fidal

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>